Dimmi come parli e ti dirò chi sei

Le parole con cui ci esprimiamo non sono collegate sono a livello di istruzione ricevuta ma anche alla maturazione nel tempo della nostra personalità

Il linguaggio che utilizziamo tutti i giorni non serve solo a svelare il livello di istruzione acquisito negli anni, ma rivela tantissimo della nostra personalità e di come la stessa si sia sviluppata e sia maturata in termini cognitivi, di pensiero e sociali.

È quanto riscontrato da una ricerca sul linguaggio parlato condotta da psicologi Usa, i quali hanno esaminato 44mila brevi testi parlati raccolti nel corso di 25 anni dal Washington University Sentence Completion Test (Wusct), strumento utilizzato da psicologi e psichiatri per misurare l'Ego level. Per la loro analisi dei linguaggi, gli esperti si sono serviti del Linguistic Inquiry and Word Count (Liwc), ossia un sistema che sulla base del conteggio delle parole e la valutazione della sintassi di testi, costruisce 81 categorie di linguaggio.  

Ma cosa è stato riscontrato?

Dai risultati emerge come nel corso della maturazione dell’IO si passa da un linguaggio egocentrico in cui si fa largo uso di pronomi personali come “io” e “me”, ad uno stile in cui si adoperano termini indicativi di complessità come “ma” o “sebbene”. Inoltre la lunghezza delle frasi sarebbe collegata a stadi di maggiore maturità, mentre quelle frasi impulsive che esprimono rabbia e rancore sarebbero collegate a livello di Ego più precoci.

È possibile costruire lo sviluppo dell’Ego attraverso l’uso di un diagramma, così come suggerito dagli stessi autori dello studio, in cui il suo livello progredisce in senso orario partendo da un livello minore di maturità più egocentrico e impulsivo, passando a livelli intermedi fino a giungere a quello autonomo/integrato.

Ciò dice molto anche nel modo in cui ci approcciamo alle altre persone quando vogliamo far colpo sulle stesse: bada quindi a come ti esprimi.

165 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Tilikum_

Tilikum_

49 anni, Venezia (Italy)

Non so resistere all'eloquenza e all'intelligenza 😊
30
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

.. modesto nella forma..
..nel porsi..
.. troppo spesso non si trovano le parole..
..quelle vicine ai colti,..ai forbiti..,
..quel linguaggio da finidicitori,
..allievi nobili dell' ars oratoria..
.. che crea
.. curiosità e pathos..
.. già con la padronanza
del volume ..

..e taccio al pensiero..
che portarle la mano sul mio cuore.. basterebbe a rispondere a tutte le sue domande..
.
20
supernova23

supernova23

41 anni, Milano (Italy)

In effetti l'io accentuato è un tratto infantile, chi da adulto misura il mondo utilizzando se stesso come metro... è poco permeabile e non apprende la realtà.
20
romeo972

romeo972

45 anni, Bari (Italy)

Francamente non è necessario scomodare psicologi, scienziati e sondaggisti per scoprire che il linguaggio della persona viene condizionato anche dalla personalità, in termini cognitivi, di pensiero e sociali.
Del resto, il linguaggio usato è sempre espressione strettamente personale, da ogni punto di vista. Infatti, si sa, ciascuno è unico nella cultura, nell'esperienza, negli interessi e nella sensibilità, sulla cui base riesce a comunicare liberamente.

Affermare che nell'approccio agli altri è il caso di prestare attenzione a come ci si esprime è a dir poco dozzinale.
Molto meglio sarebbe ricordare che, nel caso, l'espressione soggettiva non si limiterebbe alle sole comunicazioni verbali ma anche a quelle comportamentali e del pensiero, ben più interessanti, rivelatrici e veritiere.
👋
20
Talkme

Talkme

47 anni, Pavia (Italy)

Un articolo contrastante , ed in un certo senso demente.
Fanno anche studi mah.
Buona serata a tutti gli utenti
31
JimmyXXX

JimmyXXX

58 anni, Trieste (Italy)

Si, è affascinante sentire "parlare bene" una persona. La proprietà di linguaggio, accompagnata anche da una certa gestualità di classe mai sopra le righe, cattura la mia attenzione.
Il tutto sarebbe ancora più gradito se non ci fossero le inflessioni dialettali che ognuno di noi più o meno ha e che in certi casi sono talmente forti da compromettere, a mio avviso, l'efficacia del discorso (sia ben chiaro, nord, sud, est, ovest).
23
Mustaine

