Come Dimenticare Un Amore Passato: 9 Tecniche Vincenti

Ti domandi come dimenticare un grande amore o come dimenticare una persona che ti ha lasciata? Non perderti questa utile guida su come dimenticare l'ex

Cosa fare per dimenticare un grande amore?

Voglio essere schietta: dimenticare definitivamente una persona è quasi impossibile. Qualsiasi soggetto infatti che passa nella nostra vita lascia un segno indelebile.

Tuttavia il pensiero costante e quasi ossessivo può essere attenuato fino ad essere conservato in un cassetto della nostra memoria e in una parte del nostro cuore.

Vuoi dunque sapere come si fa a dimenticare un ex? Desideri conoscere i metodi efficaci per dimenticare una persona che ti ha ferito?

Non ti resta che leggere questa nuova guida in cui troverai tanti utili suggerimenti sull'argomento.

Partiamo.

Consigli Utili per Dimenticare un Amore

Non è sempre facile riuscire a dimenticare un amore importante!

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

consigli utili per dimenticare un amore

Certe storie d'amore continuano anche quando materialmente sono giunte alla fine del loro percorso, interrotto da svariati motivi o per cause di forza maggiore.

Non tutti infatti riescono a dimenticare una persona che si è amata e a dire basta ad un amore che ha lasciato un segno indelebile nel cuore, e che si ripercuote insistentemente attraverso i ricordi di un rapporto durato per molto tempo ma ormai concluso o di qualcosa che si è vissuto soltanto in maniera platonica.

È possibile dimenticare un amore con l'ipnosi o la magia, o molto semplicemente ti basta accantonare il pensiero di colui o colei che affligge i tuoi pensieri.

Ti spiego come in base alle diverse situazioni.

Seguimi.

Come Fare a Dimenticare un Amore non Corrisposto

Come dimenticare un amore idealizzato?

come fare a dimenticare un amore non corrisposto

Se ti sei invaghito della persona sbagliata o il tuo cuore batte per chi non corrisponde lo stesso sentimento, non perderti d'animo e cambia rotta.

Un lui, bello e seducente o una lei, sexy ed attraente, rappresentano l'oggetto dei tuoi desideri, ma per loro nemmeno esisti?

È giunto il momento di non inseguire più falsi miti, ma piuttosto di rimboccarsi le maniche per procedere verso mete reali e concretizzare le speranze che ancora riempiono il tuo cuore. In fondo, in un angolino nascosto della tua anima, si nasconde un po' di orgoglio, che ti darà l'occasione per rimetterti in gioco e per esprimere la tua dignità.

Mettersi alla prova significa accettarsi e comprendere i propri limiti e i propri punti di forza, che ti aiuteranno a dire no e a dimenticare un amore mai nato.

Ricorda che essere rifiutato non è sintomo di inferiorità, ma di incompatibilità di carattere che spinge l'altro a preferire chi più gli piace.

Se ci rifletti su, ti renderai conto come lo stesso concetto vale anche per te!

Questo giustifica le scelte che un soggetto fa, spesso istintivamente e senza riflettere sulle conseguenze che il suo gesto può provocare su chi riceve il suo rifiuto. Compreso questo particolare, sarà un po' più semplice metabolizzare un "no".

Vediamo quindi come dimenticare una persona che non ricambia:

In questo modo diventa più semplice dimenticare una persona che non ti vuole.

Adesso approfondiamo il discorso su come dimenticare un amore malato.

Come Dimenticare un Amore Ossessivo

Sei ossessionato da una persona che non ti considera più come prima? Rinunci alle uscite con i tuoi amici e ai tuoi hobby per passare tutto il tuo tempo sui social con la speranza che lei o lui ti diano un segno di attenzione?

come dimenticare un amore ossessivo

Ti comunico che questi sono tutti i sintomi dell'amore ossessivo.

Fortunatamente esistono dei consigli utili per dimenticare un amore tossico come questo. Ecco come:

  • Smonta la suddetta persona buttandola giù dal piedistallo che tu stesso hai creato. Cerca di ricordare cos'è che ti ha colpito nello specifico: potresti scoprire qualità che anche altri hanno. Idealizzare qualcuno significa solo caricarlo di aspettative e desideri che ti appartengono.
  • Il lui o la lei che ti sfuggono non sono gli unici al mondo: l'avresti mai detto? Dimenticare una persona sbagliata incontrandone altre giuste per te: esci e conosci altra gente. E se proprio non vuoi uscire puoi sempre iscriverti ad un sito di incontri online come Lovepedia che ti da la possibilità di fare nuove conoscenze con un semplice click.
  • Fai una lista obbiettiva dei pro e dei contro della persona in questione e della situazione che stai vivendo: vedrai che riuscirai a trovare molti più difetti che pregi.
  • Elimina categoricamente qualsiasi tipo di contatto, altrimenti diventa inutile cercare metodi e strategie per dimenticare un amore infelice.

