Sesso importante anche per le 50enni, lo afferma la Corte di Strasburgo

I giudici di Strasburgo si oppongono al taglio di risarcimento per l'età nei confronti di una donna 50enne a cui un'intervento ha compromesso l'attività sessuale

Una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo ha ribadito quanto l'attività sessuale sia importante anche per le donne che hanno superato i 50 anni, dando così ragione a una signora portoghese a cui un intervento ha compromesso la sua attività sessuale, ma che si è vista ridurre il dovuto risarcimento a causa dell'età.

Maria Morais, aveva subito un intervento nel 1995, all'età di 50 anni, riportando diverse conseguenze tra cui l'incontinenza e l'impossibilità di avere rapporti. I giudici portoghesi della Corte Suprema Amministrativa avevano deciso di abbassare di un terzo il risarcimento di 80mila euro accordato inizialmente alla donna, poiché l'intervento era avvenuto in un'età in cui il sesso non è importante come quella antecedente.

Non sono stati della stessa opinione i giudici di Strasburgo "La questione dibattuta – si legge nella sentenza, che ha visto cinque giudici schierarsi per la donna contro due - non è la mera considerazione dell'età o del sesso, ma l'assunzione che la sessualità non è così importante per una donna di 50 anni e madre di due bambini rispetto ad una più giovane. Questa assunzione riflette un'idea tradizionale della sessualità femminile legata essenzialmente a scopi riproduttivi, e ignora la sua rilevanza fisica e psicologica per la piena realizzazione della donna come persona”.

70 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Brunello67

Brunello67

50 anni, Milano (Italy)

Sentenza assolutamente sacrosanta.
L'età si allunga sempre di più e la vita sociale di un 50enne e proprio nella piena maturità.
Per cui... decisione giustissima 👍
00
Dairlewanger

Dairlewanger

41 anni, Piacenza (Italy)

Si vede proprio che la corte di Strasburgo non ha di meglio da fare.......
01
urbanevo

urbanevo

43 anni, Varese (Italy)

Non è giustificata una diminuzione del risarcimento in base all'età.
Spero che le venga dato quanto dovuto in sede di giudizio.
C'è anche l'aggravante di una condizione d'incontinenza permanente.......che condizione la vita.
00
Cosmo1971

Cosmo1971

46 anni, Venezia (Italy)

La giustizia e talmente complessa e contorta che anche i giudici vanno in Tilt 😃 😃 😃
01
fusow

fusow

53 anni, Modena (Italy)

la sentenza si riferisce alle 50 enni donne. quindi i 50 enni maschi come me possono raggiungere la pace dei sensi. io sono gia a buon punto eheh
00
Michelotto967

Michelotto967

50 anni, Genova (Italy)

Diverse conseguenze? 😡 Tra le quali, incontinenza, impossibilità ad avere rapporti a 50 anni? Triplicare il risarcimento, altro che ridurlo di un terzo, i soldi purtroppo non le ridaranno le facoltà perse, ma chi sbaglia paga, e anche bene... questo vale anche per i signori dottori! 😕 😐 😌
10
WalkerBoh

WalkerBoh

47 anni, Vicenza (Italy)

Dovremmo essere una società civile, dove ogni uomo e donna, del proprio corpo, sia libero di fare quel che crede (sempre nel rispetto altrui, chiaramente). Non è così. Lo è solo sulla carta, purtroppo. Se qualcuno ha sbagliato deve pagare. Il sesso è importante e nessuno deve essere costretto a rinunciarvi, se non lo desidera consciamente.
10
romeo972

romeo972

45 anni, Bari (Italy)

La sentenza emessa dai giudici di Strasburgo è condivisibile.

Al di là delle argomentazioni legate al valore effettivo della sessualità oltre i 50 anni, in particolare, l'aspetto principale della questione risiede nella circostanza che Maria Morais, tra l'altro, non aveva alcun problema di tipo sessuale prima dell'intervento, terminato con conseguenze deleterie. L'aver negati i diritti, insiti nella libertà personale e legittima di avere rapporti sessuali regolari, è già un danno rilevante oltre ogni altra considerazione. Il probabile minor esercizio di un proprio diritto non potrebbe ridurne il valore, scaturendo da scelta soggettiva e circostanziata.
Il danno subìto dalla donna è biologico e permanente, per cui meritevole di considerazione.

In generale, il senso del danno va riportato alla sua natura banale ma essenziale di impedimento delle libertà altrui anche future. Ciò determina direttamente la privazione dolosa o colposa da risarcire, al fine di sopperirne l'assenza in equivalenza per quanto possibile.
Non essendo un banale accessorio personale ma lo strumento principale di convivenza in comunità, il diritto va tutelato integralmente nell'interesse del singolo e del consesso in cui questi vive ed opera.

Or dunque, giustizia è fatta!
👋
01
massi765

massi765

45 anni, Roma (Italy)

L'importanza del sesso non è importante per chi? Per chi vuole fare i propri interessi?? Una donna ha subito un danno e tra l'urinare ed il fare sesso, ha subito un danno a mio avviso grave e importante. Pagate e non rompete le scatole.
01
blackdevil63

blackdevil63

54 anni, Firenze (Italy)

Altroché.......sono le più vogliose!
11
Tilikum_

Tilikum_

48 anni, Venezia (Italy)

Una sentenza simile è paragonabile a una ventata di aria salubre in una stanza chiusa da secoli. È proprio vero che le ideologie più sono assurde e più sono dure a morire . A 50 anni la vita sessuale per una donna non deve esserci ? O deve esserci meno ? Ma per favore ! E questo a prescindere che una donna sia madre o no . Togliere la possibilità di avere rapporti è comunque un danno . Auguri alla signora e un plauso a chi ha emesso la sentenza.
51
resiliente59

resiliente59

58 anni, Genova (Italy)

Dimi, tu giustifichi la cosa perché del sesso non te ne importa niente, non facendolo pensi che tutto l'universo ne possa fare a meno
Le cose sono gravi entrambe e, non c'entra una cippa se per età ha già dei figli, dato che sesso/amore non è sinonimo assoluto di procreazione
31
dimipunk

dimipunk

42 anni, Trieste (Italy)

Sciocchezze; madre natura o chi per lei, ci ha conferito gli organi riproduttivi per perpetuare la specie e, se ne frega assai del nostro divertimento; di conseguenza, e' ovvio che, dopo il mezzo secolo di vita e la messa al mondo di due figli, tali organi, nonché il loro utilizzo, perdano di "importanza".

Caso mai, la sentenza della Corte Suprema portoghese, va contestata in quanto, riduce un legittimo risarcimento per malasanità e danno fisico. Pisciarsi addosso e' molto più grave che non poter trombare dopo i 50 anni.
04
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.