Vedove più a rischio ad infarto cardiaco

Le donne che hanno perso il proprio marito, nell'arco dei primi sei mesi, sarebbero a rischio di morte a causa di infarto: a dirlo un nuovo studio

Il 40% delle donne che hanno perso il proprio coniuge sarebbero maggiormente soggette ad infarto e a rischio di morte nei primi sei mesi: ad evidenziarlo è uno studio della Rice University in Texas, che mette in evidenza come il dolore giochi un ruolo non secondario sulla nostra salute.

Quanto riscontrato dallo studio può tuttavia essere esteso anche ai vedovi: ciò darebbe una spiegazione a tutti quei casi di cronaca in cui diversi coniugi sono deceduti l’uno a breve distanza dall’altro. Per i ricercatori c’è una spiegazione biologica, così come illustra l’autore principale dello studio, Chris Fagundes della Rice’s School of Social Sciences: “Nei primi sei mesi dopo la perdita di un coniuge, le vedove (ma anche i vedovi) hanno aumentato il rischio di mortalità del 41 per cento. È importante sottolineare che il 53% di questo aumento del rischio è dovuto a malattie cardiovascolari”.

Per la ricerca è stata presa in esame la salute di ben 32 persone, per lo più donne, tutte che avevano perso un coniuge entro una media di 89 giorni dall’inizio dello studio. I ricercatori hanno nel contempo esaminato 33 persone sane della stessa età.

Gli esperti hanno analizzato i livelli di citochine pro-infiammatorie, ossia delle molecole che vengono rilasciate nel flusso sanguigno in risposta all’infezione e ad altri segni di infiammazione. È stata esaminata anche la frequenza cardiaca per verificare eventuali anomalie cardiovascolari.

I risultati hanno dimostrato come i livelli di citochine pro-infiammatorie erano superiori del 5 e del 7% nel gruppo dei vedovi rispetto agli altri. Altre differenze tangibili riguardavano anche la frequenza cardiaca, nettamente superiore, e i livelli di depressione, che erano più alti del 20%.

Occorre quindi prestare attenzione alla salute del proprio cuore, che può essere compromessa anche dalla perdita di una persona amata.

108 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
paulgreeneyes

paulgreeneyes

49 anni, Savona (Italy)

belin!!!.....ed entro 6 mesi poi??!!
troppo alcool e troppi festeggiamenti per la dipartita?arzille 'ste vecchiette texane.... 😄


























si scherza eh...... 😉
01
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

Boiata pazzesca
🔥 boia chi molla
07
Tilikum_

Tilikum_

49 anni, Venezia (Italy)

Quando perdi la persona che ami , il dolore e' grande . C'e' chi si riprende , chi no .
Quando invece perdi un figlio , puoi andare avanti per forza ...ma non sara' mai come prima , poiche' e' un dolore immenso ..
32
Elita

Elita

54 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Eh sì.. ..qualcuna potrebbe avere un infarto ,ma dalla contentezza che il proprio marito ci abbia lasciato le penne.😂😂😂
311

Rapunzel3ntina

A me me pare... na strunzata!
Vivo in un paesino di 1000 anime, con tantissime vedove! Davvero.
Dopo un normalissimo periodo buio, sono tutte rifiorite! 😮
50

massi765

Purtroppo la vita a volte è come una partita di bowling. se cade la palla e colpisce un birillo, poi cadono anche altri birilli. I computer ed internet cercano di assomigliare agli esseri umani. tutti interconnessi… l'articolo parla di un aspetto poco bello. pensiamo a quelli belli. che rimane da fare? non vedo grossi rimedi a quel ciclo e conseguenze a certi fatti, che natura ha stabilito.
02
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

.. melanconia..
.. la sedia vuota..
.. l'assenza forzata
per la restante vita..
.. nel petto ragiona
a suo modo
quel tormento..
.. duole..
.. diversamente
non gli è stato
dato d 'esprimere..
..fa male col Cuore..
31
emmolina

emmolina

50 anni, Venezia (Italy)

Me ne preoccupero' dopo che mi sarò risposata 👰

Volevo mandare tanti baci ad alcuni amici del blog, uno in particolare a Barbapapa', poi alla mia cara amica Barbie ballerina che ora è alle terme con Ken oste, devono smaltire la sbornia di ieri, e tra fanghi e acqua nebulizzata dovrebbero riuscirci in pochi giorni.
Un abbraccio caloroso a Brooke e Ridge, sono di ritorno dal loro 324mo matrimonio, festa strepitosa, festeggeremo nello stesso modo quando, dopo averlo seppellito, andremo al suo funerale post infarto.
Tanti baci anche a Pollon, fornitrice ufficiale di Lovepedia, si sa.. senza la sua polverina magica alcuni nn riuscirebbero nemmeno ad alzarsi dal letto, figuriamoci a scrivere!

Nn me ne voglia chi ho dimenticato, vado di fretta, oggi sono di matrimonio 💒 👸
611
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Emerge una volta di più la stretta correlazione tra malessere fisico e malessere psichico; in barba a chi contrappone il primo al secondo: (il classico deficiente saccente che ti ricorda che disponi di buona salute mentre sei schiacciato dalla depressione, ad esempio).

Interessante l'osservazione sul decorso del rischio cardiovascolare: evidentemente, dopo sei mesi si elabora il lutto e, di riflesso, diminuisce il rischio infarto. Ciò, tira in ballo la necessità che la Medicina assuma una visione più olistica dei mali che affliggono l'uomo.

