Crisi e Attacchi d'Ansia, Sintomi e Come Gestirli

Gli attacchi d'ansia sono degli stati che rompono la normale quotidianità di un individuo comportando dei sintomi sia fisici che psichici: vediamo quali

A differenza della paura, che subentra di fronte ad un pericolo reale, l'ansia è qualcosa di indeterminato che, a volte si rapporta ad un evento reale, ma più spesso interviene senza che vi sia una precisa ragione esterna

L'ansia si definisce come uno stato d'animo sfuggente, mal definibile da parte di chi lo prova, che genera sensazioni di estrema fragilità ed impotenza. Si accompagna praticamente sempre ad una serie di disturbi somatici di varia natura che possono coesistere oppure comparire singolarmente, e condividono la stessa origine: gli attacchi d'ansia. Infatti, quando insorge una crisi d'ansia, il soggetto avverte un disagio fortissimo, inizialmente indefinito, che successivamente si concretizza a livello di vari apparati del corpo umano, fino ad arrivare alla percezione di morte imminente.

Tra le differenti tipologie dei disturbi d'ansia, ricordiamo quello da ansia da prestazione, che si verifica quando l'individuo non si sente mai all'altezza delle situazioni esistenziali e pertanto tende a ritirarsi in sé stesso, abbandonando progressivamente ogni contatto con l'esterno.

I disturbi d’ansia generalizzata (GAD) consistono in una condizione persistente di ansia, con eccessiva preoccupazione che il soggetto avverte nei confronti di qualsiasi evento debba affrontare. Si verificano inoltre: irrequietezza motoria, agitazione, astenia, difficoltà di concentrazione e disturbi del sonno.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Il decorso è generalmente prolungato nel tempo, anche per molti anni, con alternanza tra fasi di relativa tranquillità e picchi di esacerbazione sintomatologica.

Sicuramente il più conosciuto tra i disturbi di natura ansiosa, è il DAP (disturbo da attacchi di panico). L'attacco di panico si manifesta come un episodio acuto di intensa paura, che insorge all'improvviso e apparentemente senza una causa, raggiunge con rapidità (meno di dieci minuti, di solito due o tre) il suo acme, accompagnandosi ad un'intensa sintomatologia neurovegetativa, che si associa ad una percezione di terrore, di depersonalizzazione, di timore di perdere il controllo sulle proprie azioni e sui propri pensieri, e di impazzire. Tali violente sensazioni allontanano il soggetto dalla realtà circostante, proiettandolo in una dimensione appunto di panico totale. Il termine ''panico'' deriva da Pan, che è il nome di una divinità greca rappresentativa del puro istinto irrazionale ed ingovernabile.

Gli attacchi d’ansia come si manifestano?

Continua a leggere per scoprirlo.

Attacchi d’Ansia Sintomi

I sintomi fisici degli attacchi d'ansia comprendono una vasta gamma di manifestazioni, che riguardano praticamente tutti gli apparati dell'organismo umano, e nel loro insieme costituiscono una manifestazione abbastanza tipica ed inequivocabile.

attacchi d'ansia sintomi

A livello cardiocircolatorio, la sintomatologia dell'ansia si presenta con le seguenti alterazioni:

A livello respiratorio, il disturbo d'ansia da panico presenta:

  • sensazione di soffocamento
  • tachipnea (aumento della frequenza respiratoria)
  • nodo alla gola
  • oppressione toracica

Sull'apparato gastro intestinale, l'attacco d'ansia provoca:

  • secchezza delle fauci (diminuisce la produzione di saliva)
  • nausea
  • vomito
  • bolo esofageo
  • spasmi gastrici ed intestinali
  • diarrea
  • tenesmo rettale
  • blocco della digestione

A livello del sistema nervoso, i sintomi ansia si manifestano con:

  • ronzii auricolari
  • visione offuscata
  • iperestesia sensoriale (sensazione di formicolio diffuso)
  • tremori
  • sensazione di vertigini, di instabilità e di svenimento

Accanto a questa sintomatologia fisica, sussistono anche disturbi della sfera emotiva e cognitiva: il soggetto infatti si sente profondamente spaventato, cerca di ragionare per capire che cosa gli stia capitando, ma un terrore indefinibile lo paralizza; non ha alcun controllo sulle sue reazioni; si sente spersonalizzato e non riesce neppure a rapportarsi con gli altri per cercare aiuto. Questa chiusura in sé stesso, non fa che aggravare il suo stato.

