La temuta, amata, odiata pausa di riflessione

Prendersi o no la famosa pausa di riflessione? Serve realmente a ricostruire il rapporto?

Chi vive un rapporto di coppia, prima o poi viene assalito dal dubbio della fatidica "pausa di riflessione". Spesso è un tentativo di prendere le distanze, altre volte un dubbiosissimo chiarimento di idee, o ancora un modo per far capire al vostro partner che la storia è finita.

La pausa di riflessione talvolte può essere concepita come una paura di riflessione. In effetti se in una relazione iniziano a sopraggiungere problemi, il modo migliore per superarli è affrontarli, non scappare. Se è necessario bisogna pure urlare e litigare, fino a trovare un chiarimento. Generalmente quando si adotta la tecnica della pausa di riflessione, le conclusioni del rapporto possono essere tre:

Leggi anche: Un partner ideale simile al padre

- Il ritorno Quando il rapporto di coppia inizia a consolidarsi, giunge un momento di trasformazione che porterà o al distacco totale o ad una vita insieme. E' proprio questo il momento in cui si viene assaliti da mille dubbi, si pensa alla perdita della libertà. In questi casi l'unica cosa che serve è molta calma e fiducia, perchè spesso il partner si ravvede e torna all'ovile.

- L'infedeltà In questo caso l'alibi della pausa di riflessione potrebbe essere solo una tecnica per capire se il "mercato" offre qualcosa di meglio. Ti dice che deve pensarci ma, probabilmente, mentre il suo cervello è occupato a pensare,il suo corpo è impegnato in ben altre attività.

- La commedia Di questa categoria fanno parte coloro che al primo screzio reagiscono con un “Basta! Tra noi è finita!”, ma poi si tratta solo di una pausa e puntualmente tornano sui loro passi. Spesso questa è solo una tecnica per attrarre l'attenzione quando non si è sicuri delle proprie azioni.

Ovviamente ogni relazione è un caso a sè e le eccezioni esistono sempre. Se si sta passando un brutto momento sul piano personale, per esempio, allontanarvi dal partner potrebbe servirvi a focalizzare i vostri problemi e ad affrontarli senza pesare troppo sull'altro. Sicuramente in un rapporto d'amore bisognerebbe condividere tutto, sia le gioie che i dolori, ma spesso si preferisce vivere le proprie rogne da soli.

I vostri commenti

ALBYMILANO

"HO BISOGNO DI UNA PAUSA DI RIFLESSIONE"
POI VEDE IL SUO EX,DOPO 2 GIORNI GIA UN ALTRO RAGAZZO...
CHE BELLE COSE...
😂 😂 😂
EffeDiBi

EffeDiBi

46 anni, Udine (Italia)

403

403 Commenti

Un rapporto finisce veramente solo quando uno dei due ha un'altra persona e non vuole più saperne dell'altra.
Altrimenti, o per abitudine, e/o per solitudine, e/o per comodità, si torna sempre a stare male insieme ed a continuare a mangiare la solita minestra riscaldata, che non diventerà mai più un piatto prelibato, ammesso che lo sia mai stato.

JONDOO

Ecco... F I N A L M E N T E... perchè non ti prendi un anno sabbbbbbatico da tutto e da tutti ? ? ?

Non sai l'urlo... che esplosione... di gioia emergerebbe da ogni angolo ed anfratto di questo condominio.

Baciamo le mani... ( uno con i sonagli andrebbe bene )

p.s. dopo aver tanto tanto tanto meditato, ( e mi sono fatto pure aiutare che credi ) siamo arrivati alla conclusione che, ti manca qualcosa, ril"a"vata nella tua infanzia, perciò... dato il fatto che sei così ( studiata ) non ti hanno fatto giocare abbastanza,( sempre sui libri ha perfezionare l'ittalli.. ano,) ecco perchè oggi rompi i marroni...
Comunque... si p u ò f a r eeeee.
Basta che con un cesto di serpi, vai ha giocare ( restando in tema ) sull'A2 NELL'ORA DI PUNTA... non necessariamente al centro delle 2 corsie mi basta al centro di una sola, non sono avido.
Credimi... e con il profondo del mio ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ❤ ( dodici come le rose ) che te lo auguro.
dolceveleno1

dolceveleno1

57 anni, Torino (Italia)

482

482 Commenti

La pausa di riflesssione....ma per pensare a cosa?
Che è finita si è capito, manca solo il coraggio di dirlo apertamente, si depriva l'altro del suo sacrosanto diritto di guardare oltre, si alimenta il dubbio , la rabbia , il dolore.....
Fermati un attimo solo ....solo un attimo e dimmi con coraggio e lealtà che nn provi più niente per me.....ti volto le spalle e me ne vado.....dopo un pò ....e si risorgerà dalle ceneri
peterpan3669

peterpan3669

56 anni, Milano (Italia)

46

46 Commenti

amico skusa se mi permetto ma sei tu ke stai facendo una bruttissima figura qui. rilassati un po ke la vita è cmq bella!!!

caragliese

se me la proponesse.....nn avrebbe tempo di finire tt il repertorio di parole che .....avrebbe già le valige pronte ...con i miei saluti di buona vita... basta che nn torni indietro.....
braveheart851

braveheart851

31 anni, Crotone (Italia)

1

1 Commenti

la pausa di riflessione ossia un modo per dire due cose
a) è finita
b) non ti amo piu come prima
forse sarebbe meglio dirsi le cose in faccia per come stanno non ricorrere a questi trucchetti

cenerentola52

La pausa di riflessione!! Già....Semplicemente qualcuno che non ha il coraggio di dire BASTA e temporeggia. Quando si ama davvero e si sa ciò che si vuole: non esistono pause di riflessione. Riflettere su che cosa poi??? o è si o è no. quando si comincia a voler riflettere si ha già il dubbio (o la certezza) che qualcosa non funziona. Meglio essere leali.