È difficile dimenticare un amore perso all'inizio, ma vedrai che giorno dopo inizierà ad esserlo sempre di più.

E quando si tratta di un rapporto difficile: come dimenticare una persona di cui si è innamorati ma che non ricambia i nostri sentimenti?

Come Dimenticare un Amore Impossibile

Dover dimenticare una persona che non ti ama, soprattutto per il bene di se stessi, richiede un grande sforzo. Ci sono storie che già dall'inizio hanno tutti i presupposti che di certo non fanno presagire un lieto fine, ma nonostante questo si sceglie di provare per non lasciare nulla di intentato.

come dimenticare un amore impossibile

Ora non voglio rifilarti il solito, “te l'avevo detto”, però devo: insomma sapevi che sarebbe finita così e ora ti tocca leggere guide o le regole per dimenticare un amore impossibile.

Si può dimenticare una persona che non ti merita, con cui nonostante tutto volevi continuare il tuo rapporto: come fare?

  • Prima di tutto torna a concentrarti su te stesso: questa tipologia di rapporti infatti logorano dentro e talvolta allontanano dai propri obiettivi.
  • Fai qualcosa per distrarti e alleviare il dolore come telefonare a un amico, leggere un libro, vedere un film, disegnare o uscire a fare shopping.
  • Introduci una novità, grande o piccola che sia, come ad esempio dedicarti ad uno sport che magari avresti sempre voluto praticare o che semplicemente ti piace.
  • Recupera tutte le tue relazioni. La terapia per dimenticare un amore difficile è circondarsi di persone che tengono alla tua felicità e che ti vogliono bene, e soprattutto fare un po' di vita sociale che può portarti nuove occasioni di conoscenze, e anche una nuova storia. Tutto è possibile.

E se invece sei nella fase “non riesco a dimenticare un amore platonico conosciuto in un sito”: quali sono in questo caso i rimedi per dimenticare una persona a cui non piaci più?

Dimenticare un Amore Virtuale

Ti domandi come dimenticare un amore platonico nato su Internet?

come dimenticare un amore virtuale

Sono numerosi ormai le storie che nascono in rete senza per forza che due persone abbiano avuto un reale incontro, magari per problemi di lontananza. Appartengono a quella tipologia di rapporti che vengono alimentati da telefonate quotidiane e da messaggi: questo fa si che il pensiero di qualcuno si insidi nella mente, accompagnando lo scorrere delle giornate.

Accade però, come in tutte le relazioni normali, che il lui o la lei di turno si stanchino di questa situazione e preferiscano mettere punto e dimenticare una persona lontana.

In questo caso si riesce a dimenticare un amore a distanza di questa tipologia soprattutto nel momento in cui non sia ha avuto un contatto.

Il motivo? Semplice: hai solo perso la testa per l'idea di qualcuno, ma tu fondamentalmente non sai com'è realmente. Ragion per cui perché sprecare lacrime per qualcuno che non conosci?

Questo non vuol dire che non devi ricorrere più ad un sito di incontri per fare nuove conoscenze a causa di un'esperienza negativa, ma anzi devi far tesoro di quanto ti è successo e devi fare in modo che non capiti una seconda volta.

Basta scegliere bene le persone con cui chattare ed escludere quelle non ti vogliono incontrare.

Bene adesso trattiamo un argomento un po' spinoso ovvero come dimenticare un tuo ex.

Iniziamo.

Come Fare a Dimenticare un Ex

Capita un po' a tutti nella vita di provare a capire come dimenticare un ex che ti ha lasciata o tradito.

come fare a dimenticare un ex

Spesso la decisione di mettere fine ad una relazione arriva solo da parte di uno dei due partner che sceglie per entrambi senza tenere conto di ciò che in realtà vorrebbe l'altro. Soprattutto per colui che viene lasciato diventa difficile accettare il cambiamento e somatizzare la nuova situazione che lo travolge come un forte vento.

Cosa fare in questi casi? Come dimenticare un ex che ti ha fatto soffrire?

Non è sempre facile, soprattutto per la dipendenza che l'amore può causare. A tal proposito l'antropologa biologica Helen Fisher ha voluto mettere in rilievo proprio la similitudine che c'è tra l'amore e la dipendenza da droghe.

