Come riprendersi dopo la fine di una lunga relazione

Non è mai semplice tornare in pista dopo la fine di una lunga storia d'amore: l'importante è evitare di commettere alcuni frequenti errori. Scopri quali

Riprendersi dopo la fine di un rapporto durato per anni non è facile, come non lo è cercare di tornare subito in pista, perché si, nel contempo i rapporti sociali si sono evoluti e alcune cose funzionano diversamente dai tempi in cui hai conosciuto il tuo ex.

P

rima vivevi una vita a due, adesso devi costruire abitudini, giornate e fine settimana da single, e a volte può essere difficile, soprattutto quando sei la parte lesa.

Ovviamente nulla è impossibile: tutto dipenderà dalla tua forza di volontà. L’importante è non commettere degli errori che potrebbero contrastare o rendere difficile la tua rinascita.

Ti stai chiedendo quali? Te li elenco:

- Sfogarsi con tutti. Il fatto che tu stia male non vuol dire che puoi raccontare a tutti del tuo dolore, perfetti sconosciuti compresi. È preferibile sfogarsi solo con chi possa comprendere il tuo dolore.

- Non ascoltare i consigli di chi ti vuole bene. In una situazione di questo tipo si è sempre poco obiettivi e non si possiede la giusta lucidità che consente di prendere decisioni giuste per se stessi. Ecco perché i consigli di una persona amica sono essenziali, in quanto rappresentano il giudizio di qualcuno che ti osserva dall’esterno e sa cosa è meglio per te in questo momento. 

- Mettersi a nudo sui social. Postare foto in intimo o seminude non ti rende necessariamente attraentie ma anzi può sembrare il gesto disperato di chi vuol attirare l’attenzione degli altri. Non hai bisogno di spogliarti: ricorda che è più sensuale mostrarsi solo a pochi e lentamente.

- Cercare solo la persona perfetta. Non dico che sia sbagliato, ma nel contempo potresti dare spazio a qualcuno che si avvicina almeno un po’ a questa tua idea di perfezione, giusto per tenerti "allenato".

- Uscire con persone improponibili. Di contro a quanto detto su, non significa nemmeno che devi svenderti col primo che incontri. Cerca di evitare quei tipi che sai tra qualche tempo ti porteranno a dire “ma come ho fatto ad uscire con quello lì?”.

- Entrare nel mood negativo. Sapevi che la negatività non fa altro che attirare altra negatività? Non solo: allontana anche potenziali persone interessate! E allora si positivo e smettila di piangerti addosso: iniziare a sorridere giorno dopo giorno ti aiuterà a ridurre i tempi di ripresa.

- Non sentirsi abbastanza. Quando si viene lasciati si pensa che la colpa sia la propria, che probabilmente potevi fare qualcosa di più o cambiare qualcosa di te. Sbagliato! Semplicemente non andavi bene per quella persona, ma questo non vuol dire che tu non sia l’ideale di qualcun altro.

Rinforza la tua autostima e riappropriati della tua vita: ricorda che solo quando starai nuovamente bene con te stesso, potrai stare bene con gli altri.

 

133 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

Blabla78

ho imparato con l'esperienza che il tempo guariscetutto..... a patto che lo si vuole
01
mariella65

mariella65

53 anni, Foggia (Italy)

Riprendersi da una relazione andata male....accettare..parlare con se stessi..magari iniziando a fre cio' che ci piace...anche prendere un treno e andare....
01

Solodivertimento5

Nella vita si fanno tante esperienze e una di queste è prp Stare male x un altra persona ma con il tempo tt passa
01
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Come già spiegato tra queste pagine, è impossibile indicare il modo di superare il difficile periodo caratterizzato dallo scioglimento del rapporto sentimentale.
Infatti, com'è facile immaginare, quale comportamento attuare nel reagire al meglio all'evento dipende di certo da quale storia il rapporto è stato caratterizzato dall'inizio fino alla sua fine, dalla sensibilità dei due protagonisti e dalle intenzioni personali future.

Come riprendersi dopo la fine di una lunga relazione?
Dipende... ma se ne potrebbe discutere!
👋
11
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

.. perdonando e lasciando libera chi si è amato..

..ma non riesco a farlo con me..
..non mi sopporto..
..non mi perdono..
..e creò ogni giorno il mio groviglio di filo spinato..
..che non mi curi ,..non mi guarisca.., non mi faccia scordare..
.. neanche con l'aiuto del tempo
..
32
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

Come riprendersi?un bel vaffanculo e avanti un altra
🔥 boia chi molla
14

massi765

Considerazioni giuste, alcune anche ovvie per un 45 enne come me. Bisogna anche non scordarsi di... scordarsi. Cioè scegliere un giorno in cui appena prima di alzarsi decidere di non vivere più nel passato ma..... cominciare a fare un piccolo passo in avanti nel presente. perché anche a piccoli passi si può fare il chilometro...
11
Matrix7474

Matrix7474

45 anni, Napoli (Italy)

Bellissimo
22
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Solito elenco di banalità e frasi fatte da rotocalco che si sfoglia distrattamente mentre aspetti il tuo turno dal medico.
Solito decalogo da mondo parallelo, patinato ed irreale, dove le nuvole sono sempre passeggere.
15
emmolina

emmolina

50 anni, Venezia (Italy)

Come riprendersi?
Innamorandosi follemente di un altro ❤

Buongiorno blog, buon inizio weekend 🌺
44
aurevoir

aurevoir

59 anni, Genova (Italy)

Vediamo se pure questo commento viene intasato dai giocatori di cluedo o dai cercanti rissa.
Io proporrei in tal senso , e collegialmente, di scegliere un posto a caso tra i commenti e scriverci lì sopra a turno quanto ci stiamo sul cazzo. Almeno uno va dritto lì, scrive, legge, ritrova commenti. E diventa il commento più longevo del blog.
Oppure, Manu, aprine uno nuovo, tipo, gli iscritti sui social sono esseri normali oppure un branco di sfigatialienatisenzavitapropria?