Mustaine

46 anni, Roma (Italy)

...e parla come magni!!! No??? Te devi da fatte capii!!! Capiscisti? Comprendetti?
Non so se spiegato mi sono...shhh...fate silenzio che non riesco a sentirmi di pensare! Cosa penso? E pensa più forte che nun sento! Sordo sugno...
"bada quindi a come ti esprimi." 😂 😂 😂
72
Windsun

Windsun

50 anni, Avellino (Italy)

Io non posso commentare, sono "GNURANTE" in materia , essendo i un altro pianeta. 👽 😂
44
massi765

massi765

45 anni, Roma (Italy)

Il modo di esprimersi, il cosa ed il come lo esprimiamo, dice se non tutto una buona parte del chi siamo. Si sono d'accordo.
03
umtol

umtol

47 anni, Isernia (Italy)

"io" per questo articolo "sebbene" interessante "ma" alquanto complicato per i miei quattro neuroni, voglio citare i TRE luminari di Tre discipline diverse i quali intervistati su uno studio simile a questo dissero all'unisono a "me" me pare na strunzata 😂 Un saluto a tutti 😎 😎 😎
42
Any79

Any79

38 anni, Foggia (Italy)

Holaaa Manu 💗...Eh..già...è davvero così...rivela tante cose di noi...e del nostro carattere nonchè della nostra educazione.. e correttezza nei confronti degli altri...assolutamente si..😊😊 Ser€n¥ and born confident 🤗😃
212
Francesco19465

Francesco19465

53 anni, Milano (Italy)

Dimmi come parli e ti dirò chi sei?
C'è chi parla e chi gracchia
C'è chi dialoga e chi si accende
C'è chi si spiega e chi non segue
C'è chi tenta di socializzare e chi ha paura di un rapporto
C'è chi crede di essere normale ma non si sa + cos'è la normalità
+ che parlare è come una persona fa a pensare e a quali orrori ha in se che mi preoccupa
Avete presente certe mamme cosa dicono ai propri figli/e?
"Non parlare mai con gli sconosciuti"
E' giusto proteggere i minori ma questi, ad una età ormai adulta di 40 ma anche + anni, hanno in se questa sindrome che se la trascinano dall'infanzia e non sanno rapportarsi
Dimmi come parli e ti dirò chi sei?
Fosse il parlare il problema, pian piano lo sapremmo risolvere, ma chi ha in se il terrore dal nulla mi chiedo come ne uscirà 😳
X Esempio?
+ volte mi capitano donne che mi dicono ..ma come, dopo 3 giorni di scritto mi dai già il tuo numero di telefono?
Allora domando...
- Che facciamo 1 mese a scriverci? Xkè non 1 anno?
MavvaDDaiiiiiii 😝
Ditemi voi ..cos'è un numero di telefono?
Fa paura? Xkè? 😂 😂 😂
E qualcuno/a qui vorrebbe trovare l'amore? 👣 😤
Evviva chi sa vivere senza troppe prigioni mentali ..ciao 😜
43
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

A-haaa! Mentre leggevo, mi chiedevo: "interessantissimo articolo nonché argomento affascinante ma, dov'è l' inghippo"?

Detto fatto esso appare in tutta la sua interezza, nell'ultimo paragrafo.

Allegri e linguistici.
28
Resiliente1959

Resiliente1959

59 anni, Genova (Italy)

Meno male che le persone le ascoltiamo ; perché a leggerle alcune...( posso mettermici dentro anche io ma, non spesso) pur essendo egocentrica , riconosco i miei limiti...in fondo l' importante ci sia IO o ME , nel bene e nel male 😉

Buongiorno , qui bellissimo ; tenuta sportiva, fisico perfetto (quasi )

Angela ciao! Un bacino bimba. 😗
22
NELL1

NELL1

52 anni, Torino (Italy)

Purtroppo non funziona sempre cosi', molte le variabili.....
io dico sempre "bisogna assomigliare alle parole che si dicono" ma spesso ne travisiamo il significato se a parlare non siamo noi in prima persona .....
peccato....le parole, le amo molto ed a volte mi ci perdo ed e' questo il grande errore,
per essere degne di considerazione devono essere seguite dai fatti....
buona giornata 😊 ☕
46
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.