Come evitare di essere ripetitivi nella comunicazione con gli altri

Quando un partner diventa ripetitivo provoca la crisi del rapporto sentimentale, logorato dalla monotonia e dalla noia

L'uomo comunica con gli altri per diversi motivi e in diversi modi, interagendo con il mondo che lo circonda e trasmettendo le sue emozioni. Come in una piccola comunità, nella coppia è fondamentale la comunicazione che favorisce serenità e complicità tra i partner.

Non sempre risulta facile comprendersi, soprattutto se il rapporto sentimentale è già logorato da piccole ma frequenti liti quotidiane che lo rendono instabile e vulnerabile. E se lo stress può rappresentare una delle cause principali di tali crisi, anche la monotonia ha delle colpe da attribuirsi. In una relazione di coppia, l'abitudine e la ripetitività dei gesti porta infatti alla noia e all'allontanamento dei due compagni, ormai fin troppo esausti dall'uniformità della vita sentimentale. I soliti gesti, le solite attività e soprattutto i soliti vocaboli usati per cercare di iniziare un dialogo di coppia sono sintomo di incomunicabilità. E se un partner troppo silenzioso può sembrare distante, allo stesso tempo uno molto logorroico può apparire ripetitivo.

Tale atteggiamento è spinto da un'eccessiva insicurezza personale che invece di stimolare, blocca il soggetto sugli stessi argomenti. Chi parla è stimolato dallo spasmodico desiderio di affermare le proprie idee anche se sono sempre le stesse e dalla difficoltà nel rapportarsi all'altro in modo spontaneo. Questi interlocutori si mostrano sempre pronti al dialogo e fieri della loro esperienza passata, non raggiungendo mai la fine di un discorso che si prolunga tra immensi giri di parole dal significato vuoto. E così il dialogo diventa monologo e chi ascolta è obbligato ad assorbire l'ormai già noto sermone quotidiano.

Per evitare di incorrere in drastiche conseguenze, è fondamentale riflettere prima di parlare, in modo da analizzare ogni singolo pensiero e non utilizzare sempre lo stesso lessico. Piuttosto che di una questione di grammatica, si tratta qui di un problema di comunicazione sterile e poco accattivante, quasi sempre monotona e fastidiosa che mantiene distante il partner, creando fenomeni di intolleranza affettiva. E così l'altro cerca vie di fuga ormai stanco di un compagno troppo assillante. In rapporto al tipo di relazione sentimentale vissuta, si consiglia di provare ad essere sinceri con il proprio ripetitivo partner, in modo da fargli comprendere che, come un disco rotto, ritorna sempre sugli stessi argomenti senza dare la possibilità all'altro di esprimere le proprie emozioni.

Se il rapporto di coppia è realmente basato sul sentimento, qualche critica costruttiva potrà solo fargli bene!

19 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

mescaleros

la ripetitività è femmina, per non usare alri termini, compreso la monotonia.

00

gioalfa123

Ripetitivo? quante cose hai da dire? quanti argomenti riesci ad affrontare? quale è la tua cultura ( mi riferisco esclusivamente all'esperienza che ognuno di noi ha avuto dalla vita), mescola bene le carte ed il gioco è fatto!

E' una delle prime volte che scrivo in un  forum, sono stato sempre un pò restio. Ho avuto qualche commento che mi ha aiutato a farlo "grazie di cuore", in futuro dovrò essere più presente, vincere un pò di timidezza , esporsi è già un bel passo in avanti o no?

Ciao a tutti ed in particolare ad una persona speciale

Giò.

00
dolceveleno1

dolceveleno1

61 anni, Torino (Italy)

Caro gioalfa123 tanto tempo fa, ma davvero tanto ero una bambina, ricordo che ero timida, nn dicevo mai la mia per la paura di sbagliare, ricordo molto bene come mi sentivo e come mi bloccava la paura di sbagliare.

Poi un giorno , nn ricordo più l'episodio, avevo di fronte a me una persona , che mi diceva delle cose e io nn rispondevo sempre per il timore di sbagliare,ad un certo punto mentre guardavo la persona in faccia mentre continuava a blaterare , incomincia a  pernsare fra me e me.......dicendomi " cavolo, sto qui ad ascoltare e nn mi esce un suono dalla bocca, eppure davanti a me , ho un essere identico a me......una persona ....e se poi ....sbaglio......ma chi se ne frega, MA IO POSSO DIRE QUELLO CHE VOGLIO ".

Fu così che vinsi la mia timidezza e la paura di sbagliare, che poi caro gio, basta iniziare, il resto viene da se.

Giòòòòòòòòòòòòò..................aquile ..........nn tacchini.

ciao ciao

00

gioalfa123

io cerco sempre di essere chiaro, pertinete, interessante, ironico, qualità che credo nel mio piccolo, in parte, di avere, ma a volte ad una domanda diretta e un pò imbarazzante  mi trovo in difficoltà, mi sento come un uccello che non sà spiccare il volo, eccedo in frasi  ripetitive, forse è una foma di autodifesa una corazza di protezione a cui stò cercando di porre rimedio. come? essendo semplicemente mè stesso e rileggendo una volta in più quello che gli altri vogliono dirti ( ASCOLTARE)

Ciao, un tacchino che stà cercando di salire sul tetto!

Giò

00
dolceveleno1

dolceveleno1

61 anni, Torino (Italy)

Caro Giulio......... ;)

diretta , chiara , pertinente , interessante..............qualità che hanno davvero in pochi...........di solito sterili conversazioni che sanno di noiaaaaaaaaaaaa

per poter essere diretta , chiara , pertinente e impertinente  e interessante...........caro Giulietto...........mi danno della velenosetta....

ahahahhahahah

ciao ciao

00

tembox

;em49 auguri....a volte tu comunichi lei non ascolta.....

