3.379 commenti sul Magazine
Vabbè, sono io che non capisco un cazzo. Mi arrendo.
Socio-culturalmente non c'è parità tra i sessi. Mi stupisce che una persona acculturata come te non se ne rende conto. Forse ho sbagliato ad usare il termine "patriarcato", mea culpa...ma come ho detto ci vorrebbe molto più tempo e spazio per approfondire la questione.
Non c'è dubbio che uomo e donna siano diversi sotto molti aspetti però l'auspicio, almeno dal punto di vista sociale, è che possano un giorno avere lo stesso "valore" all'interno della società...ma non è ancora così. Non parlo di diritti/doveri, almeno legislativamente quelli ci sono, ma di RUOLI. Faccio giusto qualche esempio: la prostituzione e lo sport.
La prostituzione è quasi interamente femminile...lo è per una questione genetica o culturale? Perché c'è una così grande differenza tra i seguiti di sport maschili rispetto a quelli femminili? Mi sa che De Coubertin poco aveva compreso di cosa rappresenta lo sport per l'umana specie. Anche i crimini più efferati sono per la maggior parte compiuti da uomini. Oppure vogliamo paragonare il numero degli stupri per genere?
Ora, tu puoi anche essere incazzato quanto ti pare con il mondo femminile però dire che le donne sono violente quanto gli uomini mi pare una grossa stronzata. Ci sono donne cattive, violente e insensibili? Si, esistono. Però non quanto molti uomini.
La questione dei divorzi è delicata quanto l'affidamento dei figli. Ne parlo anche per esperienza personale avendo molti esempi all'interno della mia stessa famiglia. Di sicuro esistono casi limite ed eccezioni...però proprio perché in genere nella maggior parte dei casi è giusto affidarli alla mamma, poi ci vanno a rimettere anche quei padri che invece meriterebbero. Io sono CONVINTO che in ogni caso i legami di sangue non contano nulla: i figli sono di chi li cresce ed ama.
La peggior forma di violenza psicologica è quella che subiscono i bambini perché nella maggior parte dei casi determina chi saranno nel futuro e quanto li segnerà nel corso della loro esistenza.
La verità è che l'essere umano di fondo è cattivo e tende alla violenza, di qualsiasi forma essa sia, psicologica o fisica. Spesso, purtroppo, non sono sufficienti leggi-costume sociale-morale-cultura a mitigare questa violenza.
Non mi voglio dilungare sui ruoli che l'uomo e la donna e maschilismo e femminismo hanno ricoperto nella storia umana ma sono convinto che ci vorrà ancora qualche decennio per la parità dei sessi (almeno a livello socio-culturale). La nostra società è ancora figlia del patriarcato. Non giudico se sia giusto o sbagliato, bene o male, ma solo che è un dato di fatto. Ho fatto questa premessa perché al di là delle mere statistiche, durante la mia breve esistenza, ho riscontrato che sono gli uomini a propendere maggiormente per la violenza, compresa quella psicologica. Non si può riuscire in poche righe a spiegarne la motivazione e le responsabilità quindi lascio dei puntini di sospensione...
L'articolo propone soluzioni per contrastare la violenza psicologica a mio avviso solo "teoriche" e di difficile reale applicabilità. Chi subisce violenza psicologica (o fisica) in genere è succube di tali nefandezze. La prova concreta che abbiamo dalla nostra cronaca nera è che non basta nemmeno la denuncia dei casi di violenza fisica gravi per ottenere protezione dalle istituzioni, troppo spesso inefficaci. Quindi figuriamoci la reale capacità, sempre delle istituzioni, di aiutare concretamente chi è vittima di violenza psicologica. Non resta che sperare, in questi casi, che la vittima abbia la forza e la possibilità di allontanarsi da chi le causa questa sofferenza...e magari sperare nell'aiuto esterno, che siano amici, familiari o conoscenti.
Sempre per mio parere personale, sono convinto che l'indifferenza omertosa di chi assiste consapevole a quanto capita nei confronti di una vittima, e pur potendo intervenire o fare qualcosa per fermare lo scempio, è altrettanto grave di chi compie tali atti. Lo so che sembra sempre il solito discorso retorico del "buon samaritano", però è anche un dato di fatto che il mondo, moralmente parlando, fa schifo: non lo può cambiare nessuno di noi...ma almeno se qualche volta ci capitasse di aiutare qualcuno in difficoltà non possiamo certo renderlo peggiore.
Con questa lunga "paternale" vi auguro un buon proseguimento di giornata.
Azz...per fortuna che avete apprezzato Crisantemi e Cactus!!! 😂
😘 😘
Ma uno sarà pure libero di parlare con chi cazzo gli pare e piace? Io con chi mi sta sui marroni non ci parlo, giusto per fare un esempio. Inoltre, sempre mio parere personale, preferisco le persone schive e magari un poco asociali a quelle espansive che magari non ci pensano due volte a mettertelo in quel posto se ne hanno l'occasione.
Come un Cactus

Pungente.
Intoccabile.
Come un cactus.

Mi aggrappo alla terra secca e arida.
Spingo le miei radici ancora più affondo.
Cerco. L'acqua.
Come se fosse ambrosia.
Mi asseta ancora di più, il desiderio.
Insopportabile.
Insopportabile questa mia sete.
Insopportabile anche la voglia di essere sfiorata.
Ma le spine così cattive, allontanano.
Allontanano tutti.
E so che è un bene.
E so che è un male.

Quanto vorrei essere fiore delicato.
Profumato. Colorato.
Vorrei essere effimera.
E appassire nel gelo dell'autunno.
O strappata dalle tue mani.
Così morirei dolcemente.
Con tutta la mia fragranza intatta.
Invece vivo.
Nel freddo.
Sotto il sole.
Nella sete.
Con le spine intatte.
Sempre più forti.
Da sola.

Chi mai vorrà avvicinarsi ad una vita così crudele?

Sotto le miei armi pungenti si nasconde un cuore.
Anch'esso di spine.
Ogni battito è dolore.
Ogni emozione mi punge dentro.
Sanguino e soffro.
Nella speranza che la mia sete mi secchi lentamente.
Nella speranza che ogni battito sia l'ultimo.
Nella speranza che il tuo sguardo di posi su di me.
Almeno un' ultima volta.
Crisantemi

O pallidi fiori dei morti,
vi guardo ma senza tristezza.
Vi sfiora, con lieve carezza,
negli orti
la luce del sole un po’ stanca.
Fiorite vicino alla scuola,
e il canto dei bimbi consola
la bianca
ghirlanda dei petali fini.
Novembre vi soffia dal colle,
l’aroma del mosto che bolle
nei tini.
🎼
li avete visti
li avete visti
li avete visti
sulle rive del fiume
🎶
Mi spiace Fra ma non condivido. Ognuno è libero di esprimersi come meglio crede se non offende e/o insulta nessuno. Mi fa specie che ti infastidisca più questo tipo di forma espressiva rispetto al "nonsense" culturale ed intellettuale espresso da altri dubbi profili. Se ti scocciano o infastidiscono i suoi scritti basta non leggerli...
Comunque, ora, da Affile si son spostate quasi tutte al sud...Amaroni (Catanzaro), Italy!!!