Celebrato matrimonio al muro di confine tra Usa e Messico

Separati fisicamente dal muro che divide gli Usa dal Messico, due giovani hanno comunque deciso di coronare il loro sogno d'amore unendosi in matrimonio

Nemmeno il muro che li divide fisicamente è riuscito a contrastare l'amore tra l'americano Brian Houston e la fidanzata messicana Evelia Reyes, che si sono uniti in matrimonio al confine tra San Diego e Tijuana.

Solo per questa occasione, la polizia di frontiera ha aperto uno dei gate del muro che divide i due paesi, consentendo ai due giovani di scambiarsi le loro promesse nuziali.

Lo sposo, che non può entrare in Messico per ragioni che ha preferito non rendere note, spera che adesso la moglie possa ottenere un visto per poter entrare negli States, così da poter stare finalmente insieme, e realizzare il loro sogno di vivere felici e contenti come nelle favole.

Una speranza comune tra tutti coloro che in questo momento hanno una famiglia divisa tra i due paesi.

422 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
streetawke

streetawke

45 anni, Cagliari (Italy)

alla faccia del presidente americano !
10
Spinnnaker

Spinnnaker

57 anni, Treviso (Italy)

tutti portiamo in tasca almeno un mazzo di chiavi che usiamo per difendere la proprietà.
i muri hanno lo stesso scopo
11
romeo972

romeo972

45 anni, Bari (Italy)

Non potersi incontrare normalmente per sposarsi in libertà è deprimente e scoraggiante. Doversi sposare al limite di confine con la volontà dichiarata ufficialmente di rimanere uniti ma forzosamente in due Stati diversi è un controsenso ideologico.
Nel caso di specie, non so quanto bene abbiano scelto Brian Houston ed Evelia Reyes a sposarsi in simile modo. Di certo, unirsi in matrimonio ma rimanere sempre separati non trova molta giustificazione, almeno nell'immediato. Tuttavia, pur rimanendo una loro speranza, il futuro potrebbe riservare sorprese più piacevoli ma incerte, allungando al momento ombre di fatto sui benefici ottenibili.

Non si conoscono i dettagli ma è indubbio che l'uomo sia in contrasto con la legge messicana, al punto da non poter accedere in Messico. Pure ottenere il visto d'ingresso negli USA non sarebbe semplice per la donna, alla luce della cronaca più recente circa la nota politica di Donald Trump.
Probabilmente, se davvero si amassero, potrebbero optare per una convivenza lontana dai loro Paesi attuali, così congiungendosi stabilmente ma con tutte le inevitabili conseguenze personali e di coppia che ne deriverebbero.

L'amore è estremamente tenace ma, purtroppo, le contraddizioni dell'umanità lo potrebbero sfigurare!
👋
00
THORaesir

THORaesir

49 anni, Lappland (Finland)

Follia! Un muro lo si può abbattere, un matrimonio dura per l'eternità almeno per noi Aesir. Io non soddisfatto mi son sposato due volte raddoppiando così non solo le mogli ma anche tutti i problemi con cui mi assillano: abbassa la tavoletta della latrina, non correre dietro a tutte le femmine mortali, lava le capre che puzzano, lavati che puzzi anche tu, attento a dove poggi Mjollnir, mettiti le pattine che ho appena lavato il pavimento, i tuoi figli si sono sbafati tutto, non t'arrabbiare che poi tuona, non nominare tuo padre a sproposito che poi arriva e si porta dietro la suocera e così via all'infinito.
Poi non vi stupite quando mi girano gli snirfbelin se spacco tutto a martellate!
Moglieeeee è pronta la cena?
🔨 ⚡
30
Leneeeee

Leneeeee

31 anni, Lecce (Italy)

Buon pomeriggio a tutti quanti ,nessuno escluso 😁 !!! Da piccola ero curiosa e ciarliera e questo disturbava le suore ke mi mettevano in castigo cn la sedia rivolta di fronte al MURO e adesivo nero sulle labbra . Da adolescente ero ribelle scavalcavo MURI sbucciando le ginokkia e rompendo le unghia x giocare a calcio ,x visitare luoghi infestati da fantasmi annoiati e x vedere sempre "oltre" ciò ke nn mi era concesso . Da ragazza ho conosciuto i MURI dell' anima quelli ke si devono affrontare cn la psiche e cn più coraggio . Il silenzio e la freddezza di chi ami sn più gelidi del cemento armato . Ma ho capito ke questi MURI nn devono essere oltrepassati ci si deve appoggiare dolcemente ascoltando ogni singolo respiro e rumore . Da donna ho sbattuto contro i MURI della cattiveria lasciando lembi di pelle , sangue ,e lacrime . I MURI peggiori, quelli che ti attirano solo x farti sfasciare la testa . Su di questi ho imparato a imbrattare cn l indifferenza assoluta ... Potrei parlare di tante altre MURA tipo di quelle rassicuranti della mia famiglia,di quelle fascinose della mia Gallipoli ,oppure di quelle della mia casa incantata ... MURO : compagno,ostacolo,sfida,fortezza e MURO noi stessi ke rivestiamo un corpo mortale cn una speranza infinita ... PS : KI RIESCE A LEGGERE TUTTO È UN GRANDE E LO STIMO !!! 😂😂😂😂😂
70
massi765

massi765

45 anni, Roma (Italy)

Una notizia di un gesto nato in quel contesto specifico, non per amore ma per innescare un attenzione mediatica su quel muro e su quella situazione politica. le sceneggiate usando sacramenti come portavoce, non mi piacciono per niente. per cui buon weekend a tutti e seppur nei nostri pregi e difetti....... W L'ITALIA !! 😗
24
Altiorem_summa

Altiorem_summa

47 anni, Lecco (Italy)

Articolo di merda come al solito. L uomo non è americano ma messicano e non può entrare in Messico in quanto ricercato e con pene da scontare.
00
emmolina

emmolina

49 anni, Venezia (Italy)

I "muri" sono sempre esistiti e sempre esisteranno.
I più semplici sono quelli fisici, si possono abbattere o, più semplicemente, aggirare. Un po' come hanno fatto i due protagonisti dell articolo odierno, si sono sposati e potranno chiedere di vivere assieme in uno stato o nell altro.