Ok, buongiorno.
Il decalogo anti blues da singletudine improvvisa è naturalmente l'opposto.

1) Sfogarsi. Meno si parla e si racconta meglio è.

2) Specialmente con i famosi del te lo avevo detto, era logico, si vedeva, ecc. I buoni amici pronti a passarti il fazzoletto. Volare via da loro. Anche se lo fanno con gentilezza e premure, via, aria fresca.

3) Mostrarsi. Perché no? Nudi ,insomma, non saprei, se scatta una libidine di ricerca di nuova autostima ogni strada è battibile. Comunque aria fresca pure qui.

4) 5) Persona perfetta e persona improponibile. Porca di quella troia, fermati e ragiona, bipede single. Non esistono ne l'una ne l'altra. Non cadere nel conformismo che ti ha già inculato. Sperimenta e non dare giudizi affrettati. Meglio andare a vedere e sbagliare che restare a casa dicendosi da solo non era il tipo per me.

6) 7) Questi ultimi sono giusti, il 6 soprattutto, niente da dire. Il 7 anche, basta non fare l'errore, molto comune, di addossare ogni colpa all'altro. Della serie, io sono perfetto, strano che non gli bastavo!

😎Personalissimo: buttatevi a fare cazzate, scopate, divertitevi, tornate 18enni, ma non i 18enni 80enni che eravate, tornate 18enni per la prima volta. Potreste scoprire cose di voi che nemmeno immaginavate.

@LLEGRI.@
34

NELL1

Buongiorno,
come riprendersi dopo una relazione finita?
ricominciare a prendersi cura di se stessi, e pensare che spesso stare soli e' un'opzione mica male, .
Le ho sempre interrotte io le relazioni anche quando mi e' dispiaciuto, ma spesso e' l'unico modo per rinascere.
Poi magari non ci sara' piu' un rapporto forte come prima ma avere amici con cui condividere il tempo e' gia' una buona cosa.
nonostante tutto io sono felice della mia scelta, perche' ho una vita che mi sono costruita a mia immagine e l'idea di modificarla per un nuovo compagno mi peserebbe, forse un'amicizia amorosa, ma ognuno a casa sua 😉 ..... mah..... vedremo gli sviluppi 😜

non andate a vedere il film "lady bird" che e' un'americanata penosa 😟

oggi sole e bicicletta 😊 😍
64
Windsun

Windsun

50 anni, Avellino (Italy)

La fine di una relazione d’amore è sempre un evento molto doloroso e sconvolgente. Anche davanti al più amichevole e conciliante “abbiamo preso strade diverse”, la verità è che rotture, separazioni e divorzi provocano nelle persone che li vivono livelli non trascurabili di disagio emotivo, associato qualche volta a sintomatologia di natura fisica. Certo, ogni storia d’amore è diversa dalle altre, ogni persona ha uno storico diverso, ognuno di noi soffre in maniera diversa. Ma la sofferenza, quella che ci toglie la voglia di vivere è la stessa per tutti! Che fare allora? Senza voler banalizzare i sentimenti dolorosi che scaturiscono dalla fine di un rapporto d’amore, che occorre metabolizzare naturalmente con il tempo e grazie ad un processo di elaborazione personale.
53
urbanevo

urbanevo

44 anni, Varese (Italy)

Ciao blog 😊
credo che tra i diversi punti elencati, il mood negativo sia quello da evitare e comunque da tenere sempre in considerazione.

Quello che hai dentro si rispecchia fuori e senza filtri di sorta.

Non possiamo andare bene a tutti (meglio cosi😊) e le nostre energie saranno dedicate a chi meglio si trova con noi.

Meglio reagire e proporsi al mondo, magari senza aprirsi totalmente 😂.

Qualcuna/o sarà felice di trovarti 😊💐

Oggi c'è un bel cielo limpido e un sole spettacolare.

Buon ☕️😊
51

Any79

Ehiiii.😍😍.che belli quei biscottiniii..dell immagine magazine....so cute !! @llora... interessante l articolo di oggi...interessa tutti ma propri tutti..a chi nn è mai capitato nella vita di lasciarsi e poi giustamente diversi rimettere 'in pista'e 'riprendere' se stessa/o..è difficile...riprogrammare e ricostruire....cambiare stile di vita...la parte lesa?? Non è mai una sola...si esce sconfitti entrambi....nessuno vince sull'altro... è una perdita sempre...ad ogni modo penso che le modalità e i tempi di ripresa sono davvero davvero soggettivi in base a come si è...il proprio carattere e le attitudini e i pensieri...insomma il modo di essere...certamente nn deve mancare l autostima e la fiducia in se stessi e un pizzico di coraggio..e certamente credo non manchi almeno i primi tempi o i primi mesi anche quel dolore e quella sofferenza nel dover elaborare il lutto e la perdita di una persona alla quale comunque sia andata ,c'eravamo affezionati e legati.. questa è la parte più difficile xchè ti obbliga un viaggio dentro te stessa..un ribaltamento di emozioni pazzesche....un insieme di "pero..se".."ma..forse"..."ma se io avessi....o se lui nn avesse"..."però io questo potevo nn farlo".."ma xchè mi sono comportata così? E lui invece xchè nn ha saputo fare questo o piuttosto che quell'altro"...e via dicendo....serve anche questo anche questo serve per scavare e conoscere meglio noi stessi.. porca mela! Quanto ho scritto!!..bene....Manu oggi me piase più del solito l'articolo..🌸🌸 Keep c@lm and love yourself 😘 😘
29