Zitelle o single felici: chi sono le donne di oggi?

Un lungo percorso di consapevolezza: qual è il profilo delle donne di oggi? Cosa cercano e come vivono la loro vita? Scopriamolo insieme

È un'indagine inglese eseguita da Mintel a raccontarci di quanto, oggi, le donne abbiano raggiunto la consapevolezza di quanto si possa essere felici rimanendo sole.

Anni fa si sarebbe parlato di "zitelle" o di "gattare", oggi invece le donne hanno preso in mano le loro vite con coraggio, e sono finalmente arrivate al punto di non temere più una vita senza un uomo.

La società troppo spesso ha imposto loro un percorso obbligatorio, fatto di matrimonio e figli entro a una certa età: non importava se effettivamente era ciò che desideravano.

Oggi, secondo questo studio, la metà delle donne tra i 25 e i 44 anni è single e pare sia persino felice

Le donne hanno dismesso il ruolo di madri per forza, molte di loro ammettono di non desiderare dei figli senza rischiare di essere additate come streghe e di essere messe al rogo. Molte altre sono diventate selettive e preferiscono scegliere se avere un uomo accanto, hanno la forza di dire di no a chi non le arricchisce e di accettare nella loro vita solo chi effettivamente sarà un valore aggiunto. 

Perché, a tuo avviso, c’è questa tendenza?

86 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Jonalomu69

Jonalomu69

54 anni, Roma (Italy)

Sicuramente per alcuni è una scelta consapevole di una vita rivolta più alla carriera/lavoro che alla creazione di una famiglia, la quale vi posso assicurare è un lavoro faticoso, costoso ma di grande soddisfazioni e realizzazione. Per altri è una scelta indotta, dovuta da scarse possibilità economiche e/o a un egoismo sempre più diffuso nella società e sopratutto ad una fase di "adolescenza" che oramai dura oltre i 50 anni. In effetti questo fenomeno è codificato dagli psicologi come ADULTESCENZA... Il problema vero si presenta nel momento che queste persone si riscoprono adulte e con la volontà di farsi una famiglia è quasi sempre troppo tardi anche ricorrendo ai vari tipi di fecondazione assistita, bene che va si diventa genitore/nonna/o con tutte le implicazioni dei vari casi. Quindi riassumendo, SIGLE è bello ma dev'essere una scelta consapevole e comunque quando si va oltre 40/50 non sempre si può fare la scelta della COPPIA allargata ai figli.
00
Roby_1970

Roby_1970

49 anni, Trento (Italy)

Non ho capito perchè i commenti parlano di figli, l'articolo parlava di single o impegnate. Per me non c'è un meglio o un peggio: se trovi la persona giusta molto meglio in coppia, se non trovi la persona giusta meglio soli che male accompagnati. Semplice semplice😊
00
Simona2712

Simona2712

45 anni, Milano (Italy)

Meglio una vita da sole va,vivi serena e non hai problemi,più bello di cosi
42
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

meglio soli/e che male accompagnati/e,importante è non giudicare chi fa una scelta diversa .farsi sempre i fatti propri credo sia la cosa migliore.

🔥 boia chi molla
112

giuliv4

Scusate, cosa bisogna fare perché nelle attività NON compaiano notifiche per ogni volta che qualcuno commenta un articolo?
Intendo dire che mi compaiono notifiche di Tizi e Semproni che hanno fatto un intervento SENZA che io abbia commentato i suddetti Tizi e Semproni (quindi sapere che hanno commentato qualcosa NON mi interessa).
Grazie a chi vorrà spiegarmelo 🌹
08
Ammi-Saduqa

Ammi-Saduqa

58 anni, Torino (Italy)

Se un uomo resta da solo è uno scapolo d'oro, se la donna resta da sola è una cambiale in scadenza. Alla faccia dell'autodeterminazione e della libertà personale.
La tendenza è frutto di consapevolezza emancipazione e desiderio di libertà!

Se l'emancipazione passa anche per l'essere "nubili d'oro" ben venga la parità anche se si concretizza nel voler restare soli.

Una riflessione però, per quelle donne che desiderano la maternità. L'orologio della biologia ha i suoi tempi, se volete essere madri non potrete esimervi dal garantirvi almeno per qualche tempo una riduzione della vostra "solitudine". Poi scaricate pure il maschio impollinatore, anche se essere in due a praticare le cure parentali ha i suoi innegabili vantaggi per la prole e per i suoi genitori.

Quindi sole e bello ma "accoppiati" talora è condizione per la sopravvivenza.... quindi è meglio 😜 sotto molteplici punti di vista.
Se tutti fossimo "soli" credo che nell'arco di un centinaio d'anni la Terra sarebbe dominio degli insetti.

