I benefici di vivere separati quando si è in coppia

Non sempre andare a convivere insieme è sempre un bene per la coppia: vivere separati infatti può portare molti più benefici. Ecco quali

Tutti sono convinti che vivere insieme quando non si è sposati sia la cosa più naturale e ovvia, ma in realtà non sempre è così!

Anche non vivendo insieme si può benissimo vivere una relazione solida e soddisfacente. Scopriamo insieme quale possono essere i vantaggi:

- Essere liberi in casa. Potrai lasciare tutto in disordine, non rifare i letti oppure pulire in maniera maniacale. Nessuno ti dirà nulla rovinando i tuoi piani.

- Imparare a rispettare il partner e i suoi spazi. Quando si vive nella casa del partner non ci si può comportare da subito come se fossimo nella nostra: si devono rispettare le abitudini e le regole dell'altro. Vivere in case diverse invece, non opprimerà le abitudini e gli spazi di nessuno, e non creerà malintesi.

- Vivere insieme solo quando si vuole. Quando si vive sotto lo stesso tetto, ci sono momenti in cui si desidera stare da soli e in questo caso risulterà impossibile, evadere dalla routine. Stare in solitudine invece, a volte fa davvero bene alla coppia.

52 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
romeo972

romeo972

46 anni, Bari (Italy)

Come sempre, anche per l'opzione della convivenza di coppia i gusti personali non si discutono.
Tuttavia, la questione richiederebbe complesse riflessioni da parte di chi è coinvolto nella scelta, se non altro per evitare di compiere scelte sbagliate per sé oltre che per la coppia.

Intanto, la scelta è triplice, riguardando gli interessi di sé stessi, del partner e della coppia nel suo insieme, posto che quest'ultima potrebbe avere aspirazioni ed obiettivi propri anche se comuni ai partners, a cominciare dal mettere al mondo figli.
I benefici elencati nella notizia per l'opzione di vivere separatamente sono realmente possibili ma altrettanti se non di più potrebbero essere indicati per la scelta contraria.
In verità, a dirla tutta, i benefici citati nella notizia potrebbero essere raggiunti spontaneamente attraverso il rispetto reciproco della privacy tra i partners, ovvero le legittime "esigenze" di persona. Quindi, si tratterebbe solo di una questione di cultura ed educazione, volte a governare forze contrarie come gelosie ed egoismi.

Ad ogni modo, è ovvio, la vita di coppia potrebbe essere tale se vissuta in condivisione, altrimenti sarebbe incompleta, parziale, potenzialmente ambigua.
👋
10
happychildren

happychildren

47 anni, Piacenza (Italy)

Ciao penso che convivere tutti i giorni con una persona richiede molto, diverso solo nel fine settimana.
00
Ani79

Ani79

39 anni, Foggia (Italy)

Credo sia salutare....e appropriato.. 😊😉
Buon Ferragosto Staff
33

ombrellogiallo

La convivenza, a qualunque età, richiede spirito di adattamento, pazienza e intelligenza. Il fatto è che viviamo in un'epoca dove l'egoismo regna sovrano. In realtà vivere assieme significa risparmio. Mantenere e gestire due case è un costo. Non solo, la convivenza permette di collaborare e ottimizzare il tempo. Non ultimo: voler bene ad una persona, viverci assieme (con amore) dà serenità. Il tutto giova al nostro spirito, alla nostra salute e ...al portafoglio.
13
Emmo2

Emmo2

51 anni, Venezia (Italy)

Chi mi conosce sa bene come la penso...
Il mio commento è : X ME È UNA CAGATA PAZZESCA!!!!
15
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

.. sempre meglio che vivere da separati nella stessa casa..
51
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

Credo sia la migliore soluzione possibile.

🔥 boia chi molla
24
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Si, in certi casi può risultare la soluzione ottimale.
41

job65

Dipende dall'età che hai. Da giovani si hanno grandi progetti futuri; matrimonio, casa, figli.....ma ad una certa età tutto cambia per cui per quel che mi riguarda ben venga vivere separati e interagire col partner quando se ne ha voglia. Poi, se con il tempo ci si accorge di voler qualcosa di diverso, se ne potrà parlerà. Buon Ferragosto.
40
nell3

nell3

54 anni, Cuneo (Italy)

Ecco secondo me e' la situazione ottimale, 😍

soprattutto alla mia eta' esistono spazi e cose che non possono essere condivisi da tutti, quindi per me la cosa migliore sarebbero due case vicine che permettano di interagire se ne si ha voglia e se invece si desidera fare qualcosa che al partner non piace essere liberi di farlo senza dare fastidio.
naturalmente un rapporto cosi' deve avere la sicurezza della buona fede dell'altro, della sincerita' e fedelta'... tutto cio' che e' differente e non piace all'altro lo si fa per i fatti propri senza far stufare il/la compagno/a (tipo, io odio lo sport, e adoro gli animali).

che dire sogno un rapporto futurista 😜 😁

un bacio ragazzi 😘
e un forza a Genova colpita dalla disgrazia ❤
42
WileCoyote

WileCoyote

54 anni, Bologna (Italy)

Buongiorno e buon ferragosto a tutti 😃
diciamo che inizialmente può anche andar bene ma, soprattutto da giovani, la convivenza è uno step indispensabile per la sopravvivenza della coppia, il cui fine naturale è nella maggior parte dei casi riprodursi e crescere la prole. In pratica, o come coppia ti evolvi, o ti fermi e muori.
Diverso è il discorso per i "vecchietti" della mia età, figliare si è già figliato, i figli sono grandi, con l'aumentare degli anni si diventa meno pazienti e ci si incancrenisce nelle proprie abitudini. Quindi sì, anche se personalmente preferirei la convivenza alla nostra età ci può stare.
21

massi765

Non credo che in una società, quella italiana, fondata sulla famiglia, scrivere che è positivo vivere da soli o dai genitori, sia utile. Non mettiamo la testa sotto la sabbia come gli struzzi, la nostra società è in crisi, le coppie scoppiano sempre di più e sempre prima. E non si risolve quel problema dicendo: Ma si, ma è più bello rimanere coi genitori fino a 50 anni, o al limite da soli. No. No no. Così si istiga all'immaturità. Quella che oggi è uno dei problemi più importanti. Per non parlare di mamme così protettive e così chiocce da crescere delle marionette gestite solo dai loro fili. Io sono fermamente convinto che la strada da seguire sia esattamente l'opposto. Cercare di tornare genitori responsabili che crescono i loro figli in modo che se la sanno cavare nella vita ed in modo che sanno stare in coppia senza scoppiare. senza non avere quel senso di tolleranza, di pazienza, di capacità di adattamento ad abitudini leggermente diverse dalle nostre. In fondo è quello che fa anche la nostra metà stando con noi! Perché non ricambiarla? Perché non sapersi incastrare agli altri invece che allontanarsi in un esasperazione dell'io? io sono tutto e gli altri niente e sbagliano solo loro vero? Ora capsico perché una canzone in voga ultimamente dice "Ti sei ACCORTA ANCHE TU? Siamo TUTTI PIU' SOLI… tutti col numero 10 sulla maglia, poi sbagliamo i rigori…."
12