Gestione voip rete Tim

Eten666

Salve qualcuno di voi con connessione di rete Tim in tecnologia fttc ha mai provato a sostituire il router della Tim riuscendo a gestirà anche la parte voip.
00
Eutidemo

Eutidemo

49 anni, Varese (Italy)

Io non ho ancora la possibilità di connettermi alla connessione che sfrutta la fibra ottica ma, a quanto capisco, con la tecnologia che si limita a raggiungere la cabina dalla quale si diramano le connessioni alle singole utenze il modem/router ADSL resterà quello legato alla tecnologia del doppino telefonico. Io è da una vita che utilizzo un altro modem/router rispetto a quello fornitomi da TIM quando ancora non si chiamava così, e non ho mai avuto problemi con le comunicazioni vocali via internet.
Solo con Skype non mi ci trovo più da quando è passato a Microsoft ma il problema dipende probabilmente dal fatto che, costretto obtorto collo a migrare da XP professional alle varie versioni di Windows, per evitare i conati di vomito ho affiancato alla versione 10 un altro OS: Ubuntu che uso abitualmente. Windows lo uso in pratica solo per aggiornare il TOM TOM, altra porcheria, che mi sono ritrovato montato sull'automobile.

PS anche questi Forum mi sembrano alquanto mal impostati perché estremamente dispersivi e gestiti in modo poco efficace.
10

Eten666

Ciao e grazie per il tuo contributo mi sembra di capire che tu non sei connesso in tecnologia FTTC ma ancora con protocollo ADSL ecco perché non hai problemi a sostituire il router in ADSL la fonia è analogica PSTN con le nuove connessione miste fibra/rame il protocollo è vdsl/vdsl2 e la fonia è in voip e Tim non ti fornisce le credenziali per gestirla con altri router, ci sono delle soluzione ma sono fondamentale illegali e l'unico router che gestiva si la parte di routing che la fonia tra il fritzbox ma ora non più
00

Eten666

Per quanto riguarda skipe io lo uso ottimamente con Windows 10 come hai detto tu passando a Microsoft lo ottimizzano per il loro iOS Ubuntu e un'ottima distro basata su kernel Linux fai bene ad usarla sopratutto con pc con hardware un po' datati
00
Eutidemo

Eutidemo

49 anni, Varese (Italy)

Immaginavo che la mia risposta non ti sarebbe stata utile ma ho voluto fornirtela allo scopo di cercare di richiamare l'attenzione sull'argomento nella speranza che qualcuno possa fornire le informazioni che cerchi.
Dalla tua risposta deduco che Tim utilizza un protocollo proprietario che vincola ad un Hardware specifico ma se uno cambiasse il gestore telefonico che cosa succederebbe? Così a naso mi sembrerebbe un comportamento sanzionabile dall'autorità antimonopolio.
Ma siamo in Italia e la tutela del cittadino vale per i cittadini e non per i 60 milioni di sudditi.
Una volta la fatturazione era trimestrale ora anziché 4 operazioni all'anno ne devi fare 12 e sostenere 8 adempimenti in più per ciascuno dei quali hai anche un addebito per spese di spedizione e viene triplicato il quantitativo di carta.
Sull'addebito in conto ho molte riserve: in passato mi addebitarono una chiamata ad un numero a pagamento: la chiamata poteva averla fatta il cane o uno dei gatti perché io ero in ufficio. Protestai, con lettera raccomandata, chiedendo che mi venisse specificato il numero completo dell'utenza che era stata chiamata dal mio apparecchio perché ero intenzionato a sporgere denuncia alla Polizia Postale. Mi venne stornato l'addebito ma non mi vollero segnalare il numero in questione. Probabilmente feci male a non sporgere una denuncia verso ignoti.
Contro altro gestore di telefonia vinsi una causa per ottenere il rimborso dei canoni addebitatimi nonostante l'inadempienza ed un risarcimento, che fu solo parziale, per il pregiudizio creatomi dall'interruzione del collegamento ad internet per 3 mesi senza che avessi altra la possibilità di connessione di quella, allora molto costosa, con la telefonia mobile.
Non sono un grande estimatore della giustizia americana ma trovo che con il termine "punitive damage" sanzionino molto pesantemente i soggetti che fanno deliberatamente i furbi confidando sul fatto che la massa ingolla il rospo senza agire legalmente.
00
Eutidemo

Eutidemo

49 anni, Varese (Italy)

Io ho negato il consenso al trattamento dei dati e quotidianamente mi viene riproposto di esprimere il consenso per negare i quale devo entrare nel dettaglio a modificare in “no” l’assenso che viene proposto quale prima istanza: trovo che ciò non sia ortodosso. Che cosa ne pensate?
00
Per rispondere a questa discussione effettua l'accesso oppure registrati.