Le donne francesi difendono la libertà degli uomini di importunare

100 donne francesi, tra cui alcune anche molto note, si sono riunite per manifestare in favore della libertà degli uomini di poter "importunare" una donna

In Francia, un gruppo di 100 donne, tra cui anche Catherine Devenue, si schierano in favore della “libertà di importunare” di alcuni uomini «indispensabile per la libertà sessuale».

Come si può leggere nell'articolo, molto dibattuto e apparso su Le Monde, queste donne si oppongono al quel tipo di femminismo che tenta solo di celebrare l'odio nei confronti degli uomini. Per loro infatti, il tentativo di seduzione da parte di un uomo, anche se insistente e goffo, non deve per forza essere scambiato per molestia, così come la galanteria non è un'aggressione maschilista.

Rifacendosi al tanto discusso caso Weinstein, affermano come sia stato importante per far luce sulle violenze sessuali all'interno dell'ambiente lavorativo, ma come questo episodio, e gli altri affini, siano stati strumentalizzati in modo errato.

«È una caratteristica del puritanesimo», si legge nell'articolo, «quella di prendere in prestito, in nome di un presunto”bene generale”, i temi della protezione delle donne e della loro emancipazione per incatenarle meglio a uno stato di vittime eterne». E ancora: «La campagna #metoo ha portato alla pubblica accusa di alcuni individui che, senza la possibilità di difendersi o rispondere, sono stati messi sullo stesso piano degli aggressori sessuali. Una giustizia sommaria che ha costretto uomini innocenti a dimettersi o a perdere il posto di lavoro per aver compiuto il gesto di sfiorare un ginocchio, cercare di rubare un bacio, inviare messaggi sessualmente espliciti, parlare di cose intime a una cena di lavoro».

Secondo queste donne quindi, una situazione di questo tipo invece di aiutare le donne a emanciparsi, alimenta solo gli interessi dei nemici della libertà sessuale e degli estremisti religiosi.

Concordi?

115 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Emy8

Emy8

26 anni, Milano (Italy)

Apprezziamo appreziamo
00
Janus963

Janus963

54 anni, Udine (Italy)

Equilibrio........
Un modus vivendi che opera in modo da esistere senza ledere l'altrui sensibilità.
Ogni volta che riusciamo ad attuarlo......... Svanisce come neve al sole ogni stortura del nostro ego.
20
Sugarman65

Sugarman65

53 anni, Genova (Italy)

credo veramente che le donne siano le creature più preziose e belle che esistano...Noi uomini dobbiamo solo trovare il modo per valorizzarle e apprezzarle...ma occorre conoscerle e forse a volte questo nostro intento può essere non gradito, può"importunare"....Lascerei fuori da questo fantastico gioco di rincorsa, incontri, conoscenze, seduzione, tutto il resto, la violenza, il sopruso, l'abuso, la volgarità, l'offesa, il mancato rispetto....ecc...Tutto questo appartiene purtroppo all'ignoranza e alla malvagità di persone, sia uomini ma anche donne,.....che non hanno niente a che vedere con il raffinato mondo del corteggiamento, della ricerca ecc... W le donne che è bene che continuino a essere tali e a farci correre dietro di loro
20
claudio_co

claudio_co

64 anni, Bologna (Italy)

Come scriveva Gautier nel suo famoso "le avventure del Capitan Fracassa", in Francia corteggiare una bella donna (con le giuste buone maniere, s'intende) non solo non è un reato, ma è un indice di intelligenza, di audacia e di buon gusto. Tanto si è parlato di Hollande che correva dietro alle gonnelle, ma andatevi a cercare la storia di un altro presidente della Republique Francaise, tal Felix Faure, personaggio al quale in ogni città e paese della Francia risulta intestata una delle più importanti strade e vedrete cosa ne pensano i francesi e le francesi del corteggiamento. I puritanti... peveretti, in genere sono sepolcri imbiancati che nascondono dietro il "non si può fare" il fatto di non avere il coraggio di andare a dire ad una bella donna "guarda che mi piaci molto....". A mio avviso le donne non hanno gran bisogno di qualcuno che le difenda: hanno bisogno che qualcuno le addestri a difendersi da sole nei confronti degli svitati, di coloro che pensano di essere "proprietari" della donna.
40
tantonontelado

tantonontelado

29 anni, Torino (Italy)