Mai-kol-cesso

Il tempo fa maturare le situazioni...quando però, le situazioni sono arrivate già..alla menopausa...allora le fa marcire..!
oligominerale

oligominerale

42 anni, Bologna (Italia)

12

12 Commenti

è una frase banale per personi banali... per chi non ha i cogl..ni
ciao
inomma

inomma

58 anni, Roma (Italia)

1149

1149 Commenti

arriverei anche al punto di concepirla, la pausa di riflessione.... ma dopo aver tanto riflettuto si è capito che le conclusioni vanno comunque comunicate?
il problema è questo....
a)far pasare la pausa di riflessione come un gesto intellettualmente onesto, vero e sentito.
b)riferire poi su cosa si è riflettuto, comunicarlo.
il fatto è che la prima è solo una scusa da vigliacchi e la seconda si salta (s'ignora) completamente e poi.... solo quell'assordante silenzio che spacca i timpani e che fa credere ai codardi che col tempo, l'altro "capirà"!
un pò di correttezza e onestà no eh?.... 👋
lonely59

lonely59

56 anni, Milano (Italia)

196

196 Commenti

quanti bei commenti..vorrei entrare nelle vostre menti x vedere se veramente pensate ciò che scrivbete o se lo fate x rigor di logica...
romeo972

romeo972

44 anni, Bari (Italia)

1804

1804 Commenti

Interrompere un rapporto sentimentale chiedendo al proprio partner la cosiddetta "pausa di riflessione" è, in realtà, la chiara ammissione personale di serie difficoltà o veri e propri problemi di rapporto, giudicato così impossibile.
Infatti, la semplice richiesta di "pausa" presuppone un'attenta riflessione prima e l'assenza di motivazioni valide alla prosecuzione del rapporto stesso dopo; quindi, non appena si ritenesse l'insussistenza di valide e sufficienti ragioni per frequentare il partner oppure, viceversa, si individuassero incompatibilità di sorta nella coppia, si verrebbe indotti a chiedere la "pausa di riflessione", intesa non come occasione di valutazione ma come ricerca di conferme, anche attraverso auto-convincimento.

In verità, giungere a questa condizione significa vivere una fase molto delicata, per le conseguenze a cui potrebbe condurre, ma pure opportunità di approfondire la conoscenza di entrambi i partners.
Infatti, nella legittimità di nutrire dubbi, l'approccio corretto da seguire è senz'altro quello di essere oggettivamente certi degli elementi la cui valutazione conduce a giudicare negativamente il rapporto. Inoltre, nel contesto vanno contemplati e fugati possibili casi di pregiudizio ed imperizia propri e malintesi da parte del compagno/a.

In casi simili, nulla potrebbe servire più della chiarezza attraverso il dialogo schietto ed incondizionato, alla ricerca della verità, di quegli elementi determinanti perduti o non ancora trovati.

L'esito della "pausa" potrebbe essere di tipo diverso e molto personale.
Tra le conclusioni elencate qui nella notizia, i frequenti ritorni dopo altrettanti momenti di crisi non prefigurano un rapporto sereno, in quanto sintomo di immaturità di almeno uno dei partners.
L'infedeltà, come sempre, è espressione di insoddisfazione che, se reiterata senza reciproco chiarimento, trova soluzione soltanto nello scioglimento del rapporto stesso.
La commedia potrebbe essere un espediente (non abusato) con senso logico non se per attrarre l'attenzione quando non si è sicuri delle proprie azioni ma, al contrario, come tattica ispettiva (degno della cosiddetta "dimostrazione per assurdo") dei reali sentimenti nutriti dal partner.

Certamente, al di là del reale esito, affrontare le singole questioni critiche deve essere l'unica via maestra per chi intende davvero salvare il rapporto.

Più che un "rapporto in pausa di riflessione" è meglio una "riflessione per non mandare in pausa il rapporto".
👋
heinzred

heinzred

41 anni, Roma (Italia)

1

1 Commenti

l importante di una storia secondo me e' mangiarsi tutto il miele possibile insieme e, quando ci si lascia sorridere sempre, la vita e' stracolma di occasioni e di tanto miele aaaaa 😊
LUCKI72

LUCKI72

44 anni, Vicenza (Italia)

1

1 Commenti

salve a tutti voii
21tonj

21tonj

56 anni, Cosenza (Italia)

4

4 Commenti

per me la pausa di riflessione non esiste o e si o e no io vado subito al tutto chiarito. 👋 👋

kassiopeo2

io non rifletto mai prima di parlare......... 😐
Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.