Kate e William: la famiglia reale si allarga di nuovo

Credete ancora che i figli rappresentano delle grosse responsabilità? Non è così nella casa reale d'Inghilterra dove l'arrivo del terzo genito è una benedizione

Non c'è due senza tre e anche per la casa reale di Inghilterra è giunto il momento di dare alla luce un terzo genito.

Tra le perplessià di William e la determinazione di Kate, la coppia avrà un altro figlio che farà compagnia al primogenito George e alla principessina Charlotte. L'amore che scorre nelle vene di sangue blu sembra avere ancora risorse utili a mettere al mondo altri nobili eredi dai sani principi morali e belli come i genitori.

Da voci indiscrete sembra che William e Kate avranno due gemelli, anche se, com'era già successo in passato, la coppia non rilascia dichiarazioni pubbliche in merito ad una presunta gravidanza non preventivata. A pochi mesi dall'ultimo parto, infatti l'arrivo di un altro o addirittura di altri due figli appare immatura e poco motivata, sebbene questo lieto evento verrà accolto a braccia aperte da tutta la famiglia reale.

Altre fonti affermerebbero inoltre che il parto gemellare sarà al femminile e che due fiocchi rosa arricchiranno i cancelli del palazzo reale e riempiranno di gioia anche la regina nonna Elisabetta che a 90 anni può godere dell'affetto dei suoi numerosi pronipoti e del vero sentimento che lega la coppia più giovane dell'intera famiglia.

La favola di Kate e William continua infatti ad emozionare grandi e piccoli che sperano di vederli sempre così sorridenti e splendenti, mentre il loro nucleo familiare continua ad allargarsi e a sfoggiare quella vitalià contagiosa e quella serenità invidiabile che permette loro di avere voglia di fare famiglia.

11 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
romeo972

romeo972

45 anni, Bari (Italy)

La famiglia reale si allarga di nuovo?
Che dire?! Ben venga per loro.

Per il resto, ...tanti auguri!
👋
00

TommyDeVito

vero....se io potessi prendere il potere assuluto, e imporre una dittatura con leggi fatte da me , intendo dire, se io diventassi il dittatore d europa, tutto cambierebbe in meglio, comunque kate e troppo bella, la terrei come una delle mie mogli preferite
00
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Lo accettano perché di tutti i plebei d'Europa, quelli inglesi, sono i più ignoranti e lobotomizzati.
00

echelonright

Che bello, sempre a parlare di un gruppo di parassiti che credono di essere di un'altra specie e si fanno etichettare come "aristocratici"... Senza contare che la famiglia Windosor non é nemmeno inglese, é una famiglia tedesca subentrata ai Tudor quando questi non hanno avuto eredi per il trono. Insomma, una farsa che i plebei inglesi non si come mai accettano.
00

orsacchi09

faranno fatica a mantenerli poverini.......
00
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Nexus8, non ho vissuto 6 anni in Gran Bretagna e, conto di non viverci neanche dieci minuti.
Fortunatamente, ho dei parenti stretti che, ci hanno vissuto per trent'anni e, mi hanno con dovizia raccontato pregi e difetti di quella nazione, soprattutto in campo lavorativo e sanitario, in quanto, la sanità italiana, ha dovuto curare le loro magagne che, la sanità del regno liberista non cura affatto.
E, questo, come promemoria per tutti gli italioti affetti da esterofilia, che pensano il nostro paese sia il peggiore del mondo e sbavano per l'estero con un occhietto, guarda caso, sempre in direzione di Londra.
Se i britannici vogliono continuare a sbrodolarsi nelle mutande per la cronaca dei loro reali facciano pure; si qualificano da soli.
Trovo assurdo che a farlo, siano italiani e italiane che, magari, hanno avuto qualche nonno o prozio sepolto sotto le valanghe di bombe lanciate dagli Avro Lancaster della R.A.F., che, colpivano deliberatamente i civili.
Settanta anni fa? Certo. Però ne sono passati solo tredici, da quando il principe William aderì personalmente e con entusiasmo, alla criminale invasione dell' Iraq. Mi rammarico che, gli insorti locali non siano riusciti a catturarlo e decapitarlo. Buon sangue imperialista non mente.
Conclusione: La nostra casta è affar nostro, e, per il resto, affanculo il Regno Unito, il suo stato, il suo governo, i suoi monarchi e i loro stolti sudditi.
00

Nexus8

@Dimipunk: preoccupati invece della casta nostrana che fa molti più danni e porta molta più miseria. Se proprio non puoi fare a meno di intervenire, ti esorterei primi a vivere sei anni in UK e parlare con gli inglesi della loro monarchia e poi forse, e sottolineo forse, potrai esprimere sui reali britannici un'opinione con cognizione di causa senza riportare pedissequamente le parole di Sid. Grazie.
00
shreeek

shreeek

51 anni, Vicenza (Italy)

Buongiorno. Anche loro contribuiscono alla continuita` della specie.
Buonagiornata
00
rambo50

rambo50

67 anni, Mantova (Italy)

Premesso che sono sempre stato accanito oppositore delle monarchie, devo ammettere che, per gli Inglesi, la monarchia è un affare.
Anzitutto la famiglia reale al completo costa ai contribuenti (sostenitori della monarchia per il 70%) circa 50 milioni annui, contro i 230 circa, che costa a noi il presidente della Repubblica.
Ma non è finita, tra gadget, turismo, stampa e articoli o souvenir vari, la casa reale del Regno Unito crea un indotto di diversi miliardi di Sterline. In pratica un'industria molto redditizia.
Un ulteriore beneficio, quando i reali invecchiano, si mantengono con soldi propri, non hanno un senatore a vita e neppure un presidente da pagarci la pensione, scorta, e benefici vari a lui e familiari, figli e tutta la generazione, molto peggio che fossero dei monarchi, e questo ogni 7 anni. (la figlia di Scalfaro percepisce pensione, scorta, auto blu ecc..ecc... per chi non lo sapesse) benefici per l'Italia: nessuno, solo costi.
00

TommyDeVito

kate e una ragazza bellissima, fine e intelligente, una donna spettacolare, 👍
00
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

L'unica cosa che posso augurare alla onnipresente monarchia britannica e' di scomparire per sempre; autentica macchina succhiasoldi e meccanismo mediatico di distrazione di massa, che si alimenta con le lacrime di migliaia di ebeti (guarda caso, soprattutto donne), che sbavano sulle riviste patinate, tutti presi dalle irrilevanti vicende dei parassiti coronati del Regno Unito.

Ieri come oggi, risuoni il grido: "ANARCHY IN THE U.K."
00
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.