I muri più difficili da abbattere, invece, sono quelli che innalziamo dentro di noi. Quelli nn si possono nemmeno aggirare. Sono creati con lo scopo di proteggere, ma poi si rivelano disastrosi xche, oltre a nn far "entrare", alla lunga impediscono anche di far "uscire" e, si sa, i sentimenti hanno bisogno di essere liberi x poter arrivare dove devono.

Si travestono da luoghi accoglienti, caldi, in cui si può stare al sicuro, si entra e nn ci si rende conto che poi sarà difficile uscirne, se nn impossibile, xche purtroppo li dentro si sta bene, non c è dolore, nn c è sofferenza, solo pace e serenità. Ma è una sensazione finta, perché la vita vera è fatta sia di gioia che di dolore, tener fuori una parte essenziale, significa vivere a metà.
È facile capirlo, ma molto più difficile avere la forza di uscire.
E I "muri" aumentano...
63
Michelotto967

Michelotto967

50 anni, Genova (Italy)

I muri infondono sicuramente tristezza, ma uno Stato ha diritto di rimarcare i suoi confini e tenere regolato il flusso di persone, che se anche sono alla ricerca di un futuro migliore, non possono invadere, anche se pur pacificamente un paese vicino di casa! La soglia di casa mia la varca chi dico io, quando lo voglio io e se ritengo opportuno che questi lo meriti! Comunque non posso che augurare un lieto fine ai due piccioncini! 😐 😃 😉
21
timidocurioso

timidocurioso

37 anni, Potenza (Italy)

..ci sono fughe verso terre di confine in tutto il mondo...favola ...amore..orgoglio..pregiudizio..alla Gretna Green..
- come chiesa una bottega
- come altare un incudine
- come prete un fabbro
30
Mustaine

Mustaine

45 anni, Roma (Italy)

La questione è semplice: la storia ci ha mostrato come i confini delle nazioni sono cambiati nel corso dei secoli. La popolazione mondiale si è moltiplicata a livello esponenziale negli ultimi 200 anni. Una volta ci si appropriava delle terre altrui con le guerre e spesso le migrazioni di massa cambiavano drasticamente la composizione delle popolazioni locali. Gli USA come nazione indipendente nascono da meno di 2 secoli e mezzo. La fine della seconda guerra mondiale ci ha portato all'ordine costituito che conosciamo e che riteniamo più o meno "immutabile", sebbene qualche cambiamento c'è stato. I tempi di Roma Caput Mundi o della grande civiltà ellenica sono lontani così come l'Europa non è più quella dell' 800. Gli Stati sono regolamentati da leggi ma le leggi non sono quasi mai al servizio dei cittadini, ma fanno il bene di chi detiene il potere (di solito il potere economico vincola tutti gli altri poteri, come l' "unico anello"). Perciò è solo un dato di fatto che se per anni l'immigrazione (anche quella clandestina) ha fatto comodo a qualcuno negli States, ora per Trump è tempo di mantenere le promesse fatte in tempo di elezioni. Che poi dietro Trump ci siano altri anche questo è un dato di fatto.
La storia ci ha mostrato che le popolazioni migrano, ma se prima si sostituivano agli indigeni locali (come hanno fatto gli europei nelle Americhe) ora si "aggiungono" e lentamente e con difficoltà si integrano. La società in cui viviamo non è riuscita in questi ultimi 70 anni a compensare tutte le controversie e problematiche causate dalla globalizzazione.
Mi fermo prima di intraprendere anche il discorso dell'Atomica e dei paesi "borderline"...

Buona giornata a tutti
41
cartabianca87

cartabianca87

30 anni, Milano (Italy)

Il dolore e l’amore non hanno frontiere
anche se noi alziamo muri per non vedere il dolore
e mettiamo confini per non riconoscere l’amore.
(Enzo Bianchi)
40
fusow

fusow

53 anni, Modena (Italy)

invece della marcia nuziale hanno suonato another brick in the wall dei queen .
comunque auguri e figli maschi (muro permettendo)
02
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Sottile ed insidiosa propaganda immigrazionista e globalista, mascherata a malapena da una patina sentimentale. L' accento posto sul "muro", e' più che eloquente.
Lovepedia sta dimostrando di essere una sorta di Bignami dell' inganno mediatico.

Allegri e murati.
07
D0nJ0n

D0nJ0n

43 anni, Pisa (Italy)

L'articolo vuole far riflettere sulle barriere divisorie, secondo me non lo fa nel modo migliore.
Ad ogni modo ogni divisione forzosa e/o muro sociale, culturale, razziale é orrendo ed insensato.
W la fratellanza.

Per quanto riguarda i piccioncini, i migliori auguri, un tantino di esibizionismo ... 😉

Всем доброе утро 😊
24
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.