Misure di Sicurezza al Top per Mark Zuckerberg

Dopo aver subito un tentativo di hacking Mark Zuckerberg prende provvedimenti.

La prudenza non è mai troppa e il fondatore di Facebook l'ha imparato a proprie spese.

Dopo che i suoi profili Instagram, Twitter, LinkedIn e Pinterest erano stati hackerati qualche tempo fa e la sua password rivelata ai quattro venti dalla stampa mondiale, il giovane magnate del social networking internazionale è dovuto correre ai ripari.

Anche i ricchi piangono e chissà cosa avrà pensato l'hacker che è riuscito ad entrare nei profili del giovane informatico quando si è trovato di fronte la password che Mark aveva impostato uguale su tutti i profili per tenere al sicuro i suoi dati. Forse non immaginava che qualcuno ci avrebbe mai pensato eppure è successo.

Per qusto motivo, dopo aver cambiato tutte le password (almeno ce lo auguriamo) il fondatore del celebre social network ha deciso di coprire webcam e microfono del suo laptop con un pezzetto di carta al fine di impedire spiacevoli inconvenienti. Se n'è accorto un acuto osservatore che ha a fondo analizzato la foto postata da Mark in occasione dei festeggiamenti per i 500 milioni di utenti raggiunti su Instagram.

Che Zuckerberg non fosse attento a certi dettagli non lo avremmo mai immaginato ma approfittiamo dell'occasione per ricordarvi che la prima regola per navigare sicuri online è avere una password sicura.

Ecco dunque alcune regole d'oro da seguire:

  • avere password diverse per ciascun profilo
  • cambiare spesso la propria password
  • usare parolechiave di 8 caratteri
  • usare lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali
  • non usate parole che possano associarsi a voi, come nomi o date di nascita o numeri di telefono
  • non sceglierla troppo semplice come 123456, 0000 o appunto..."dadada"
  • di certo non salvare le password sul pc

E voi? Quante di queste regole non avete rispettato finora?

20 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
JimmyXXX

JimmyXXX

58 anni, Trieste (Italy)

Soltanto non esserci sui vari "social" ci mette al riparo da questo problema. Non si può perdere un bene che non si possiede.
10
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

.......oppure ha capito che eri in cerca di buone "vibrazioni"......
00

resiliente59

Roxy il tecnico ti ha preso in fallo ?
00
daro77

daro77

41 anni, Bolzano (Italy)

@roxyblu
;)
00

roxyblu

grazie daro77, finalmente un uomo gentile ed educato..
00
daro77

daro77

41 anni, Bolzano (Italy)

@roxyblu
cancella la cronologia del tuo browser(Cronologia, Kookies, Moduli e richerche, cache ecc...), non salvare mai le password quando navighi.
Non solo sul PC.
00

roxyblu

elita ha ragione, capita sempre anche ha me.... quando guardo un oggetto poi trovo sempre la pubbliccita di esso ovunque, non capisco come sia possibile, nel 1998 volevo comprarmi un dildo vibrante, ma vergognandomi di andare in un sexiscop,volevo comprarlo in un sito in germania , essendo sicura che la non mi conoscono nissuno, ma dopo vidi il mio compiuter che si riempiva di falli in tutti i siti che vedevo, lo ho dovuto portare da un tecnico per metterlo apposto, fu imbarazzante, mi sudarono le mani e arrossii per la vergona, ma lui capii, mi disse che ne vedeva di tutti i colori nei compiuter della gente, ma che aveva un segrato confessionale come i preti...
00
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Di certo Mark Zuckerberg ha dimostrata troppa ingenuità nel maneggiare la password usata nei siti "social". Non si direbbe vero, da parte di chi per lavoro sa quanto importante sia la sicurezza in rete!

Sui sistemi di sicurezza informatica e sulle attività di hacking si potrebbe trattare a lungo.
In ogni caso, allo stato attuale, la sicurezza in rete non è ancora possibile garantire in modo assoluto. Proposte di miglioramento a riguardo esistono ma la questione andrebbe rivalutata ed approfondita nel complesso, se si intendesse scongiurare ogni infiltrazione fraudolenta nella privacy di chiunque.

Nel frattempo, è necessario affidarsi ai consigli di prudenza, come quelli esposti nella notizia.
Nella speranza di non farsi travolgere dall'apprensione per l'attacco degli ...spioni!
;bye
00

roxyblu

e veramente terribile..ma allora chiunque potrebbe violarci, io come sistema operativo ho un acer portatile, ma quando vado in macchina lo spengo per evitare di essere agganciato dalla cella della sip
00
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

@dimi, il discorso "non essendo né ricco né famoso come Mark Zuckerberg, non credo che corro rischi di intrusione" non regge.
A parte rari casi non si attacca il pc di una persona stabilita ma si fa partire una scansione "generale" in rete per vedere se si trovano macchine con porte aperte o altro di interessante. Poi si inizia a lavorare su quello, ad esempio si vede che sistema operativo - browser - plugin del browser ecc.ecc. sono utilizzati e se ne sfruttano eventuali vulnerabilità per entrare e, ad es., inserire la macchina in una botnet o altro. Questo detto molto a grandi linee ovviamente.
00
daro77

daro77

41 anni, Bolzano (Italy)

Anche se trovo abbastanza utili questi consigli, rubare una password è solo questione di volontà e tempo a disposizione, anche se tutto si riassume in questa domanda: "..che interesse si potrebbe avere nel rubare una password ?".
Che è molto simile a:
"...che interesse si potrebbe avere nel creare un virus?..."

-----------------------------------------------------------------------------------------------------
L'unica soluzione è cambiarla ripetutamente nel tempo.
00
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Io non so se capita anche a voi ma, ultimamente, faccio fatica a connettermi al sito con lo smartphone. Si blocca, si disconnette da solo.......
E, da perfetto ignorante in informatica, non so se dipende dal sito, dal cellulare, dalla connessione, dallo Spirito Santo......

Comunque, non essendo né ricco né famoso come Mark Zuckerberg, non credo che corro rischi di intrusione e, dubito che, qualcuno abbia voglia di spiarmi attraverso la cam.
00
Elita

Elita

54 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Lovepedia, forse, sarebbe meglio se vi occupaste di far funzionare il sito come si deve e la smettiate di prendere in giro gli utenti , che oltrettutto , anche se gratuito , vi danno la possibilità di durare negli anni , oltre che GUADAGNARE.
Delle nostre password , ce ne occupiamo personalmente, ( per quello che serve ) anche se , una volta che sei entrato in rete, non hai più niente di privato o protetto, ma sei alla merce di tutti.
Ora questo non c'entra nulla con le password, ma se guardo un paio di mutande, mi propinano tutto il mutandaro appeno apro una qualsiasi pagina.
Neanche andare in cima ad un monte tutela la nostra privacy, ti vedono dal satellite, magari riuscendo a captare dal labiale, quello che esce dalla nostra bocca.
00
shreeek

shreeek

52 anni, Vicenza (Italy)

Buongiorno. Infatti qualche dubbio in questo sito viene anche a me, chi vi contatta a nome mio, dubitate
Buonagiornata
00
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

Per rubarti la password o ti attaccano direttamente cercando di entrare nel tuo pc/smartphone m cercano di indurti a scriverla tu stesso su un falso sito usando metodi di ingegneria sociale o attaccano direttamente i server dei siti e poi cercano di decriptare con calma i file rubati.
00