Relazione di coppia: impegnarsi a stare bene insieme

La vita riserva sempre qualche sorpresa e viverla in due è emozionante, anche se non va come vorremmo che andasse. Impegnarsi serve a stare bene con chi si ama

Un uomo che si impegna prima o poi ottiene i suoi profitti e anche se per raggiungerli aspetta e continua a sperare, può dirsi soddisfatto del proprio merito.

Anche in amore l'impegno è fondamentale se si è pronti ad accettare chi si ama, sia nel bene che nel male, sia in coppia che nei nuovi incontri. Spesso proprio le nuove conoscenze spingono una persona ad impegnarsi non solo per riuscire a conquistare chi l'attrae, ma anche per affrontare molteplici ostacoli quotidiani che si frappongono fra lei e l'obiettivo finale.

Amare e volere condividere del tempo con un'altra persona significa fare di tutto per non perderla e a questo scopo ogni giorno rappresenta un'opportunità da afferrare per vivere la relazione più serenamente. Come in ogni campo sociale in cui l'uomo è inserito, anche nella sfera sociale è fondamentale che ci si metta impegno e non dar peso a quelle piccole cose che ogni giorno contribuiscono a rendere la vita insopportabile.

Un litigio, una crisi, un'incomprensione mantengono distanti due persone che preferirebbero stare insieme e che in realtà si lasciano trascinare per vie opposte. Questi stessi soggetti restano vittime dell'insoddisfazione che annebbia sia le loro menti che i loro cuori. Ciò che occorre imparare è l'alleanza, l'altruismo e la sopportazione che inducono chi ama davvero ad accettare chi si ha accanto, anche quando questo sbaglia o si rende talmente insopportabile da istigare al litigio. Sorvolare sulle discussioni, soprattutto se di poco conto, vuol dire impegnarsi a non dar peso allo stress quotidiano.

Allo stesso tempo, però, a lungo andare non è utile tenere il broncio o essere superfciali, poiché l'arma vincente resta sempre e comunque la comunicazione che deve essere quanto il più diretta e trasparente possibile e dovrebbe far venire in mente il reale motivo che fa stare insieme due persone.

Se questo si dimentica si giunge spesso alla separazione o alla crisi che fa stare male tanto da spingere un soggetto a comportarsi in modo errato pur di sfogare la propria ansia. In questo modo va in fumo non solo la relazione, ma tutto il tempo speso dietro ad una persona senza ricordarle di amarla e di essere attratti da lei.

Imparare ad impegnarsi vuol dire quindi interessarsi dell'altro e fare del proprio rapporto un'esperienza unica.

36 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

'azz @brilly, fu la prima cosa che mi disse la psicologa all'associazione padri separati per prepararmi a quello a cui andavo incontro. "Tu non devi avere paura del giudice che ti troverai di fronte in tribunale, tanto quello sai già che è contro di te ma non ti conosce e ti può colpire solo nel portafoglio. Tu devi avere paura dei tuoi figli, che sono molto peggio di qualunque giudice ti potrai trovare davanti e sanno dove colpire per farti male."
00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

@ daniela..mia cognata se le mancavano le attenzioni del marito bastava dialogare...no no..fidati..nn era cosi'...dopo essere stata moglie tanti anni voleva la liberta' e se le e' presa..ma poi..cmq nn condivido il tuo dire che aveva minori attenzioni...in tutte le coppie dopo 20 anni di matrimonio l ' attenzione x il partner nn e' lo stesso..nn perche' l' amore finisce..ma semplicemente ci si ama in modo piu' pacato..nn siamo eterni piter pan....lei voleva tornare adolescente...bhe'..x questo ce un prezzo...i figli sn i peggior giudici dei genitori...
00
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Anche in questa notizia l'esposizione viene basata sull'equivoco che due partners che si amano dovrebbero ritrovare un certo equilibrio nelle regole e negli accorgimenti da adottare per evitare crisi o, peggio, rotture irrimediabili.
L'equivoco nasce dalla convinzione iniziale che il sentimento dell'amore sincero tra i partners sia una condizione non sufficiente nel regolare spontaneamente il loro rapporto quotidiano. In realtà, l'amore è un sentimento profondo e pervasivo dell'essere umano al punto che ne condiziona non solo le emozioni provate ma anche pensieri ed azioni.
La persona amata si comprende prima e meglio, perché è già nota per pregi e difetti, si aiuta senza esitazione, perché è considerata parte di sé, si perdona senza dubbi, perché altrimenti ci si sentirebbe addirittura troppo in colpa.