Una valvola cardiaca da Dimi l'avvoltoio.
24
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Lo studio della Rice University in Texas è tutto da interpretare.
Assumendo attendibile ogni dato statistico raccoltovi, affermare che il 40% delle donne vedove è a rischio infarto nei primi sei mesi di vedovanza sulla base del livello di citochine pro-infiammatorie pari al 5-7%, rispetto a chi non era vedova, mi lascia assai perplesso, non tornando i conti e moltiplicando così i dubbi. Infatti, a fronte dell'aumento di appena il 5-7% del livello di citochine il rischio di infarto aumenta di ben il 40%! La ricerca non chiarisce, inoltre, come riesce a conteggiare il 40% di rischio di morte in più.
Più attendibile appare il rischio di morte nel 50% dei casi per vedove già affette da malattie cardiovascolari.
Oltretutto, che ricerca degna di evidenza scientifica sarebbe se sulla base di appena 65 soggetti osservati?

In effetti, generalmente le complicanze cardiovascolari sono evidentemente fattori molto gravi di rischio nell'esistenza quotidiana, compresa l'eventualità della morte. E' pure vero che la perdita di un parente stretto, come il coniuge, è facilmente motivo di enorme dolore e tanta sofferenza nel tempo ma anche in tale contesto, vanno di certo considerati altri fattori legati all'effettiva e dimostrata presenza di sentimenti profondi, motivo fondamentale di maggior dolore ed al contrario di maggiore indifferenza, tra i congiunti al momento del decesso. Si sa, nel caso di specie, tanti coniugi non vanno più d'accordo o addirittura si odiano per motivi diversi. In simili circostanze chi e come potrebbe certificare il grado di "amore" tra i partners? Eppoi, perché non estendere la ricerca anche alle coppie non sposate?

Insomma, la ricerca richiamata nella notizia lascia più dubbi che certezze.
In verità, la persona amata persa causa indescrivibile dolore, specialmente a chi è già affetto da malattie cardiovascolari, noto che le emozioni si ripercuotono naturalmente sul cuore. Questione più complessa è stabilire il rischio di morte che ciò potrebbe determinare nel coniuge superstite.
Questione che sino ad ora nessuno studio è ancora riuscito meglio a chiarire, se non a dimostrare.
👋
41

Any79

Bonjour Manu 😘🤗 È vero che il dolore psico-emotivo e i momenti di down a vari livelli nella nostra vita, non solo la vedovanza, hanno di certo ripercussioni sulla salute....Bon..
In salute e Consolati 😉😛 A bientot 👋
18

NELL1

Non so cosa significhi perdere un compagno, dev'essere terribile. io ho perso il mio Bull e magari qualcuno non capira' il dolore atroce che ho provato, credevo di morire.
che dire.... anche usare il cuore per odiare o far si che sia preda della tristezza, non e' mai una cosa bella, soprattutto perche' l'odio o il dolore ci invadono facendoci perdere di vista le meraviglie che ci sono nel mondo, il sentimento, o anche solo una musica, un frutto appena nato, un passerotto che ti si posa in mano....
ieri sera ho rivisto NOTRE DAME DE PARIS, ricordando quanta emozione a teatro..
insomma quando si chiude una porta ti devi rialzare e ricominciare ad usare lo stesso cuore per amare che e' l'unica cosa che conta 😊
chi l'ha vista sapra' che incanto e', chi non la conosce, puo' essere che su internet si trovi 😊 da un'emozione incredibile anche nella lingua originale, in Francese. https😕/youtu.be/RBnBejQkKUc?list=RDRBnBejQkKUc

QUASIMODO
Bella
La parola Bella è nata insieme a lei
Col suo corpo e con i piedi nudi, lei

E' un volo che afferrerei e stringerei
Ma sale su l'inferno a stringere me
Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Con quale cuore prego ancora Notre Dame
C'è
Qualcuno che le scaglierà la prima pietra?
Sia cancellato dalla faccia della terra!
Volesse il diavolo, la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli di Esmeralda

FROLLO
Bella
E' il demonio che si è incarnato in lei
Per strapparmi gli occhi via da Dio, lei
Che ha messo la passione e il desiderio in me
La carne sa che paradiso è lei
C'è in me il dolore di un amore che fa male
E non m'importa se divento un criminale
Lei
Che passa come la bellezza più profana
Lei porta il peso di un'atroce croce umana
O Notre Dame, per una volta io vorrei
Per la sua porta come in chiesa entrare in lei

FEBO
Bella
Lei mi porta via con gli occhi e la magia
E non so se sia vergine o non lo sia
C'è sotto Venere e la gonna sua lo sa
Mi fa scoprire il monte e non l'al di là
Amore, adesso non vietarmi di tradire
Di fare il passo a pochi passi dall'altare
Chi
È l'uomo vivo che potrebbe rinunciare
Sotto il castigo, poi, di tramutarsi in sale?
O Fiordaliso, vedi, non c'è fede in me
Vedrò sul corpo di Esmeralda se ce n'è

QUASIMODO, FROLLO, FEBO
Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Con quale cuore prego ancora Notre Dame
C'è
Qualcuno che le scaglierà la prima pietra?
Sia cancellato dalla faccia della terra!
Volesse il diavolo, la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli d'Esmeralda
Di Esmeralda

buongiorno ragazzi 😘
24

Resiliente1959

Buongiorno da una vedova che è ancora viva , nonostante tutto.
212