Souvenir pro-femminicidio: multato edicolante fiorentino

Un edicolante di Firenze è stato multato a causa di un souvenir da lui venduto e incriminato da una foto, la cui immagine è stata considerata pro-femmincidio

La foto di una stampa su una borsa che ritrae una donna che urla e un uomo che la spinge giù da una finestra immaginaria con tanto di scritta "problem solved" ("problema risolto"), ha fatto subito il giro del web provocando l'indignazione della rete per il suo messaggio di istigazione al femminicidio.

L'oggetto in questione è un souvenir venduto presso un'edicola di Firenze, che è costato al proprietario una multa di 160 euro da parte dei vigili urbani ai sensi dell'articolo 30 del regolamento di polizia urbana che vieta la vendita di "oggetti che offendano il pubblico decoro".

96 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
crowley71

crowley71

47 anni, Cuneo (Italy)

Se vuole essere una vignetta scherzosa è un po' mal riuscita... non penso proprio sia un argomento su cui ridere
00

Dead_Star

D'awww peccato...

L'avrei comprata io una maglietta cosi! :D
00
Hanzeuss

Hanzeuss

40 anni, Milano (Italy)

Penso che l'intento iniziale fosse ironico e scherzoso, ma se non si riesce a rendere l'idea perchè magari non è possibile, allora sarebbe meglio evitare direttamente, onde evitare di urtare la sensibilità di alcune persone e di scatenare cattive idee ad altre, soprattutto se queste ultime sono instabili di mente (c'è di tutto in giro, ahimè...). La simpatia si può mettere su una maglietta e una borsa, ma questo non è il modo
00
Tilikum_

Tilikum_

49 anni, Venezia (Italy)

La stampa della maglietta non mi fa ridere perche' penso a chi quella sorte l'ha subita veramente . Fa pensare a una speculazione su chi e' stata uccisa .
Qualche giorno fa la notizia di una donna che si era separata dal marito che l'ha legata ai binari ed e' finita maciullata .
Ma torniamo alla maglietta .
Descrive la situazione in cui una donna urla all'uomo viene definita " problema " .
La soluzione suggerita per risolvere tale "problema " e' darle una spinta e buttarla di sotto .
Non credo possa istigare per il semplice motivo che la gente e' gia' malvagia di suo e quindi non ha bisogno di ulteriori "imbeccate " per compiere atti riprovevoli .
Contro l'indole perversa non c'e' educazione che tenga .
Speriamo solo di non avere mai a che fare con individui malefici .
01
Mustaine

Mustaine

46 anni, Roma (Italy)

La maglietta tutto sommato non è male...è una questione di interpretazione: se per esempio, invece che di femminicidio o uxoricidio, gli uomini vi "associassero" la figura della propria "suocera" sarebbe assai più ironica la questione...
Indubbiamente tutto ciò che può esser considerato una "istigazione" alla violenza è da condannare...ma è questo il caso? Allora andrebbero ritirate dal mercato tutte le magliette di Homer Simpson con la Duff che potrebbero istigare all'alcolismo...
Personalmente trovo assai più di cattivo gusto le immagini di "morte" sui pacchetti di sigarette: se lo Stato ufficialmente ritiene le sigarette ed il fumo dannosi per la salute dovrebbe vietarle e non far finta di "avvertire" per continuare a riscuotere le DECIME. Strano, però, le DECIME (in realtà è assai più del doppio di una decima l'IVA) le riscuotono anche sull'alcool...e sulle multe agli edicolanti!
20
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

La vignetta ritratta sulla borsa è chiaramente umoristica, riferendosi alla noia che genera comunemente la donna assai loquace nell'uomo che gli sta a fianco. Insomma, è una vecchia "battuta" a cui non si farebbe più caso.
E' pure vero che la cronaca quotidiana è molto ricca di episodi più o meno gravi di uomini che maltrattano le donne per motivi diversi, il chè lascerebbe suggerire che quella "battuta" popolare oggi sarebbe fuori luogo, inopportuna, intempestiva. Cattivo gusto, tutto qui!

La sensibilità personale è differente da soggetto a soggetto come, di conseguenza, il decoro. Come spesso avviene, l'interpretazione ad una frase potrebbe essere distorta rispetto a quanto inteso comunicare in origine, sulla base del "taglio" di lettura applicato dal destinatario.
Da qui, il concetto di "pubblico decoro" è al quanto personale e con confini molto indefiniti, per cui suscettibile di interpretazione erronea.

Quella vignetta su qualsiasi mio oggetto non sarebbe di mio gradimento, non sentendola mia, nella ferma convinzione di dover rispettare tutti. In generale, la battuta equivoca è meglio evitare specialmente se scritta permanentemente come su un oggetto portato in giro con sé: equivarrebbe a ripeterla illimitatamente, avvalorandone per ricorsività le basi reali che l'hanno suggerita. Si potrebbe scherzare una volta o due sullo stesso aspetto, altrimenti la battuta goliardica si trasformerebbe inevitabilmente in manifestazione della personale convinzione.