Le donne francesi difendono la libertà degli uomini di importunare le donne...e le altre donne, che fanno, stanno a guardare?
Se non esistesse la "libertà di importunare" forse nessuno di noi sarebbe venuto al mondo poichè si dice che "il primo passo deve farlo l'uomo".
Ma la parola "importunare" mi fa pensare a uno che ti tocca prima e dopo chiede scusa, o che ti parla e riparla senza badare che non lo vuoi ascoltare.
Altra cosa è la "galanteria": l'uomo che cede il passo, che apre la porta, e tutti quei gesti semplici e carini come un sorriso che possono rendere una giornata qualunque una bella giornata. Altra parola che forse è desueta è "corteggiamento": la donna quando è carina deve essere corteggiata dai molti e lì in mezzo a loro poter scegliere, misurando anche la motivazione dei suoi cavalieri. Al contempo però non voglio negare che anche le donne abbiano il diritto di farsi avanti.
30
trapper6

trapper6

52 anni, Brescia (Italy)

Finalmente il buon senso trionfa ....meglio tardi che mai....
21
Spinnnaker

Spinnnaker

57 anni, Treviso (Italy)

avevo un'amica russa (granfiga) che, per la presenza della madre, ospite da oltreun mese, era sparita. Ieri la chiamo per vedere di incontrarsi e mi dice "no perchè c'è mama e non posso lasciarla sola".
Ovvio che la spiegazione reale è che di me se ne sbatte, ma conosco coppie devastate dalla presenza assidua della suocera, che schiavizza la figlia, incurante che sia la moglie di qualcuno. Io dico che sarebbe ora di istituire una fattispecie di reato specifica, a querela del marito, per lo stalcking praticato dalla suocera, con pene che prevedano l'obbligo di non avvicinarsi a meno di 500 metri dalla casa coniugale.
E parlo da estraneo al problema, perchè io di suocere ormai non
ne ho più.
01
Backdoorlife

Backdoorlife

45 anni, Roma (Italy)

Solo un uomo (e una donna) dotato di grande sensibilità sa distinguere la differenza tra una molestia e l'arte (e una sana insistenza) del corteggiamento.
140
Derrik1966

Derrik1966

51 anni, Milano (Italy)

Questo dimostra che le donne dotate di cervello esistono ancora.
10
romeo972

romeo972

45 anni, Bari (Italy)

La questione richiamata nella notizia è notoriamente suggerita dalla tanta cronaca corrente circa episodi di femminicidio, maltrattamenti della donna tra le mura domestiche, presunte discriminazioni economiche e di potere a danno della donna.

Evidentemente, ribadendo la necessità della parità dei diritti tra i due sessi come tra tutte le persone, tale questione andrebbe affrontata a partire dal concetto di molestia.
Rivelandosi il reale elemento qualificate di tutta la discussione, la molestia potrebbe essere intesa come lo stato di alterazione psico-fisica di disturbo di una persona, a seguito di azione consapevole di terzi. Da qui, la molestia deve essere intesa soggettivamente, posto che una stessa conseguenza potrebbe essere giudicata diversamente dal soggetto.
Poiché per taluni risulterebbero graditi, un bacio sulla guancia, uno schiaffetto sulle natiche, un abbraccio lungo i fianchi, una carezza sulle gambe non potrebbero essere qualificate come molestia in sé ma solo in seguito ad esplicita contestazione con conseguente allontanamento fisico da parte della persona oggetto delle attenzioni. Così, solo al ripetersi della molestia stessa si potrebbe procedere all'ammenda.
Va da sé che certe azioni sono di certo riconducibili ragionevolmente a molestia per chiunque, poiché offensive della dignità della persona, per cui da punire immediatamente senza richiederne il parere.

Dunque, in via teorica, bene fanno le donne francesi a difendere il diritto degli uomini di corteggiare le donne, anche se con metodologie decise e ripetute, salvo i casi di molestia contestata o incontestabile.

D'altro canto, non si può accettare l'atteggiamento di chi condanna ogni azione anche strumentale dell'uomo intento a conquistare i favori della donna di turno, rientrando ciò in sostanza nella naturalità del rapporto tra i due sessi. L'uomo che tenta di conquistare, anche per la ricerca del solo sesso, non va condannato, come un delinquente o squallido "porco", esattamente come una donna non va apostrofata con epiteti noti se va in giro con minigonne e scollature mozzafiato. E' di fatto normale, essendo tutti esseri animali con istinti e bisogni comuni, di cui non ci deve essere vergogna o limitazione forzosa in virtù di ideali o tabù senza senso.
Se durante il "gioco" della seduzione e dell'approccio qualcuno non gradisse, potrebbe sempre facilmente sottrarsi, evitando di mancare di rispetto nel rifiuto e senza necessariamente gridare allo scandalo.
A dirla tutta, immaginare una realtà in cui l'uomo non sbavasse per la donna e la donna non cercasse di sedurlo sarebbe impossibile, se non altro perché concretamente la specie umana si estinguerebbe in poche decine d'anni per assenza di nascite.