Spesso il disturbo da attacco di panico si accompagna ad agorafobia, caratterizzata dal terrore che il soggetto prova quando si trova il luoghi da cui può essere impossibile fuggire o chiedere aiuto. Motivo per cui l'individuo mette in atto una serie di condotte evitatorie, eliminando dalla sua esistenza un numero sempre maggiore di eventi ed isolandosi sempre di più, fino al punto di non uscire da una stanza, eletta come rifugio sicuro. A volte i soggetti affetti da disturbi di questo tipo eleggono una persona di loro estrema fiducia come accompagnatore, con cui poter cercare di affrontare, almeno in parte, le proprie paure.

Gli attacchi d’ansia possono essere di varia natura: vediamo insieme quali.

Attacchi d’Ansia Improvvisi

Gli attacchi d'ansia sono quasi sempre improvvisi, anche se spesso annunciati da una sgradevole sensazione detta ansia anticipatoria.

attacchi d'ansia improvvisi

Il primo episodio, di sovente il più intenso, rimane impresso in maniera indelebile nella memoria del paziente, che tende ad elaborare il disturbo in chiave organica, dando inizio ad una serie di visite specialistiche e di accessi al pronto soccorso, di analisi e di indagini diagnostiche.

Attacchi d’Ansia Notturni

Gli attacchi d'ansia non raramente possono essere notturni, ed insorgono così proprio quando il soggetto è particolarmente indifeso, durante il sonno

Il risveglio avviene in maniera molto traumatica e spesso determina l'insorgenza di importanti episodi di insonnia, che si ripetono nel tempo con una certa costanza.

Attacchi d’Ansia Cause 

Secondo le più recenti correnti di pensiero, l'ansia nasce dalla difficile coesistenza tra essere ed esistere, rappresentando una componente intrinseca della condizione umana.

attacchi d'ansia cause

Secondo alcuni studi, la causa principale degli attacchi d'ansia sarebbe da ricollegare al primo traumatico distacco: quello della nascita, considerato come il prototipo di ogni situazione ansiogena, la prima forzatura ad assumersi il peso dell'autonomia.

Altre cause potrebbero essere rappresentate da ogni separazione, perdita (lutto), rifiuto (non sentirsi accettati), stress di coppia, mancanza di autostima, ricordo struggente di un passato sempre migliore del presente, attesa penosa del futuro visto come carico di rischi insuperabili.

Esistono poi delle evidenze oggettive secondo cui, accanto ai motivi sopra citati, vi sarebbe anche una componente genetica predisponente per gli attacchi d'ansia, o quantomeno una certa familiarità costituzionale.

Ma come combattere gli attacchi d’ansia?

Leggilo nel prossimo capitolo.

Attacchi d’Ansia Cosa Fare 

Esistono molteplici opzioni sugli attacchi d’ansia e come gestirli mediante approcci terapeutici. Innanzi tutto è necessario distinguere tra trattamenti di tipo farmacologico oppure dialogico (psicoterapia).

attacchi d'ansia cosa fare

I rimedi farmacologici su come curare l’ansia appartengono fondamentalmente a due categorie: 

  • ansiolitici (benzodiazepine)
  • antidepressivi

Le benzodiazepine sono farmaci di sintesi con azione sintomatica, nel senso che curano il sintomo, arginando il disagio che ne deriva, ma non sono in grado di risolvere il problema all'origine, ovvero non sono efficaci sulla causa, in quanto non agiscono in profondità. Sono di solito prescritti per terapie a breve termine. Esistono molti tipi di benzodiazepine, con piccole differenze nella struttura chimica della molecola, responsabili probabilmente della diversa risposta individuale a un principio attivo piuttosto che a un altro. Si tratta comunque sempre di rimedi deputati ad attenuare e gestire l'ansia.

Gli antidepressivi, al contrario delle benzodiazepine, vengono considerati terapeutici in senso stretto poiché curano in profondità la causa scatenante dell'attacco d'ansia. Esistono differenti classi di antidepressivi: dai classici triciclici, ai poco usati I-MAO (inibitori delle monoaminossidasi, ormai superati per le troppe controindicazioni), ai più recenti e largamente usati serotoninergici selettivi (SSRI).

Le terapie con antidepressivi hanno lo svantaggio di essere efficaci dopo un certo lasso di tempo dall'inizio dell'assunzione: sono necessarie circa tre settimane prima che il farmaco manifesti l'effetto, attenuando la sintomatologia nel paziente. Gli ansiolitici invece risultano efficaci dopo poche ore (o addirittura minuti) dall'assunzione. Altro svantaggio di questi preparati è rappresentato dalla durata della terapia, generalmente parecchi mesi o anche anni, e comunque si protrae anche dopo la remissione dei sintomi, per scongiurare la comparsa di ricadute. Usualmente si raccomanda una terapia di mantenimento, a dosaggi ridotti, di uno o due anni, anche se il disturbo d'ansia, secondo alcune ricerche, può permanere per tutta la vita, riaffiorando qualora eventi esterni ne causino la ricomparsa.