Fisher ha basato i suoi studi su centinaia di persone nel corso del loro rapporto: in questo modo ha potuto constatare come vi sia una similitudine tra una prima ondata di emozioni che attivano un sistema di produzione di dopamina, in una parte del cervello chiamata area ventrale tegmentale, così come accade con le sostanze stupefacenti. La dopamina è responsabile del desiderio di amare, che al contrario di qualsiasi tipo di droga, può durare settimane, mesi e anni creando una lunga dipendenza. Per questo può essere davvero difficile dimenticare definitivamente un ex che vedi sempre. Meglio evitarlo.

È necessario inoltre adottare non solo delle tecniche per dimenticare un amore di 10 anni o estivo, ma anche una terapia per trovare una via d'uscita da questa situazione. Nello specifico la dopamina è un neurotrasmettitore che viene prodotto da un’azione che rafforza il desiderio di ripetere quel determinato atto che da piacere. I livelli di serotonina invece tendono a diminuire e questo può comportare l’insorgere di disturbi di tipo ossessivo-compulsivo.

Per non lasciarsi travolgere dagli eventi, occorre quindi cercare di reagire per dimenticare un amore passato e concentrare l'attenzione altrove senza rimuginare su ciò che non appartiene più al presente.

Ti domandi “come faccio a dimenticare il mio ex”? Come faccio a dimenticare una persona che amo?

Continua a leggere per scoprire i 10 modi per dimenticare un amore finito male.

10 Regole per Dimenticare un Ex

Chi non è stato mai mollato scagli la prima pietra. È toccato purtroppo un po' a tutti, o quasi, di essere lasciati da quella che in quel momento si considerava essere la persona con cui passare il resto della propria vita. In questo modo si è entrati a far parte di quel vasto gruppo che ha vissuto la cosiddetta “delusione d'amore”.

10 regole per dimenticare un ex

Come fare a dimenticare una persona che si ama?

Esistono diversi libri su come dimenticare un ex fidanzato e guide su come affrontare il post-rottura: la realtà è che poi ognuno reagisce in modo differente. Tuttavia qualche consiglio in più, su come sopravvivere all'abbandono del proprio partner e su come dimenticare una persona che non ci ama, non fa mai male, per questa ragione voglio illustrarti quali sono i passi per dimenticare un ex importante qui di seguito:

  • Sii padrone del tuo tempo. Il primo nemico a cui andrai incontro è il tempo. Quando cerchi di dimenticare una persona che ti ha lasciato, secondi, minuti e ore ti sembreranno lunghissimi, e i giorni un'eternità. Il segreto in questo caso è quello di tenerti costantemente impegnato: dedicati alle tue passioni, e se non hai hobby createne uno. Scrivi, canta, disegna, inizia dei corsi: insomma cerca di tenerti impegnato in modo da distogliere il tuo pensiero da quell'unico tarlo che hai in testa.
  • Sii razionale. Il dolore procurato da un abbandono può creare momenti di instabilità psichica in cui un'istante ti senti tornato alla vita, nell'altro sei risucchiato nuovamente nel tunnel della depressione. Cerca di assumere un atteggiamento, per quanto ti sia possibile, costante, e soprattutto evita situazioni di giudizio e scelte azzardate: ricorda che non sei nella piena facoltà di decidere e che potresti prendere delle decisioni di cui potresti pentirti.
  • Abbandonati al dolore. Non cercare di evitarlo tenendo tutto dentro, rischiando poi di implodere e provocare danni pari a quelli di una bomba atomica. Dai sfogo a tutta la rabbia e a tutta la tua sofferenza: solo cosi, dopo esserti “svuotato” completamente, potrai ricominciare la tua risalita alla vita e dimenticare un amore che fa soffrire.
  • Circondati dell'affetto dei famigliare e degli amici. Parla con le persone a te care, le quali ti aiuteranno a sdrammatizzare, e ti permetteranno di esaminare con più razionalità la situazione in cui vivi. L'importante è non essere assillanti ed evitare di parlare sempre di unico argomento. Inoltre, se la storia passata ti aveva travolto totalmente tanto da condividere con l'ex partner anche le amicizie, sarà necessario rivedere i rapporti che potranno riportare alla mente ricordi angoscianti.
  • Riparti da te stesso. Questo è il momento adatto per prendere nuovamente in mano le redini della tua esistenza, e fare tutte quelle cose che la vita di coppia ti ha ostacolato. Reinventa te stesso, il tuo look, quello che hai attorno, ma non dimenticarti mai chi sei davvero, e soprattutto non svalutarti, né permettete a nessun di farlo. Ricorda che quello che ti distingue è la tua unicità, e se qualcun non ti accetta il problema non è tuo né tanto meno sei tu. Abbraccia tutte le occasioni di cambiamento che ti si apriranno davanti per dimenticare l'ex marito o moglie.
  • Invece di stare a riflettere sulle possibili cause post separazione, prova a mettere da parte i sensi di colpa e a riscoprire le qualità personali che saranno utili nell'approccio con gli altri. Ti renderai conto che in giro c'è qualcuno che ti apprezzerà per quello che sei realmente e per ciò che l'ex non è riuscito a cogliere in te.
  • Evita qualsiasi condizione di contatto. Questo è l'imperativo assoluto dei metodi per dimenticare l'ex fidanzata: la tentazione sarà forte, ti pruderanno le mani per la voglia di chiamarlo o di inviarle un messaggio, ma non farlo. Se una persona vorrà tornare da te lo farà per volontà sua: non forzare le cose, perché quello che potrai ottenere non è amore, ma pietà e commiserazione. Ed è questo che vuoi davvero?
  • Passare oltre senza voltarsi indietro è l'imperativo sul quale dovrebbe basarsi la tua nuova vita, insita al cambiamento che è stato imposto. E se un misero ricordo dell'ex ti tornerà in mente, concentra il pensiero sui suoi difetti che si riveleranno potenti armi a tuo favore.
  • Guardati attorno e se proprio nessuno riesce ad accorgersi di te non perdete la costanza e continua nella ricerca di un partner ideale che riuscirà a comprendere ciò che stai attraversando e ti supporterà in caso di difficoltà.
  • Iscriviti in un sito di dantig come Lovepedia non per forza per metterti alla ricerca dell'anima gemella, ma per trovare nuove persone con cui dimenticare un ex amore.

