Matrimoni indiani: "triplo-talaq" ora incostituzionale

Il Parlamento indiano ha dichiarato finalmente illegale il divorzio istantaneo ancora tipico delle usanze del paese, ora punibile fino a tre anni di carcere

È notizia di questi giorni quella che segna l'evoluzione di un paese, quello indiano, nel diritto matrimoniale.

Fino a pochissimo tempo fa un uomo aveva la facoltà di divorziare nell'immediato dalla moglie pronunciando tre volte la frase “Ti ripudio”, tradizione di matrice musulmana.

Il disegno di legge che prevedeva l'abolizione di questa rozza forma di maschilismo, è stato presentato nel 2017, ostacolato però dall'Alta Camera. Ecco che però diversi partiti indiani si sono uniti contro questa modalità di separazione irrispettosa per il matrimonio e per la donna: 99 voti favorevoli contro 84 contrari ne segnano definitivamente la fine.

Alcune fazioni politiche definiscono l'abolizione del “triplo-talaq” lesiva per la comunità musulmana, che costituisce più del 10% della popolazione indiana. Il Corano però si discosta molto da questa pratica che è ovviamente frutto di una più o meno voluta mal interpretazione del libro sacro.

Il primo ministro Narendra Modi e il Partito Popolare indiano, si dichiarano soddisfatti e felici di poter rendere alle donne una tutela che spetta loro da decenni.

Qual è la tua opionine in merito?

20 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Master_fortiter

Master_fortiter

59 anni, Milano (Italy)

Il laicismo non c'entra nulla, l'India non é l'Occidente ed il premier Modi non é il paladino delle donne quanto il nemico di altre religioni che non siano l'induismo. Mettendo fuori legge il ripudio islamico (gli indù delle caste elevate fanno contratti matrimoniali) colpisce l'islam, l'unica cosa che realmente interessa. Le minoranze religiose oggi in India sono attaccate, lo stesso non interviene nei massacri dei cristiani da parte dei fanatici indù, come non ha mai fatto nulla quando i parenti indù "spingono" la vedova nella pira del marito per ereditare.....
Articoli come questo dimostrano che dell'India gli occidentali non capiscono nulla. credendo di proiettare i loro valori "laici" in altre situazioni dov equsti valori no sono mai esistiti.
10
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

..Non so chi ringraziare..
..sono contento di essere nato in..
.. Italia..
10
Ammi-Saduqa

Ammi-Saduqa

58 anni, Torino (Italy)

E' interessante osservare la contraddizione evidente "divorzio istantaneo " a fronte di un vincolo, il matrimonio, che viene ritenuto, dalle religioni monoteistiche sostanzialmente indissolubile per tutta la vita!
Ripudio, è un termine forte, definitivo!

In Italia siamo passati dal ripudio di una donna, da parte di un uomo, piuttosto in "uso" ancora in tempi recenti (fino al 1970) , al "ripudio della guerra" che abbiamo sentito l'esigenza di porre addirittura in Costituzione (un po' prima di quello della donna sopravvissuto persino al principio costituzionale di eguaglianza dei generi 😔).

Perché ripudiare una donna senza se e senza ma? Perché giungere a forzare i contenuti di religioni che si ritengono capaci di essere apportatrici di pace e eguaglianza, trasformandole in elementi di belligeranza, divisione, umiliazione dell'altro al rango di oggetto? Non ho una risposta, ma temo che qualunque essa sia non rende la nostra specie particolarmente evoluta.

Se la tutela è entrata in India nella costituzione c'è da gioire per questo passo in avanti di una comunità di quasi un miliardo di persone, al momento la più grande democrazia planetaria. Certo, come molte cose, la tutela continuerà ad essere disattesa "localmente", ma il principio resta, e resterà fintanto che la vigilanza a che venga applicato rimarrà operante.
E' la forza/debolezza di tutte le democrazie vivono se coltivate, muoiono se trascurate e non più partecipate!
Ciao
LDW
51
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

Da sovranista convinto, non mi metto a discutere le leggi e le culture altrui, in casa altrui.
E, tanto meno, posso farlo, in base alle informazioni di un breve articolo.

Però, posso fare delle piccole riflessioni : se ci si stupisce perché, si va con i piedi di piombo, nei confronti di una minoranza, teniamo conto che, su una popolazione di un miliardo di abitanti, come l'India, il 10% musulmano, raggiunge comunque svariati milioni di persone che, potrebbero costituire un problema di ordine interno....

Inoltre, il BJP al governo, non è il "partito popolare" bensì, il partito dei fondamentalisti induisti. Partito che, non si è certo distinto per "prigressismo sociale" per i propri correligionari, che, ora, legifera a favore delle donne musulmane... Anche se con un voto risicato.

Abituato come sono a leggere gli avvenimenti politici anche in chiave geopolitica, mi suona come un campanello d'allarme, l'iniziativa del premier Modi', proprio ora che, si sta riaccendendo la tensione con il Pakistan musulmano.... Pare quasi fatto apposta per esacerbare la tensione, tensione vieppiiu' pericolosa, trattandosi di due potenze nucleari.
Il premier sta chiamando a raccolta i suoi, prima della guerra?
57

freedom1963

Ecco un articolo che mi piace.

Se in una democrazia, le pratiche di matrice religiosa riescono ad essere, in maniera appunto democratica e laica, superate, probabilmente un passo in avanti non solo nella costruzione di una società civile e basata sul diritto, ma anche sulla reale parità del ruolo uomo-donna in quella società viene compiuto.

Osservo però che per una comunità dove poco più del 10% della popolazione è musulmana una votazione 99 contro 84 (55% circa) denota che seppure di vittoria si tratta è vittoria risicata. L'India è un crogiolo di religioni in cui l'atteggiamento fondamentalista del "triplo ripudio" probabilmente trova consensi anche in molte altre componenti religiose se non per pratica per condivisione del concetto di supremazia del "maschio" sulla "femmina" che esso reca con se.
74
any1979

any1979

40 anni, Foggia (Italy)

Un buon traguardo....
Ci sono passi da fare ancora...... in merito...
E cmq concordo....
"Una rozza forma di maschilismo"

Bon
Aloha....e......
Hoplá....
Supercalifragilistichespiralidoso
Suvvia.....
38
coccodrillo1968

coccodrillo1968

50 anni, Latina (Italy)

Non sono cose che mi interessano affari loro
213
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Finalmente una bella notizia.
55