Gli antidepressivi vengono a ragione considerati i farmaci più efficaci per la risoluzione a lungo termine dei disturbi ansiosi in quanto agiscono sull'assetto dei neuromediatori sinaptici. Infatti è stato evidenziato da numerosi studi che, alla base dell'ansia, sussistono delle anomalie oggettive a carico dei neuromediatori.

Anche i beta bloccanti possono essere prescritti per i disturbi legati all'ansia, in particolare per la componente cardio vascolare, in quanto hanno un ruolo regolarizzatore sull'attività del cuore.

Quando si parla di attacchi d’ansia e rimedi, parallelamente ai farmaci tradizionali, possono essere trattati anche con preparati omeopatici, la cui efficacia non sempre è stata riconosciuta, ma che spesso vengono affiancati ai farmaci di sintesi. Può essere unicamente il medico omeopata, dopo attenta anamnesi, a prescrivere idonei rimedi omeopatici. Anche i fiori di Bach vengono utilizzati nei casi di disturbi causati dall'ansia, in particolare il Rescue Remedy, uno dei preparati più diffusi nelle terapie ansiolitiche.

Accanto alle terapie farmacologiche, molti medici consigliano anche un approccio di tipo dialogico, ovvero delle sedute di psicoterapia, che possono essere effettuate presso psicologi o psichiatri. Mentre nel primo caso il percorso terapeutico si basa unicamente sul dialogo senza impiego di farmaci, nel secondo caso, invece, il dialogo può venire affiancato da preparati farmacologici.

Efficaci si sono rivelate anche le terapie comportamentali, basate sulla desensibilizzazione sistematica della causa scatenante l'ansia, che consiste nell'esposizione graduale a tale situazione mediante tecniche che inducono una sorta di tolleranza nei confronti dello stimolo.

Esiste poi la possibilità di effettuare sedute di psicoterapia cognitiva di gruppo, allo scopo di rapportare il proprio vissuto con quello di altri individui affetti da disturbi similari. In alcuni casi si è tentato anche un approccio con l'ipnosi, che mira alla rielaborazione dell'esperienza traumatica causante gli attacchi d'ansia. Infine, anche se con le dovute limitazioni, alcune recenti ricerche scientifiche hanno evidenziato l'importanza di una dieta ottimale, ricca di sostanze nutritive integrali e di antiossidanti, che, anche se non risolutiva, può comunque dimostrarsi un valido aiuto per la salute psicofisica dell'individuo.

Hai mai avuto un attacco d’ansia? Come hai reagito? Scrivilo in un commento e condividi la guida se l’hai ritenuta interessante.

98 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
MEXES000

MEXES000

34 anni, Bari (Italy)

Secondo me è perché chi ne soffre ha un carattere molto emotivo e su questo non credo che si possa fare un gran che
00
Lord1963

Lord1963

55 anni, Roma (Italy)

Gli attacchi di panico non si augurano a nessuno.
Ci convivi, impari a conoscerli e vai avanti.
Ma limitano e condizionano enormemente la tua vita, purtroppo
00
Francesco19465

Francesco19465

53 anni, Milano (Italy)