Oltretutto, spesso si incontrano situazioni offensive verso gli altri, non solo sotto le mentite spoglie di battuta, ma non sembra che si applichi la legge alla lettera con sanzioni analoghe. In televisione, sui giornali, per strada, nelle affermazioni di molti intolleranti e maleducati c'è spesso mancanza di rispetto e maltrattamenti personali e collettivi, ledendo di certo il pubblico decoro. Eppure tutto viene tollerato, di fatto concesso!

La vignetta in altri contesti storici avrebbe solo indotto il sorriso, oggi sarebbe di certo inopportuno e di cattivo gusto ma contestarla con la multa appare altrettanto fuori luogo, opinabile ed al limite della censura, oltre che miseramente patetico.
;bye
10

Robyj72

Esiste la medesima maglietta a parti invertite: una donna che getta giù un uomo ma... tutto tace! Perché?
00
supermaffepro

supermaffepro

53 anni, Milano (Italy)

Quell'edicolante è una BESTEMMIA, fossimo nel 1137, minimo lo si doveva mettere alla berlina, frustato e appeso ad un chiodo x le chiappe ..Azz che malo XD

Scrivo la mia versione ma, non è x tutti ..provate poi la traduzione con Googlessss

Aluuuura, Deus Bonino ...Ma Kist, iè TuTT Scèm Scèm?
Con l'andazzo del Czz, di sti femminicidi che ci stann in tutt italy e, che spuntan come fungh, PeMMèè Kill ediculant, i'è + Minkiun du nu Cujun
Ma Scusast, ma metterl in croc e, frustarl nu poc, Nooo vèèèèrrr?
L'è Vietat dallu Giudisssss?
Mannhèèèè MaVVVaaaaa ..MaVaGGiù cui bastunat XD

Giuro, se vedo davanti agli occhi, quanto vedo da sta cz di foto, gli faccio un casino
Vergogna!!!!!!
02
CercseiLannister

CercseiLannister

46 anni, Pisa (Italy)

che dire? cattivo gusto? scambiare la pura volgarità per creatività?...certamente chi ha avuto questa trovata è un vero maschilista, e se fosse una donna, è succube di un amentalità maschilista!
21
emmolina

emmolina

50 anni, Venezia (Italy)

Ci sono due modi con cui guardare la maglietta in questione.
Il mio, cioè con occhi che sanno riconoscere l ironia (anche se ammetto un po esasperata) di un rapporto conflittuale tra uomo e donna. Posso sorridere pensando che tutti, chi piu chi meno, almeno una volta abbiamo avuto quell istinto.
Poi ci sono gli occhi di chi, in modo piu o meno grave, una cosa del genere l ha vissuta, direttamente o indirettamente.
Sicuramente le sensazioni sono molto diverse.
Credo che il rispetto x questi ultimi, conti piu di un sorriso strappato.
Se iniziassimo dal poco, saremmo ad un gradino in meno dalla "cima".
Difficile......
42
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

Il regime politicamente corretto a senso unico e cazzata perennemente inastata ha mietuto un'altra vittima.
Chissà se i solerti inquisitori di questo edicolante, hanno mai pensato di farsi un giretto tra gli ambienti e le pubblicazioni delle camarille femministe dove, gli inviti alla violenza, fisica e psicologica, contro il maschio, sono all'ordine del giorno.
22
Michelotto967

Michelotto967

51 anni, Genova (Italy)

Io riesco solo a vedere il lato divertente, e come una vignetta che si può trovare sulla Settimana Enigmistica! Simpatico questo edicolante Fiorentino, trovo la multa un po' esagerata! :smiley:
10
castoro56

castoro56

64 anni, Gorizia (Italy)

E' solo una vignetta.................. oltretutto grottesca, e ne ho viste di ben peggio di questa.
Proprio non la vedo come una istigazione al femminicidio, e nemmeno come apologia, rientra semmai in quel contesto di battute umoristico/sarcastiche uomo vs donna e viceversa.
Si può dire che manchi di buon gusto, e che non faccia ridere, ma ha ragione resi, il buon senso spetta a chi legge.

p.s.
digitando su google: "uomo vs donna vignette" se ne trovano a migliaia.........
00

Gepromarilo

Boh, io non mi sento istigato a nulla. Quello che vedo è che l'ironia (a prescindere dal buon gusto o dalla sua mancanza) è la vittima costante del politically correct, che da buona dittatura vuole che tutti pensino e agiscano allo stesso modo. Combattere la violenza domestica è un conto, censurare tutto è un altro.

Viene in mente la maestra statunitense licenziata per lo scherzo della bambina destinata ad essere una terrorista. Per come la vedo io ci stiamo avviando verso un mondo sempre più serio dove nessuno potrà più fare scherzi o battute onde evitare che gli ipersensibili si sturbino e si proceda per vie legali...
00

massi765

Vederci l'istigazione al femminicidio in quella maglietta la trovo una cosa esagerata. Certo i tempi non sono facili tantomeno belli però vediamo di non esagerare.
00