Pur apparendo forse troppo semplicistico e patetico, la sola presenza dell'amore sincero sarebbe fondamentale nel regolare spontaneamente la vita di coppia, così seguendo i moti del cuore a cui la mente può e deve fornire spiegazioni prima e soluzioni dopo.
Imporre o prevedere certe regole da seguire a mo' di legge sarebbe strumentale, forzoso, inopportuno, inefficace, controproducente, proprio perché penalizzerebbe la naturalezza della convivenza con la persona amata.

Impegnarsi a stare bene insieme?
Non esattamente ma meglio convivere con amore, dandogli ...sfogo!
;bye
00

Daniela970

@wile e @brill, sinceramente, io non so se sia esattamente come dite voi.
@brill quando una copia entra in crisi non é mai colpa di uno solo. Tua cognata non credo che rimpiangesse il corpo di 20 anni fa del marito, ma, probabilmente, il fatto di sentirsi desiderata e donna. Non credo che sia stata una madre cattiva se ha avuto 4 figli e se si era guadagnata il rispetto dei figli. Sicuramente ha agito in modo irresponsabile, ma il marito.... Ha fatto un errore, ok...ma tutti gli anni passati in cui si é dedicata alla famiglia non li conti?
@wile sai meglio di me che se hai figli é impossibile non porsi obiettivi. Il genitore anche se ha ancora il bimbo in fasce, conserva i soldi per le loro necessità, per i loro studi, per poterli aiutare nel mondo del lavoro o addirittura, almeno in passato, per sostenerli nell'acquisto della loro casa. La copia che conosci, a me da' l'impressione di copia altamente in crisi dove le soddisfazioni materiali, nel presente, servono per sopperire mancanze affettive talmente importanti da arrivare a trascurare il figlio. Se fosse così, basterebbe risolvere o, nel limite estremo separarsi. Superata la prima fase, il figlio potrebbe avere non una settimana al mare ma addirittura due. Una con ogni genitore finalmente sereno.
Ora sto estremizzando...ma non credo che ci sia una perdita di valori così netta come dite voi, anche se sicuramente c'è più sfiducia e più stress che in passato.
@dimi poche volte ci fermiamo a goderci ciò che abbiamo, ma chi riesce a farlo a mio parere é colui che vive meglio ;)
00
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Aaaagh, l'attacco dei cloni di Brillantemotte.!
Però è proprio vero. Disponiamo di una quantità spropositata di beni di consumo ma siamo sempre insoddisfatti. Forse più ancora di quando eravamo poveri e risparmiavamo centesimo su centesimo.
Ho colleghi con un reddito decente, sposati con chi volevano, con i figli che desideravano, con la casa di proprietà e in buona salute che sospirano tutto il giorno perché non fanno 13 e non vivono come le persone di spettacolo che invidiano, (e con le loro auto da decine di migliaia di euro).
Ed ha ragione da vedere anche Wile; sembra che conti solo la soddisfazione immediata di capricci, a discapito di un progetto a lungo termine che comporta anche sacrifici.
00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

Infatti..l' insoddisfazione regna alla grande in questa societa'
00
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

@Daniela, è vero ci sono tante situazioni intermedie, guarda tra i miei genitori niente botte, per carità, ma liti su liti su liti, tragedie per cose assurde, io e mia sorella li supplicavamo di separarsi ma loro nulla (così appena abbiamo potuto entrambi ce ne siamo andati da quell'inferno) e quindi capisco bene cosa intendi. Però ricordo che il mio avvocato (donna) diceva che se i giudici smettessero di dare sempre i figli solo alle donne e le conseguenze di una separazione fossero divise equamente, le separazioni diminuirebbero dell'80%, ed infatti lei (come senatrice) era firmataria di vari progetti di legge nel merito.

Ma il discorso per me va visto più generale che non una mera questione uomo-donna e quanto detto da @brillantenotte non è che la conseguenza di una piega che ha preso la nostra società: si naviga a vista invece che porsi degli obiettivi, sembra che la soddisfazione immediata e personale sia l'unica cosa che ha valore e c'è una tendenza a fuggire dai sacrifici che vengono vissuti come una frustrazione invece che come l'unico modo che c'è in quel momento per raggiungere un obiettivo, magari comune. Per fare un esempio conosco due che lei lascia non so quante migliaia di euro per trattamenti da TiModella, lui 3 anni fa ha speso quasi 15000 euro per una moto e d'estate portano il figlio in piscina e non al mare perché non hanno i soldi. Ora, da buon bolognese ho una visione della vita tutt'altro che ascetica e mi piace proprio spassarmela, ma di moto ce n'è anche usate e per stare in forma invece che da TiModella vai alla Virgin e fai ginnastica, così magari un migliaio di euro all'anno per una settimana al mare con tuo figlio ci scappa, no?