E' così difficile accettare la naturalità delle cose?!
Non tanto per sé stessi ma almeno nell'interesse generale...
👋
30
Gustavox

Gustavox

48 anni, Milano (Italy)

io non ho mai importunato nessuna, figuriamoci molestare. anche perchè non ne sono capace e non ho il carattere. mi fa specie che proprio delle donne "sdoganino" certi comportamenti. io sono anche contro la seduzione, tutto deve accadere in maniera naturale e bilaterale senza strategie, tecniche, etc. se 2 persone sono adatte è sufficiente frequentarsi e tutto viene da sé. quando interagisco con una donna che mi piace, se non ho riscontri chiari al mio modo di interagire, e io lo faccio capire il mio interessamento, lascio perdere quasi subito, a meno che successivamente non sia lei a farsi avanti. deve avere anche il tempo di pensarci, giustamente. questo lo considero un modo moderno di concepire un avvicinamento che possa confluire in una relazione, di qualsiasi tipo essa si tratti, sia breve, sia di una vita intera.
190
WalkerBoh

WalkerBoh

48 anni, Vicenza (Italy)

Importunare... che parolone.
Io, in vita mia, non sono mai "riuscito" a importunare nessuna. Sono timido e mi sblocco solo dopo aver rotto il classico ghiaccio. Però la parola "importunare" si presta a una moltitudine di sfumature. Cosa significa "importunare" una donna? E soprattutto, tutte le donne non vogliono farsi importunare?
Siamo persone diverse, ognuna di noi, e so che molti uomini si sono messi insieme ad una donna dopo aver "insistito" parecchio, facendo le classiche pazzie, proprio perché lei desiderava vederle, oppure perché non era convinta del sentimento dell'altro. Non è qualcosa che è nelle mie corde "importunare" e, forse, sono single anche per questo, oggi.
Di certo però molestare e importunare non li ritengo sinonimi. Il primo atteggiamento è da abolire immediatamente, per il secondo, come dicevo, le sfumature sono curiose.
😌
121
fusow

fusow

53 anni, Modena (Italy)

io ho una vera soluzione condivisa con un paio di mie colleghe . da oggi tutti gli uomini devono smettere di contattare o importunare donne . niente piu avances e nemmeno molestie. se le donne ci vogliono devono essere loro a contattarci e a chiederci di uscire . potere alle donne 😉
42
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

..sfiorarle.. la mano..
.. sussurrarle.. all'orecchio..
..spostarle ..i capelli..
..asciugarle ..una lacrima.
... la mia..alla sua..bocca..
.. se mi avvicinerò troppo.. saprà dirmi di..no.?

Se la seduzione è un crimine.. bè..lo è in modo soggettivo.
Quanti saprebbero distinguere tra ..
- uno scherzo pesante
- flirt
- molestia?
Il limite.. è capire ..la sensibilita' e l'intelligenza ..della persona che si ha davanti..
..e fermarsi..agli eventuali ..No.. verbali e non.
Tutto ciò che non si ferma ..e va oltre ai.. No.. è molestia.., ..un ..comportamento indesiderato che può essere fisico.. verbale.. sessuale.
- violenza fisica
- ..psicologica
- stupro.
32
Altiorem_summa

Altiorem_summa

47 anni, Lecco (Italy)

Quando vedro' una donna dormire in automobile poiche' grossa fetta del suo stipendio deve passarla all'ex marito rimasto a casa ad accudire i figli, solo allora si potra' annunciare come realizzata la tanto agognata parita' tra i sessi, sino ad allora resta che, la donna, particolarmente quella italiana, tenta di elevarsi al grado di casta autoreferenziante ed intoccabile.
Le francesi hanno perfettamente ragione, togliendo all'uomo la facolta' di avvicinarsi ad esse, si crea un precipizio che rende i due sessi inaviccinabili, la cosa e' molto piu' marcata in italia poiche' le italiane sono piu' smaliziate e spocchiose, ma sopratutto aride, ovvero non hanno nulla da offrire o comunque ben poco, ma soprattutto neanche gli va di farlo, non cercano rapporti, cercano giocattoli da giostrare a loro piacimento o pollame da spremere.
Questi concetti son stati ripetuti talmente tante volte dalla fogna mediatica, che si son create intere generazioni di uomo zerbino disposto ad umiliarsi in mille modi pur di elemosinare una carezza.
Questo divario tra italiane e francesi e' noto e costante, d'altronde se c'e' un uomo con la fama di seduttore all'estero e', giustappunto, l'italiano.
Non ci credete? Iscrivetevi a badoo e impostate come posizione una qualsiasi localita' francese non di confine (perche' la spocchia e' contagiosa), e provate a scrivere anche in francese maccheronico alle ragazze, 2 su 3 vi risponderanno.
Altra prova? Scaricate wechat e contattate le persone dei dintorni, le cinesi vi daranno volentieri l amicizia, le italiane no.
26
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.