So che la domanda che ti stai ponendo adesso è quanto tempo per dimenticare un amore mi occorre?

Seguimi nel prossimo capitolo per scoprirlo.

Quanto Tempo per Dimenticare un Ex?

Esiste un tempo per dimenticare un ex?

quanto tempo per dimenticare un ex

Ti dico subito che è non esiste un tempo assoluto, ma è per lo più soggettivo: molto dipende dal tipo di relazione che si è vissuto e ovviamente dal tuo carattere.

Per molti infatti dimenticare una persona importante può rivelarsi difficile e questo può portare anche ad una depressione che può durare mesi

È possibile infatti dimenticare un amore velocemente soprattutto quando sei tu a prendere la decisione di lasciare l'altro o quanto il rapporto in sé ti ha dato poco.

È difficile dimenticare una persona dopo anni quando si è trattato di un grande amore o magari del primo: lo si può accantonare, ma non si può dimenticare del tutto.

Certi odori e alcune canzoni infatti ci faranno pensare sempre all'ex. A tal proposito uno studio ha rivelato che i ricordi legati a fattori emozionali sono più duraturi, e proprio le ultime ricerche in neurobiologia ci spiegano perché non è facile dimenticare l'ex per sempre.

Il neurobiologo Antoine Bechara afferma che stare da soli o cercare di dimenticare l'ex con un altro, non impedisce che siano inviati al cervello determinati stimoli che provocano ricordi legati alla persona che avevamo amato.

Quando accade qualcosa che ci tocca emotivamente, il cervello li riconosce come tale fissando il ricordo: per questa ragione si ricordano episodi legato agli ex. Il cervello risponde in modo volontario a scariche emozionali involontarie.

Uno dei metodi per dimenticare un ex ragazzo infallibile? Il tempo: le connessioni cerebrali infatti rielaborano le situazioni critiche e le emozioni diminuiscono la quantità di neuro trasmettitori della zona di scambio neuronale. In poche parole con il tempo si inizia a dimenticare. 

Si può dimenticare un ex dopo anni, così come si può dimenticare un grande amore: può accadere.

Il dolore lascia lo spazio al rancore, e col tempo e ad altre esperienze, si trasforma in ricordo, ma di quelli che non fanno più male.

È tutta una questione soggettiva quindi: dipende solo da te.

Bene siamo giunti alla conclusione, ma prima di salutarci ho ancora qualcosa di importante da dirti...

Dimenticare un Amore e Ricominciare

Come dimenticare un amore che ti fa soffrire e tornare a vivere?

dimenticare un amore e ricominciare

Quando una coppia si separa si prova a rinascere e a riscoprire sé stessi attraverso una buona dose di coraggio e di carica positiva.

