In Svezia i video per spiegare i “diritti sessuali” ai migranti

Come spiegare il sesso ai migranti? Il governo svedese ha pensato di farlo attraverso la realizzazione di video che illustrano i loro nuovi diritti sessuali

Il governo svedese spende quasi mezzo milione di dollari per la realizzazione di video animati che spiegano ai migranti i loro diritti sessuali, e quindi ciò che possono fare all’interno della loro sfera intima ora che si trovano in un nuovo paese.

Questa operazione, che ha portato alla produzione fino adesso di ben 11 video in varie lingue tra cui curdo e somalo, è stata ritenuta addirittura urgente. Le animazioni riguardano tutte le posizioni del sesso, da quelle più consone e conosciute ad altre più simili al Kamasutra.

Il ministro per gli Affari sociali, Annika Strandhäll, ha spiegato come “alcune donne del gruppo di nuovi arrivati provengono da società con norme, regole e leggi completamente diverse. ll progetto permetterà a queste donne una migliore comprensione dei diritti sessuali e di riproduzione in Svezia”.

Non è ben chiara quale sia l’urgenza di questa operazione ne perché si debbano spendere così tanti soldi visto che probabilmente è difficile che molti uomini e donne cambino il loro modo di pensare e la loro tradizione e cultura per messo di semplici video.

Un esperimento di questo tipo era già stato condotto in Germania, ma con scarso successo: in quel caso il governo tedesco aveva lanciato in sito chiamato Zanzu, che fornisce "consigli sul sesso e la sessualità per i migranti che non vivono da molto tempo in Germania".

In Svezia il problema sesso e migranti, che rappresentano oltre il 26% della popolazione, è aggravato dai reati compiuti dall’arrivo di quest’ultimi: dal 2017 infatti, la percentuale delle violenze sessuali è aumentata del 10%.

Dati che probabilmente giustificano la scelta del governo svedese.

Cosa ne pensi?

27 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
supernova23

supernova23

44 anni, Milano (Italy)

Nei paesi scandinavi l'educazione è un valore, sono riusciti a costruire società molto solide e democratiche, piene di opportunità per i cittadini, grazie ad essa. Per quanto possano apparire singolari ed elementari, questi 'strumenti' educativi sono utili in quanto chiariscono, senza ambiguità o mediazioni, quali sono i diritti acquisiti da ogni cittadino e cittadina svedese. Qualcuno deve informare i migranti su usi e costumi del paese ospitante, ed è giusto siano le istituzioni che hanno i mezzi e l'autorevolezza per farlo. In Italia questo non avviene, dunque il paese è interpretato alla luce delle 'informazioni' veicolate da capi religiosi, leader non integrati o esponenti della criminalità organizzata, personaggi che hanno interesse a mantenere un controllo sui migranti, sulle loro vite e sulle loro menti.
00
Spinnnaker

Spinnnaker

58 anni, Treviso (Italy)

Ho appena ascoltato il GR1. Mi hanno colpito in particolare i due servizi sulla violenza assurda che subiscono le donne musulmane. In Sudan è in attesa di esecuzione una giovane, perché, data in sposa a 13 anni ad uno sconosciuto, si rifiutava di farsi penetrare. Pertanto i parenti, contrattualmente responsabili della fornitura di merce non conforme agli accordi matrimoniali (il matrimonio…che barbarie!), bloccano la sposa inadempiente in modo che lo sposo possa stuprarla. Il giorno dopo lo sposo si ripropone e lei gli vibra una sacrosanta coltellata letale. Ora, anziché un premio, l’attende la morte.
In Svezia invece pensano bene di insegnare a sti insulti della Natura la sessualità, come potessero capire qualcosa. Magari non sono tutti così, ma non mi aspetto grandi slanci intellettuali da quei belfagor che vedo sempre più numerosi in giro per le strade. Del resto anche certi “spettacoli” cui assisto anche qua dentro non permettono di essere particolarmente ottimisti.
I politici non fanno nulla per debellare la piaga dell’Islam. O, meglio, cavalcano il risentimento largamente diffuso per insediarsi al potere e poi fare i propri porci comodi.
La disgrazia di essere nato troppo presto
00
Francesco19465

Francesco19465

53 anni, Milano (Italy)

Diritti sessuali x i migranti?
500mila€?
Ma invece dei diritti, dovessero insegnare anche i doveri del migrante (visti i tanti stupratori tdcz), e insegnare come rispettare il popolo ospitante, nooo?
Chissà quanti soldi si intascheranno i ministri svedesi x questa trovata ..a pensar male è peccato ma, + delle volte ci si azzecca
Auguri alla Svezia e al loro progetto strampalato
10
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

L'iniziativa del Governo svedese è ampiamente discutibile, anzi sconclusionata, e poco chiara.