Gestire l'ansia è veramente possibile?
Si, assolutamente e, ve lo dice, chi stamattina ha avuto un momento pesantissimo da superare, qualcosa che andava al di là di ogni previsione, era lì ad attendermi
Sebbene il giorno prima rimebravo possibili combinazioni spazio tempo, con un po di matematica e sebbene la stessa mi aveva avvisato di certe possibili e future disattenzioni, quel che mai avrei voluto si averrò
Ero in casa, stavo preparando tutto il necessario x uscire, sono ad un passo dalla porta e mi squilla il telefono ..mentre rispondo faccio il passo fatale e ..clack.. sono fuori, la porta si è chiusa ma, non sto ancora realizzando cosa era successo xkè avvolto dalla comunicazione al telefono
Finita la telefonata, come se uscissi da una dimensione strana, mi sento diventare piccolo e di colpo mi assale una forte energia adrenalinica dove tutto era gigante, enorme se non che ciclopico ..in altre parole stavo tornando alla mia realtà di consapevolezza
e lì mi accorgo che le chiavi le avevo lasciate appese al chiodo della bacheca
Voi direte ..ma siiii, che ci vuole, apri con la maniglia e riprendile no?
Mhmmm semplice a dirsi, difficile è a farsi ..all'esterno non esiste maniglia, quindi cz amari visto che abito in un piano parecchio in alto ..e comincio a sudare, a sentirmi sempre + piccolo fino a che una mia parte ha gridato dentro di me ..no, fuori di me è difficile che grido, non sono il tipo e se succede è x qualcosa peggiore
Ogni cosa si risolve, tutto ha iun prezzo, anche respirare e così mi calmai ..sarà durato 30 secondi il tutto?
Sembrava interminabile e io che non sono ansdioso di natura, ho provato che significa il peso addosso dell'ansia e della paura assieme ..già sapevo dal passato ma ogni nuova prova futura, se dovesse ritornare, ha sempre con se una prova + forte e non sto a spiegarvi i xkè, ci vorrebbe troppo tempo
Morale
Quando tutto quello che gira attorno non lo senti + e vdi solo IL problema senza soluzione, quella è l'ansia, peccato che come sentimento non finiosce lì, xkè se ti lasci trascinare e non fermi tutto questa massa nebiosa che nasce in te, entri in una spirale + larga e + nera che si chiama paura ..se ti lasci ancora trascinare e non ti accorgi che stai facendo il gioco sbagliato, passi ad un altro livello dei sentimenti che la chiamerei pazzia e via via si passa dalla malattia e via via, c'è chi arriva anche alla morte
Nessun problema esiste se tu non vuoi sentirlo in te ma ogni problema se non lo risolve porta ad altri problemi ..la cosa migliore?
Tranquilizzarsi e dire a se stessi ..va molto bene, una soluzione c'è sempre e attenderò che le informazioni mi conducano alla soluzione
La nostra vita è come una barchetta sbattuta dai venti e dalle onde di un mostruoso oceano, se perdi la tramontana hai finito di tenere la rotta e il giudizio cascherà su di te
Chi non ha pazienza avrà vita difficile ed il consiglio è ..tranquillo e impara la pazienza che tutto, prima o poi si aggiusta 😉
22
blueagle2

blueagle2

51 anni, Roma (Italy)

Penso non sia corretto scrivere i nomi dei farmaci.e se qualcuno decidesse di autocurarsi?
00

Lorenzo2008

Aiuto qualcuno mi può aiutare a mettere le foto? Sono nuovo iscritto a questo sito.
00

Noblesse-oblige

Buonasera
03

Omoerectus2

Beh, almeno mi consolo sapendo di non essere solo...
12

Domo11

Io ne soffro e sto combattendo ma vi do un paio di consigli cercate di andare in terapia subito e essere seguiti da dottori bravi che non ti danno sempre ragione poi qualche medicina aiuta in più fatevi insegnare il training autogeno e davvero importante per gestire queste situazioni ora sto meglio e ho tanti progetti vi auguro il meglio!
50
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

..in stato avanzato..
..d'ansia..
..raglio..
03
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

Articolo molto interessante.questi disturbi sono molto diffusi e fastidiosi.importante è stare calmi(è difficile) e se è possibile trovare una distrazione .i sintomi dell'attacco di panico sono simili all'infarto,da qui la paura di morire.tachicardia,formicolio al braccio sinistro ,dolore allo stomaco e al torace.Non si riesce a stare fermi.

🔥boia chi molla
25
Khaleesi_

Khaleesi_

33 anni, Agrigento (Italy)

Io credo che l'ansia sia uno dei mali dei nostri tempi, accentuato anche dall'avvento dei social e varie messaggistiche istantanee che accrescono attese e aspettative, che molte volte non vengono soddisfatte. Penso che quanto indicato nell'articolo possa essere utile fino a quando però non vengono raggiunti casi estremi come attacchi di panico. Un buon rimedio, se non si è a questo livello, potrebbe essere quello di circondarsi di gente positiva in grado di stimolare delle buone dosi di endorfine 😊
22

nell3

CI SONO ANCORA
12
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

La terapia tramite benzodiazepine mi è stata di grande giovamento.
Anche se ansia, panico, depressione e disturbi ossessivi rimangono sempre latenti (e, ogni tanto lanciano un attacco, perforando lo scudo chimico), sono comunque tenuti sotto controllo ed a livelli bassi.

Finalmente un articolo in cui mi riconosco!
71

Resiliente0

Buongiorno
22

massi765

Argomento attuale quanto serio. reputo che bisogna lasciarlo gestire da chi ne ha le competenze. come un neurologo o uno psicoterapeuta. poiché chi soffre di quel disturbo deve assolutamente capire che col "fai da te" o col "ti consigliano gli amici" non si và da nessuno parte. Solo un buon professionista che è COMPETENTE in materia, può gestire e risolvere quel problema. Questo penso che sia l'unico concetto da far capire a chi soffre davvero di quel disturbo. Farsi aiutare.
42