In amore, è opinione comune che, alla fine di una storia, importante o meno, segua sempre un periodo di intensa angoscia e di tristezza acuta in cui si prova a dimenticare una persona per sempre. Questa opinione diffusa, però, non risulta essere sempre veritiera e limita il campo a tutti coloro che preferiscono rinascere invece di "morire".

Mentre, infatti, diverse relazioni vanno avanti senza amore, altre preferiscono rompere il rapporto e non continuare a farsi del male inutile. In questo modo, entrambi i partner fanno una scelta consapevole, spesso senza compromettere ulteriormente la situazione; inoltre, così diventa più facile raccogliere i cocci della propria vita sentimentale, ricrearne una nuova su solide fondamenta, e dimenticare un lungo amore.

Si sa che la routine spinga a separarsi ma è pur vero che, in certi casi, la soluzione migliore è proprio la lontananza. Affrontare quest'ultima poi in modo positivo aiuta a somatizzare la scelta drastica e a riscoprire sé stessi. Il rapporto di coppia infatti, tende spesso ad annullare il singolo soggetto che vive e si proietta nel partner e verso l'amore per esso. Così invece, quando in situazioni di crisi si decide di mollare la presa, ognuno si riappropria del suo spazio, sia interno che esterno, facendo delle scelte personali e ricominciando a pensare autonomamente.

Sebbene non sia sempre facile dimenticare una persona speciale e lasciarsi alle spalle una storia, per non cadere in depressione è meglio concentrarsi su altro e quando non si riesce a distogliere il pensiero dai ricordi, allora bisogna soffermarsi su quelli negativi, sui difetti dell'ex e, soprattutto, sulle conseguenze negative che hanno spinto alla separazione. In questo modo, rinascere deve divenire la parola d'ordine di tutti quelli che vogliono sbocciare come un fiore in Primavera, per concentrarsi sul proprio futuro.

Pensare a sé stessi non vuol dire essere egoisti e non provare sentimenti forti, ma solo guardare il bicchiere mezzo pieno, senza abbattersi e riflettendo sulle opportunità che la vita può concedere.

La ferita non si sanerà subito né si potrà dimenticare definitivamente l'ex, ma come già premesso, il tempo migliorerà le cose: con tanta pazienza e tanto coraggio si potrà affrontare una nuova vita sentimentale, ricca di amore e di passione che, forse, farà dimenticare il passato e procederà fertile e serena.

Questo non vuol dire che tu debba per forza fidanzarti per dimenticare l'ex o trasferirti per dimenticare un amore. Insomma in alcuni casi basta anche solo un semplice viaggio per dimenticare un amore.

Solo l'esperienza, poi, darà ragione ai fatti.

Secondo te qual è l'atteggiamento migliore per sopravvivere all'abbandono? È possibile dimenticare un grande amore? Racconta la tua esperienza e non dimenticare di condividere la guida nel caso in cui ti sia stata d'aiuto.

612 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

isola8

Come catturare
il Principe delle Tenebre
e sposarlo senza rimorsi


Articolo comico, satirico, ironico, autoironico e assolutamente stupido - da ridere con le lacrime e fino al mal di pancia, ripetendo l’operazione fino all’ilarità totale.





Dio lo ha creato a sua immagine e somiglianza non v’è dubbio, dicono. Beh io una domandina me la farei. Che Dio sia proprio così? Come il maschio della specie umana?? Come lui? Davvero????? qui ci sorge spontanea la riflessione: anche Dio sbaglia.
Lui è Alpha, almeno è ciò che pensa di sé, è un Luminoso e comunque vogliate dipingere il vostro Lui non lo vedrete mai per come veramente è., non fino al centesimo rutto sul divano, prima di assopirsi durante un film, di girare per casa in mutande, completamente ignaro di essere privo della cupola autoprotettiva che ci infliggeva ai tempi del corteggiamento. Corteggiamento dove noi abbiamo lasciato frenate di sangue sulle strade e fiumi di lacrime senza zattere di amor proprio - solo per salvarlo dalle chimere che sogna come perfette compagne di vita e che non assomigliano per nulla a voi. Lui ignaro della completa esistenza di altro fuorché se stesso. Sì, perché la forma angelica che avete preso di mira, si aspetterà voi possiate essere fantasmagoricamente splendide, pettinate anche quando sudate nella sauna come una Belen di un Happy Days moderno, con le unghie che supplicano carne in cui conficcarsi tanto sono ingelate, smaltate e lucide – così lucide da fare penare di invidia qualsiasi artiglio di altro predatore – questa cherubinica entità la cui strafottenza abita i confini di Matrix in fondo sa che non sarete mai all’altezza dei sogni che spopolano il loro cervello – siate voi stesse al massimo di quello che potrete dare poiché per quanto la vostra idea di voi stesse si avvicni alla perfezione a lui maschio Alpha, arriverete al massimo agli spazi esterni della dura madre poiché oltre (ipofisi, ipotalamo) non ha gli occhiali, ne la percezione per vedervi.