Innanzitutto, se il problema da affrontare fosse l'aumento del 10% delle violenze sessuali in Svezia, non sarebbe di immediata comprensione l'intervento informativo presso le comunità d'immigrati circa le pratiche sessuali da osservare nell'intimità della coppia. In particolare, mostrare con apposite animazioni le varie posizioni "ammesse" del sesso non suggerisce davvero alcuno spunto di aiuto concreto nella riduzione dei crimini a sfondo sessuale.
Infatti, va da sé che gli immigrati non sono alieni ma essere umani come gli altri, per cui già preparati mediamente su come farlo. Eppoi, sarebbe accettabile che la legge entrasse nell'intimità di coppia a stabilire le pratiche sessuali? Molti altri sarebbero gli interrogativi al riguardo ma non è il caso di discuterne qui, se non altro perché facilmente immaginabili.

Per farla breve, ipotizzando che principalmente siano gli immigrati a macchiarsi di crimini sessuali in Svezia, il problema sarebbe più banalmente riconducibile all'obbligo di osservanza delle leggi vigenti. Da qui, la soluzione dovrebbe seguire percorsi diversi ma convergenti di prevenzione attraverso sia una campagna pubblicitaria informativa di educazione civica generale sia maggiori controlli di polizia nelle varie realtà sociali. Infine, d'obbligo sarebbe potenziare gli organi istituzionali deputati alla condanna dei responsabili dei crimini commessi, applicando opportune misure pecuniarie e detentive.

Insomma, il necessario reale senza perdere in efficacia, di fatto nulla di straordinario solo in nome dell'osannato demonizzato sesso!
👋
61
Dairlewanger

Dairlewanger

41 anni, Piacenza (Italy)

Come come come???????spiegare i diritti sessuali ai migranti??????????ma vaffanzum va!!!!!!

🔥 boia chi molla
11
paulgreeneyes

paulgreeneyes

49 anni, Savona (Italy)

ma dio bono!ma insegnargli semplicemente il diritto civico se nò fuori dalla balle no?
andassero a cagare tutti aka s'inculino e di brutto...
53
JimmyXXX

JimmyXXX

58 anni, Trieste (Italy)