Quindi, care donne, selettive sì ma non solo nella scelta del compagno; soprattutto selettive nel tipo di vita che si ha in animo di condurre e che "libera-mente" si vuole scegliere. E questo vale per lui e lei... ma forse per lei la solitudine rischia di "pesare" un pochino di più! 😔
24
Simon0574

Simon0574

45 anni, Modena (Italy)

Allora.. che senso hanno tutte queste applicazioni se poi ognuna vuole stare per conto suo?
Fate meno di inventarle... tanto le uniche donne che si palesano qui dentro sono solo quelle hard.
26
iovagamondo

iovagamondo

60 anni, Torino (Italy)

Tutti beatamente single.....
ma a chi la vogliamo raccontare, si fanno talmente pochi figli che dobbiamo importare mano d'opera dall'africa.
Si vedono sul WEB interviste che inneggiano ai nuovi sfruttati i quali dovrebbero pagare le nostre pensioni....
Dove sta la verità???
49
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

..sono riusciti ..
..girare in tondo..
.. individualità..
..rende speciali..
..
..il gruppo è..
.. sopravvivenza..
..l'individuo domato..
14
Cercote1972

Cercote1972

47 anni, Milano (Italy)

Molte donne se la tirano troppo e sono invece dei cessi, poi arrivano a 45 anni, capiscono che non hanno concluso niente e si rivolgono ai siti di incontri. Tira tira che poi si spezza. Si trascurano, capelli corti per praticità, il lavoro in fabbrica richiede tempo che non hai, gestire la casa richiede altro tempo. Quindi cominci pure a mangiare schifezze e ti ritrovi a 50 anni che sei da buttare. E poi ci vogliono fare credere che è stata una scelta?
89
happychildren

happychildren

48 anni, Piacenza (Italy)

E' proprio vero meglio sole che male accompagnate! Se stai bene di salute, hai un lavoro e sei indipendente fai quello che vuoi senza rendere conto a nessuno!
106
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Ti permette di non dare conto a nessun dove vai e con chi.
Hai i tuoi spazi. La tua libertà.
Soprattutto nessun che ti rompa......
29
STARRIDER

STARRIDER

54 anni, Milano (Italy)

Io sarei il primo ad essere contento per le donne che fanno questa saggissima scelta. Verissimo. Se non ci sono più uomini veri che le arricchiscano di amore, attenzione e tenerezza molto meglio single che male accompagnate. Ma questa cosa bellissima, purtroppo, riguarda per lo più le donne americane, nordeuropee o mitteleuropee . Per quanto riguarda la maggioranza delle donne dell'Europa del Sud o se si preferisce di quella mediterranea, le cose non stanno proprio così. E ribadisco purtroppo. E ribadisco per la maggioranza delle donne italiane, spagnole, portoghesi, slovene e croate. La più che apprezzabile e giustissima emancipazione delle donne americane, nordeuropee, e mitteleuropee, è avanti di almeno 30 anni rispetto a quella delle donne dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Dispiace dover asserire e constatare questo dato di fatto. E speriamo che questo enorme divario culturale, venga colmato al più presto. E le prime a trarne vantaggio, naturalmente, sarebbero proprio le donne che vivono in questi culturalmente arretrati Paesi. Italia in primis, purtroppo. Per onestà intellettuale, va comunque sottolineato il fatto che anche in questi Paesi, più terzomondisti che realmente appartenenti alla società occidentale, vi sono comunque poche ma significative eccezioni. Mi auguro che si possa passare da queste poche e rare eccezioni a un vera cultura di autonomia delle donne che personalmente, ritengo potenzialmente, superiori agli uomini da tutti punti i punti di vista. Si tratta dunque di passare dalla potenzialità alla realtà di fatto. E questo, purtroppo, è il passaggio più duro e difficile da compiersi. Mi auguro altresì che ci vogliano meno di 30 anni. Anche se la realtà attuale, non permette di prevedere un tempo minore.
Angelo
49
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

Presupposto fondamentale : prima di mettere mano alla stesura di un articolo, è necessario mollare il fiasco.

Chi diavolo sarebbe "Mintel"? Di cosa si occupa? Quali parametri ha usato?
Il contenuto, poi, sembra uscito da un volantino o da un libello da quattro soldi :"madri per forza", "percorso obbligatorio", fino al surreale "additate come streghe e pronte per il rogo", come se, i secoli non fossero passati e, soprattutto, in questi cinquanta anni, non sia successo nulla.
Se, un alieno dovesse leggere questo ed altri articoli simili, sarebbe indotto a pensare che, siamo usciti ieri mattina dal feudalesimo e dallo ius primae noctis.

Naturalmente, il verdetto qual è?
Che le donne sono felici e realizzate da sole e senza figli (oh si, andate a vedere i profili fb delle donne sole, come trasudano di felicità....).

Vogliono convincerci A TUTTI I COSTI che è così, semplicemente perché, l'atomizzazione e la solitudine, sono parte integrante dell'agenda globalista.

Buona solitudine a tutti.
511
Yaummy

Yaummy

41 anni, Pisa (Italy)

No credo sia una moda ma ven si uno style di vita la donna si è vista circondata di etichette come il matrimonio e per tutta la vita anche se sei infelice devi sopportare,maltrattamenti,offesse perche in tante famiglie come ancora in tante culture esiste ancora il famoso matrimonio convinato ho lo stress di chi presentare in famiglia e cosi ottenere una approvazione..oggi la donna può scegliere chi ho cosa vuole essere si sente libera di scegliere si sente empowerment🌈
08