Lui ti lascia. Sei una defunta. Come superarlo?


Lui ci lascia. Non c’è età che possa superare sto dramma, questa tragedia.
Tu speri, tu sei lì che lieviti in congetture marmellose con “forse già si pente” oppure “sono certa che come me …” naa Fermiamoci! dobbiamo darci pace, lui ha già messo i crisantemi di fianco alla nostra foto in Whgatsapp. Lacrimuccia? Eheee conserviamola per la caduta della sua testa. Perché la sua testa quando cadrà come tutti i pietroni dell’Olimpo, farà rumore una sola vota ma basterà per tutto il tempo della storia … della vostra vita. Non siate vendicative, non vi merita ecc ecc … tristi? Dai che non ci credete nemmeno voi a questa bistecca sanguinolenta chiamata melanconia da abbandono - non ci credete nemmeno se vi pettinaste in senso antiorario cantando con un sasso in bocca “Fratelli d’Italia”.
Considerate il cellulare, l’apparato telefonico usato dal maschio umano come un tumore che si espande in numeri, situazioni, ricordi. Questo tumore spesso incurabile, espone il vostro acrobata virtuale capace di parkour sui vertici della rubrica nella memoria agitata da bit e pixel alla fragilità di essere abbandonato e più accresce in lui la determinazione di essere un essere profetico, più il male che colpirà il futuro della vostro foto in memoria sarà incurabile. Conoscete cure blande per un tumore? Io no.
In amore ci sono situazioni inspiegabili. Déjà-vu., etichette, necessità e forme patologiche di ogni genere, incluse allergie a impegni con scadenze varie.
La vostra credibilità e onestà spesso fungono da palo dove impalare il vostro orgoglio, sì perché senza fatica e sudore di conquista “lo splendido” vi rigirerà sul suo spiedo di menefreghismo fino alla seconda puntata ovvero quando liberato e annoiato da altri impegni avrà quella poca voglia di vedermi e questo implica “che punta sul sicuro”. Non rischierà di presentarsi a mezzanotte sotto casa per beccarsi delle sane secchiate di acqua fredda … i soldi della benzina o la partita sul divano in indumenti comodi e messaggeria no limits verso bellezze accondiscendenti che lo trattano come il “terzo mistero di Fatima”. La sua autogestione è perfetta, un Gucci Gang ripetitivo e funzionale mai e mai surclassato dai sentimentalismi che colpiscono come allergia da fragole noi donne.
Quando il maschio umano esce dal raggio del vostro odore torna a essere il confuso di prima. Chi? Cosa? Come? Perché? Domande impegnative come la lettura delle tavole di Mosè sull’Ararat la volontà di cosa vorrebbe e con chi. Quindi dopo avervi annusate, sentite dentro, appena superati i vostri confini e voi rimaste nel suo ricordo embè, la sua circolazione sanguigna torna normale, il neurone disidratato si appisola all’ombra di una chimera e voi aspettate ma cosa aspettate? Che si ricordi di voi? Ha! La funzionalità dei suoi complessi ingranaggi si limita al ditino che sfoglia una rubrica telefonica nutrita come l’aia di Dio ove foto sirenidi richiamano il povero Ulisse confuso sulla propria sorte a amori e amplessi plateali molto meno impegnativi di un amore di routine.