00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

@daniela..piacere mio di conoscerti..x quanto riguarda la lontananza tra noi..mai dire mai..il nostro gruppo fa miracoli..magari verremo a trovarti mmmmm chissa'..adesso vado anche io a sbirciarti...ciaooo..b domenica
00

Daniela970

@Angel, grazie! Fa sempre piacere ricevere complimenti ma, come disse un altro di noi,anche se mi piaccio e sono fiera di me, spesso io stessa non mi sopporto :D
@brill mi piace ciò che scrivi e, sbirciando sul tuo profilo,mi piace come ti descrivi. Ci sono tante sfumare e ti potrei raccontare della mia esperienza per spiegarti che non sempre é possibile, ma ciò che noto é che entrambe crediamo negli stessi valori per cui "combattiamo" ...quindi, piacere di conoscerti!
Peccato che siate tutti lontani...anche se, in effetti, sono io che mi "isolo" :D
Buona domenica a voi tutti!
PS sono al mare...ma sta piovendo. Chi se ne frega! Sono con i miei amici ;) :D
00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

Ecco..filo ritrovato????..con cio' nn intendo dire che una donna dopo il matrimonio debba lasciarsi andare..no ..assolutamente..ma deve comunque dare spazio alla famiglia..racconto uno dei tantissimi casi di separazione...mia cognata..45 anni..4 figli grandi ..un marito gran lavoratore..una situazione economica agiata..ha voluto la separazione perche il marito nn era piu' come a 20 anni..aveva messo su' la pancia..tra l' altro si e' innamorata di un uomo sposato con la ..tartaruga sulla pancia e il criceto nel cervello...raggiunto l'' obbiettivo di separarsi e' stata con quest' uomo che l'ha usata e poi tornato con la moglie..lei e' in conflitto con i figli perche' han perso il rispetto x la madre..giustamente..adesso si ritrova da sola a leccarsi le ferite..dire ad un uomo o donna..nn 6 piu' come quando ti ho conosciuto e' solo un pretesto x farsi i cz propri
00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

@daniela..sn daccordo con te solo in parte....sai..x me una coppia se decide di sposarsi o..mettere al mondo un figlio e' perche' e' innamorata..penso...quindi..che l' amore puo' finire sn daccordo ..quindi..separazione..ok..ma capirei un caso su 5...ma..p miseria..oggi le separazioni sn all' ordine del giorno...ma dico...nn mettete i figli al mondo se nn siete convinti di cio' che volete.....e fidati ..lo dico con convinzione perche l' ho vissuto sulla mia pelle. Concependo un figlio a 17 anni...forse sn giustificabile..cisto la eta'...x la cz che feci...invece in questa epoca..donne dai 30 ai 40..che vedendole pensi..sara' un matrimonio duraturo..invece. Dopo 1 o 3 anni si separano...x incomprensioni..ma x favore....io sn in molti casi dalla parte degli uomini..quelli sani ovvio. La donna nn vuole piu' assumersi responsabilita' di madre...lavoro..estetista..parrucchiere..uscite con le amiche ...vacanza obbligatoria ..cibi belli e pronti..baby sitter..colf..eccecc....x la generazione nuova il figlio e' un bambolotto e il marito lo zerbino..eh si..la maggior parte delle donne e' cosi'...????...oddio..ho perso il filo????cmq il progresso e' regresso
00

Angel-Fly

Brava @Daniela...Ancora pienamente d'accordo con te. Sei una donna splendida. Auguri @profumo..che ti regali un mondo di bene, ne hai bisogno. Qualcuno sa che fine ha fatto emmolina....EMMOLINA.....RITORNA...DOVE SEI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

00

Daniela970

@brilli tra la "prima litigata" e "le violenze" c'è di mezzo un mare di altri casi. Come te e come @Wile considero la famiglia un bene prezioso da tutelare, un tesoro da tenere ben stretto. Però, quando tra le quattro mura domestiche si respira un area tesa senza possibilità di soluzione, anche se non dovuta ad un problema grave, quanto è giusto "conservare" la famiglia e far subire quest'aria alla copia e, soprattutto, ai figli? Quando si arriva a questo punto, credo sia prioritario, e quindi più opportuno, vivere in un ambiente più sano anche se separati.
00
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

Si @brilli, se ne parlava l'altro giorno non ricordo in che articolo e sono completamente d'accordo con te, la separazione dovrebbe essere l'ultima carta da giocare, specie se ci sono figli, ed invece spesso è vista come una scorciatoia x eliminare il problema senza mettersi in gioco fino in fondo ma nel modo più veloce possibile.
00
brillantenotte

brillantenotte

58 anni, Brescia (Italy)

Oggi gli sposini alla prima litigata fanno tragedie...nn han ben capito cosa e' un matrimonio..la vita nn e' sempre ..micio micio..bau bau...la vita so' cz amari anche...penso che una separazione debba arrivare quando ci sn problemi gravi nella coppia..tipo violenze ...tradimenti continui ecc ecc...
00
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.