E' semplicemente utopistico credere di poter cambiare abitudini ben radicate a qualsiasi popolo (un esempio per non andare lontano?... a quello italiano) mediante l'uso di semplici video girati ad hoc.
Ancor più difficile cercare di cambiare abitudini a persone estranee alla cultura occidentale e nella maggior parte dei casi con un grado di istruzione basso.
Se tocchiamo addirittura, come nel caso della Svezia, la sfera sessuale, lo ritengo impossibile.
Mi meraviglio che un popolo come quello svedese spenda soldi e tempo inutilmente.
Se la Germania poi, ha rinunciato a questo progetto, lo avrà fatto a ragion veduta.
Nota di carattere storico. L'Impero Romano si è basato per secoli sulla multietnicità. Quando ad un certo punto i vari popoli hanno smesso, per loro precisa volontà, l'indispensabile processo di integrazione, l'Impero si è sfaldato.
C'è da meditare...
41
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Già da tempo leggo cose sempre più allarmanti riguardo la Svezia. Il collasso culturale ed il calabraghismo eletto a sistema sono una costante in tutta questa disgraziatissima Europa della "Società Appppperta" (perlopiù analmente), ma, la Svezia, ha una marcia in più. Ormai, praticamente, tutto ciò che resta di quella società, sopravvive in funzione dell' auto castrazione, della frocizzazione coatta (hanno abolito nelle scuole i pronomi personali che indicavano il genere di appartenenza e favorire l' indifferentismo), e, naturalmente, alla completa sottomissione ai capricci di società straniere ivi insediate che, capendo l' andazzo, si limitano ad imporre il proprio modo di vivere, creando stati nello stato, consci della loro impunità, della loro forza e della dissoluzione della società svedese, talmente ammalata di tollllleranza, di utopie integrazioniste e multirazzialiste, da non reagire minimamente tanto che, il governo, all' aumento di stupri e crimini sessuali, risponde con patetici video come questi, ridicoli e penosi, infarciti di "diritti", e dimentichi del diritto del popolo svedese di vivere a casa propria senza dover nulla a nessuno.
Magari, si illudono davvero di moderare gli istinti di alieni pachistani, afghani, et similia, con trovate che, aumenta solo il disprezzo degli stranieri nei loro confronti.
Il triste destino della Svezia e di altre nazioni similari (Belgio e Germania in primis), mostrano con estrema evidenza la necessità di dare un taglio netto alle subculture liberal e politicamente corrette ed alla riappropriazione del concetto di Nazione, territorio, difesa del medesimo, della propria cultura ed etnia, circoscrivendo, espellendo e neutralizzando il più possibile la presenza del comunità aliene, quelle islamiche in primis.
La via l' hanno tracciata quelle due uniche nazioni europee che ancora difendono se stesse, ossia Ungheria e Polonia, che fanno blocco con la Repubblica Ceca e la Slovacchia nel gruppo di Visegrad.
Starà a noi, mediterranei reduci da anni di metastasi boldriniana, capire da che parte vogliamo stare: Dalla parte di chi vuole vivere o da parte di chi vuole suicidarsi, regalando direttamente il coltello a chi vorrebbe sgozzarci, tronfi di utopie integrazioniste, tragicamente fallite dappertutto.
67
umtol

umtol

47 anni, Isernia (Italy)

ad Umtolia siamo molto più avanti, con soli 500 euro abbiamo realizzato un film porno in cui i protagonisti lo fanno in tutte le posizioni ✊ , purtroppo c'è stato un incidente, in una delle posizioni più aggrovigliate l'attore si è spezzato il gingillo 😱 e siamo stati costretti a sostituirlo. Il film verrà mostrato ai migranti in tutte le sale cinematografiche dove verranno serviti anche pop corn e stuzzichini vari. Un saluto a tutti 😎 😎 😎
21
massi765

massi765

46 anni, Roma (Italy)

In una società evoluta e complessa come una nazione, dire molto chiaramente ai migranti che ne entrano: qui se fai del male a bambini donne e anziani, ti mettiamo sulla sedia elettrica e spargiamo le tue ceneri al vento, non è razzismo. E' civiltà. La civiltà che difende i propri diritti. Dall'accogliere chi vuole entrare alla sicurezza della gente. Tutta la gente! Se la capiscono bene. Se non la capiscono che vengano presi per un orecchio e buttati fuori. Accogliere è un dovere. Difendere la nostra civiltà, i nostri diritti, i nostri bambini e le nostre donne, è un dovere ancora più grande. Perché se lo stato non fa sentire di esserci… succederanno cose molto più terribili della sedia elettrica………….
41

Any79

Giorno Manu 😘 Ossignr 😳 😁 i diritti sessuali ai migranti? Ma che roba è questa? Anche se a pensarci bene ...parlare di educazione alla sessualità farebbe bene un pò a tutti nn solo ai migranti...Bon..e..Boon...!! @@
Keep calm Stay peaceful and "Paese che vai... usanze che trovi" ✌😉☺🤗🤗
216

NELL1

Avevo letto la notizia sul giornale di ieri, ma parlava di corsi di sessualita' pratici per migranti in svezia, forse non ho letto bene, altrimenti sarebbe la panacea per tutti i mali degli italiani.... FI..A gratis senza sborsare ne' quattrini ne' sentimenti.... che volere di piu'??? i bus partono da ogni citta' davanti alla stazione centrale tutti i giorni alle 12...AFFRETTATEVI!!!!

Buongiorno ragazzi, -3 😋 ☕
414
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.