Lui è Lui. Questo è un dato di fatto. Lui uomo maschio adulto, lo ripetiamo perché spesso il fagiolino che lui pensa sia una transatlantico, è solo un timido neurone il cui musino resta nascosto sotto il pilastro d’orgoglio e esce anzi mostra i propri baffetti sensibile al dolce le volte in cui la curiosità “maschia” vince la debolezza ovvero “è solo una femmina” mollando questa espressione di indifferenza per una qualificata tremarella parkinsoniana da fibrillazione amorosa.
Lui è forte perché è forte? Perché per principio di vascolarizzazione umana del pianeta a un singolo maschio specie umana gli corrispondono sette ben sette femmine. Questo grasso d’oca che cola dalla sorte sul Principe delle Tenebre è la classica ruota che gira solo e unicamente dalla parte del suo orgoglio. Ci lascia? Davvero crediamo che resteremo inappetenti a vita davanti a miliardi di statuari belloni cui saremo indifferenti perché rimaste nella trappola dell’uomo coi mutandoni da partita e sorriso da i miracoli della moltiplicazione li saprei fare pure io se si trattasse di quintiplicare la rubrica telefonica.
Sorridete. Lui non vi ama. Se vi lascia perché non vi ama. CVosa pensare? Tornerà? Davvero vorrete che ritorni? Ha hahahahah hahahaha hahahaha hahahah … ma sì facciamolo pure ritornare.
Un giorno lo splendido chiamerà e voi cosa? Vi scioglierete come una aspirina effervescente, lasciando che la eccessiva salivazione da desiderio, vi incolli alla tastiera del cellulare in attesa lui si esponga al martirio che avrebbe provato in vostra assenza. Non fatelo!
Lo amate e vi amate? Ebbene amarlo significa essere voi lo specchio reale di ciò che è non di come lui si vede. Integerrime fino alla fine, non crollate e non mollate. Siete lì lì per supplicarlo a mordervi la carne, a divorarvi fino all’osso e finché con occhietti lucidi da sirenidi gli dichiarerete il vostro costante e indiscusso amore … NON FATELO! Amare è donarsi e se lui vi ha dnato il silenzio e le settimane, i mesi, gli anni di separazione totale, di silenzio totale, significa che si attende voi siate speculari … silenzio.
Non dite nulla, non promettete nulla, non confessate nulla.
Il Principe delle Tenebre è un empatico, vi manipolerà usando quel sentimento trascinante che si chiama interesse studiato “ah mi sei mancate, sapessi come è stato difficile per me e non ho potuto fare nulla mi mettevi paura ma ho pensato a lungo a te, tanto che vedi sono qui” …a quel punto avrete ottant’anni.