00
giulio_59

giulio_59

59 anni, Torino (Italy)

Dolce dolce, ma davvero velenosetta  ;)

E, nonostante io non mi ritenga altrettanto dolce, penso di aver pensato (sarò stato ripetitivo?) alla stessa persona.  

 

Riguardo l'articolo... mamma mia, cosa leggo!

"Piuttosto che di una questione di grammatica, si tratta qui di un problema di comunicazione sterile e poco accattivante, quasi sempre monotona e fastidiosa che mantiene distante il partner, creando fenomeni di intolleranza affettiva. "

Azzz... comunicazione sterile e poco accattivante! Sarò limitato ma proprio non ci arrivo.

Accattivante de che??? Sinonimi di accattivante sono affascinante, seducente, attraente, gradevole...

Ma davvero c'è qualcuno che crede si possa essere sempre così, e non solo in una relazione? Ma nemmeno nei film!

Nell'articolo non si fa menzione di altre caratteristiche che dovrebbe avere sempre (o quasi) una comunicazione. Tra i primi che mi vengono in mente, per esempio, diretta, chiara, pertinente, interessante. 

 Vabbuo'...stanotte ho trovato qualcosa cui pensare. Se non dormo.

00
romeo972

romeo972

47 anni, Bari (Italy)

Essere ripetitivi nel dialogo con gli altri ha un'origine semplicemente caratteriale. Infatti, la necessità di esprimere più volte gli stessi concetti è sintomo di carenza di fiducia in sè di sapersi esprimere in modo comprensible ed esaustivo.
L'essere logorroici ne è ovviamente una conseguenza.

Come evitare di esserlo tra partners di coppia?
E' chiaro che per evitare di essere noiosamente ripetitivi sarebbe necessario convincersi o lasciarsi convincere dal proprio partner di essere già sufficientemente chiari nell'esposizione. Con altrettanta insistenza, farlo notare puntualmente e con cortese fermezza indurrà il partner ad accettarlo con convinzione e definitivamente.

Inoltre, è bene distinguere la ripetitività dalla noiosità di ciò che avviene all'interno della coppia. L'aspetto fondamentale che li contraddistingue nella comune accezione nota deriva, in generale, dallo stato d'animo con cui vengono vissute: se l'amore sincero fosse presente tra i partners, la ripetitività non potrebbe essere vissuta con noia, considerato che l'amore provato renderebbe spontaneamente attraente il vissuto.

In verità, dunque, nella vita di coppia la noia per ripetitività è indice di carenza di sentimenti più profondi.
;bye
00

brillantenotte

COME SI FA A NN ESSERE RIPETITIVI NELLA COMUNICAZIONE?,,,PRENDETE LEZIONI DA SHADOW,,,LUI IN GRAMMATICA E BRAVISSIMO,,, ;lalala

00
dolceveleno1

dolceveleno1

61 anni, Torino (Italy)

Alberto..........nessuno corrisponde a quella tipologia di persona qui fra i commentisti?

ahahahahahhahahahahahah

Come l'ho letto subito mi è venuta in mente una persona...........e nn credo solo a me ......

ciao, ciao

00
Alberto_FC

Alberto_FC

58 anni, Rimini (Italy)

;em42  Dice l'articolo di oggi...

Questi interlocutori si mostrano sempre pronti al dialogo e fieri della loro esperienza passata, non raggiungendo mai la fine di un discorso che si prolunga tra immensi giri di parole dal significato vuoto. E così il dialogo diventa monologo e chi ascolta è obbligato ad assorbire l'ormai già noto sermone quotidiano...

... Piuttosto che di una questione di grammatica, si tratta qui di un problema di comunicazione sterile e poco accattivante, quasi sempre monotona e fastidiosa che mantiene distante....

;em57

:D   Menomale che qui sul magazine nessuno corrisponde a quella tipologia di persona!!!   ;ghgh Detto alla di-pietrese ... e "per la cronaca" .... che c'azzecca sto sermone qui da noi!!!!!! ;ahah

;em124

00
angelica-corradin

angelica-corradin

71 anni, Varese (Italy)

no cara vrmrcrcs niente monotonia essere liberi e cio che conta.e lo si puo essere anche stando i compagnia forse perche io sono sempre stata libera anche essendo sposata e se a lui non era in accordo con me lo facevo lo stesso la liberta e tutto nella vita .e adesso che sono vedova   amo ancora piu la libeerta e mai dico mai pui mi leghero a uomo in nessin modo.cosi evitero sorprrse sgradite.poi          la monotonia e di tutti i giorni e in agguato facendo sempre le stesse cose non solo per il compagnano per tutto percio il mondo e una monotonia.gli umani il mondo tutto e una grande nomotonia ciao a voi ;bye ;bye ;bye ;^^ ;^^ ;^^ ;^^ ;^^

00
vrmrcrcs

vrmrcrcs

56 anni, Salerno (Italy)

he he a parte le sorprese sgradite nascoste nei cambiamenti intriganti, meglio una sana monotonia

00

blackpex76

Sono completamente d'accordo che la monotonia è logorante nel rapporto di coppia quindi và sempre cercato qualcosa di nuovo ed intrigante che possa rafforzare il rapporto....

Comunque la monotonia è un male in tutti gli aspetti della vita quotidiana quindi sono d'accordo a camboamenti che possano rendertti il tutto + piacevole.....

;ok

00

MAURETTO85

La monotonia è la rovina di tutti gli aspetti della vita, anche di quelli che si vivono in solitaria, figuriamoci essere ripetitivi, nelle parole e nei gesti, in un rapporto di coppia...

00