Solitudine nociva come fumo e obesità: ma perché?

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto come la solitudine possa essere dannosa allo stesso modo dell'obesità o degli effetti dovuti ad alcool e fumo

Sapevate che la solitudine può avere degli aspetti nocivi sulla vostra salute, provocando in alcuni casi anche una morte precoce?

L'assenza infatti di rapporti, sia di natura amorosa che amichevole, con altre persone può essere degenerativo sia per la salute della mente che per quella fisica.

A rilevarlo è uno studio condotto dagli psicologici della Brigham Young University di Provo, in Utah, secondo i quali l'isolamento sociale aumenta le possibilità' di morire del 30%. Addirittura sembra che gli effetti che la solitudine può creare all'organismo siano pari a quelli causati dall'obesità, dall'alcool e dal fumo.

Gli studiosi hanno analizzato 148 studi realizzati in precedenza, aventi come tema la mortalità in base ai rapporti sociali, e all'interno dei quali sono stati esaminati oltre tre milioni di partecipanti: ebbene durante il monitoraggio è emerso come l'isolamento sociale e la solitudine possano essere gravosi come l'obesità in quanto spingono l'uomo a non prendersi molta cura di sé stesso.

Il problema di fondo nasce dal fatto che questo regime di vita sembra prendere sempre di più il sopravvento all'interno delle società moderne, elemento aggravato anche dalle nuove tecnologie che tendono ad isolare gli esseri umani tra loro.

"L'effetto della solitudine è paragonabile a quello dell'obesità, qualcosa che la salute pubblica prende molto sul serio", ha illustrato l'autore della ricerca Julianne Holt Lunstad, sottolineando come sia indispensabile "iniziare considerare in maniera più' approfondita le nostre relazioni sociali".

Bisogna anche considerare come la solitudine non sia del tutto negativa, ma come la maggior parte delle cose che possono provocare danni alla propria salute, occorre usufruirne a piccole dosi. Esistono infatti coloro che si dichiarano felici pur vivendo in totale solitudine. Poi vi sono coloro che invece hanno bisogno di essere apprezzati e coinvolti dalle persone che hanno vicino costantemente.

E voi invece da che parte state: vi considerare dei lupi solitari o siete più dei tipi da compagnia?

13 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

kassiopeo2

puo sempre impiccarsi sotto l albero..... -_-
00
Panterotto

Panterotto

30 anni, Alessandria (Italy)

Ovvio che la solitudine fa male, difatti l'istinto ci fa innamorare......

00

Dancefan91

La penso come @profumo :) le persone che ci sanno tirar il meglio di noi sono le migliori e si contano sulle dita di una mano. Da tenere alla larga chi invece sa tirare solo ed esclusivamente il peggio dalle persone. Meglio circondarsi dalla positività e non il contrario. Facciamo una bella risata in faccia alla negatività e non lasciamoci condizionare da essa. Bye! :)

00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

Da un sondaggio fatto da brillantenotte e' stato rilevato che...gli uomini soli hanno vita breve...le donne sole campano 200 anni
00
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Il risultato che emerge dallo studio americano condotto dagli psicologici della Brigham Young University di Provo non sorprende affatto.

La solitudine, intesa come il sentirsi soli, è di fatto una condizione di vita invalidante per la maggior parte dei soggetti che ne soffrono. E' indubbio che, in contrasto con la natura sociale dell'essere umano, l'esistenza solitaria impone ritmi di vita particolarmente regolari, più diluiti nel tempo, progettati con ampio anticipo. Così, tutto potrebbe apparire precostituito, banale, privo di mordente ed interesse per il futuro.
Da qui, in generale, lo stato di solitudine non potrebbe che deprimere lo spirito e fiaccare il corpo, dissipando in sè stessi le proprie energie in senso lato.
A livello personale, la carenza di stimoli a migliorare, ad organizzare nuovi obiettivi utili, a donare un senso più umano ed ideale alla propria esistenza, ormai di fatto più vuota, determinerebbe inevitabilmente l'abbandono più o meno grave di certi meccanismi naturali utili ad evitare il lasciarsi andare, il navigare a vista trasportati dalla corrente.

La solitudine è nociva come l'abbandono di sè stessi di fronte alla vita!
;bye
00

profumo-di-donna3

Pochi amici ma buoni... io la penso cosi
00
rambo50

rambo50

68 anni, Mantova (Italy)

Solitudine? il massimo del gaudio non avere rompi tra i piedi che magari ti cronometra il tempo che stai in bagno. La compagnia va benissimo se è quella ideale altrimenti....

00

Sally_59

pero' prima i poi dalla tazza ci deve levare qualcuno...e' triste ma le badanti esistono..chi puo sapere in che modo rimbambiremo?
00
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

Condivido il pensiero della Tatabuffa; perso per perso, se proprio devo prenderlo in quel posto, almeno sia con la dignità che si addice a un lupo solitario.

Dovrò andare anzitempo a spingere l'erba? bene, almeno non diventerò un relitto nonuagenario costretto a dipendere dagli altri anche per alzarmi dalla tazza.

00
shreeek

shreeek

52 anni, Vicenza (Italy)

Buongiorno. Lupo solitario. Cmq x accelerare l'evento , basta mettere tutte queste cose assieme........lol !
Buonagiornata
00

tatabuffa

potrebbe risultare altrettanto pericoloso conoscere persone o una persona sbagliata ed essere coinvolte, e poi uscirne più o meno con dei problemi nati dalla reale mancanza di correttezza, onestà, insomma la salute è sempre una sola come una è la vita che mi hanno donato, ma permettere che odiosi me la rovinino per loro piacere e divertimento, no, meglio la solitudine, l'animo è comunque afflitto e sconfitto...bello sarebbe dopo la tempesta rivedere il sereno, e ogni nuvola successiva si affronterebbe come Dio comanda, con dignità, serietà e rispetto!

 

00

altruistaedolce

Buongiorno. Io mi rifiuto proprio di leggere l'articolo perchè mi basta leggere il titolo.. Ciao

00

Sally_59

Credo di aver aperto la portineria ma, dato l'articolo, metto il cartello " sono per le scale" e cambio aria
00