Uomo. Maschio. Adulto. Essere la cui personalità la figuriamo come quella di una divinità o un Principe insonne che si catapulta nel nostro noioso mondo per rapirci ma l’Uomo è fragile si a che come tutti i mortali, lui è fatto di carne.
Volessimo anche la divinizzazione di questo primate sapiens sapiens - dovremmo prima però conoscerlo cellula dopo cellula, poiché parecchie di queste sfuggono al suo stesso controllo e spesso il suo cervello combatte con le pantegane quando non vuole innamorarsi anche se involontariamente o volontariamente gli piacciamo. Cosa conquista un uomo? Beh il sesso debole, la dolcezza, la coccolagine delle forme morbide, l’intelligenza direbbe qualcuno ma non gli credo, oppure la bellezza e la femminilità, armi leste ma sempre dico sempre sicure e chi tra noi non è dotata di tali armi atomiche, beh useremmo il propulsore betoniera chiamato “preghiera a santa Rita” e qualche tonnellata di astuzia. Per astuzia non si intendono reggiseni con armamentario indotto e nemmeno discorsi che parafrasano poeti estinti (pochi maschi hanno denti per la poesia) Poiché è nel lasciarlo che il maschio della specie umana, diventa nostro e non nel possederlo. Come mai? In lui scatta quella molla tremenda chiamata pensiero di cui in amore non si adopera spesso (poiché il cervello serve molto al lavoro e non va esaurito o affaticato con questioni di sensibilità squisitamente femminili). Ebbene il nostro rude barbaro guerriero non sarà mai pronto per la resa ma sempre e sempre per una seconda, terza, quarta battaglia del no. Quindi prima che lui ci lasci, ci renda poster per la sua camera da letto in cui saranno le nostre lacrime a tenerci incollate all’intonaco per parecchio tempo, prima che il desiderio diventi l’unico ente cui chiedere soccorso in attesa lui si ricordi anche del nostro nome nella sua rubrica del cellulare che fa scorrere come le pagine di una bibbia in cui la nostra foto combatte con contro quelle di altre concorrenti più preparate e magari professioniste nel settore, ebbene prima di vivere nella nostra stessa catastrofe– allontaniamolo con un piccolo cartello “attenzione pericolo!” e lui, eh sì, lui sarà rapito dal pericolo e ci sognerà più di quanto sognerebbe uno scienziato pazzo un rapimento alieno.
Sarà utile ripetere la verità: “loro ci vogliono stronze” che ce la tiriamo perché per loro una donna è una Dea, qualcosa di raggiungibile solo nei sogni erotici dal gusto esotico e poco complicato a livello di scenario.
La femmina che capitola per lui non non è innocente, interessante e intelligente ma solo una cosa di cui potrà disporre a piacimento, dopo gli interessi primari ovvero lavoro, cibo, riposo, amici, e la seconda o la prima sotto o sopra il nostro nome nella reliquia chiamata cellulare.
Il maschio umano vive senza doversi implicare emotivamente ovvero accendendo il cervello. Prima che il suo interesse per la donna arrivi al cervello, lui ha delle fasi, degli step, un vero e proprio broadcasting selettivi fatto di campi minati in cui la protagonista si avventura a proprio rischio e senza alcuna altra risorsa a sua difesa se non il buon senso e di quiz o test di sopravvivenza per la poveretta cui spetterà il premio di: lavargli i calzini, massaggiargli la nuca, stirargli le camicie, cucinargli, pulirgli la casa, sorridergli quando di notte all’improvviso e dopo venti ore di lavoro estenuante lui avrà voglia di sesso,.
Siete ancora interessate a tenervi un uomo?
Ostinazione. La tenacia con cui ci assicuriamo, noi donne la propensione al pedinamento intuitivo di un uomo. Noi fiutiamo a distanza, immaginiamo e fantastichiamo sulle innumerevoli possibilità del non essere felici perché lo sappiamo: quando tutto fila bene con un umo di sicuro ma proprio di sicuro qualcosa non quadra perché? Perché dopotutto la sincronia di coppia è una conquista e non un regalo. Il maschio umano non vi regala nulla di se stesso. Vi poterà a cena, vi prenderà il vostro profumo preferito al compleanno a altre ricorrenze ma d se stesso – avete presente un congelatore ebbene pensate da subito a come sbrinarlo poiché staccando un congelatore dalla presa il ghiaccio dentro persisterà per parecchio tempo .-…
Quindi? Mi direte, Jacqueline parli come se gli uomini non provassero emozioni? Sì le provano, certo che le provano ma sono cose cui loro non danno importanza se non sul momento, passato il momento l’emozione “puff!” sì è volatilizzato che fare? Le emozioni care donne si seminano e si sa che tutti i semi di qualunque pianta o essere sono piccoli. Dovrete seminare la vostra piantina emozione in lui e coltivarla con la stessa dedizione con cui il discepolo ascolta il proprio maestro per anni. Nel frattempo sarete: attanagliate dai dubbi, avrete tempeste e inversi sopra i vostri semi, avrete il vento della follia e della tristezza quindi prima di partire per questo martirio pensate a quanti sacrifici dovrete fare solo per coltivare il seme di un sentimento nell’uomo che vi siete scelte.
Dal canto suo l’uomo vi combatterà come può e perché? Perché ci sta bene nelle vesti del ragazzino a caccia , ci sa stare bene nelle sue molecole agitate di scapolo che vive nel suo piccolo regno lontano e al sicuro dalle maliarde. Certo che vi compiacerà di attenzioni e moine, vi accarezzerà i capelli e vi bacerà la fronte ma questo non significa che alcuna sua macromolecola neurale sia stata contagiata da voi al punto da impazzire e imbizzarrita vi desideri al punto da invitarvi da subito a vivere con lui. L’uomo è un poligono di tiro e voi l’arma se non fatte centro – presto o esaurirete i vostri proiettili o imparate per necessità a diventare i migliori cecchini del pianeta solo per possederne il cuore.
Noi non regaliamo la fiducia come se ne avessimo tonnellate e non sapessimo cosa farcene, anzi la dispensiamo con parsimonia come se offrissimo a uno sguardo curioso il colore della nostra giarrettiera.
Il nostro uomo polimero dotato della convinzione di essere inattaccabile dovrà vedersela con la nostra legione chiamata “io posso vivere anche senza te”. Non c’è nulla di spettacolare in questa affermazione ma credetemi, credetemi, funziona. Noi donne abbiamo il desiderio di impressionare e soprattutto mostrare il nostro coraggio se e quando innamorate – lo facciamo da subito. Scatta in noi questa necessità, questa frenesia alimentare in cui il cibo non c’entra nulla. Noi non ci misuriamo col nostro desiderio di sesso ma il fuoco ci domina più e quanto la parte del sesso. Il nostro fuoco, slang che tiene incollate le parti della nostra disturbata personalità di femmine che tanto, tanto rende l’umanità perfettamente incoerente ma accettabilmente bella, ci spinge a veri e propri atti eroici, stop! Non fatelo! Non fatte alcun atto eroico, non prima che l’abbia fatto lui! Lui, il cui demone del tenere i sentimenti sotto controllo è attivo 24 ore su 24, lui dovrà inventarsi lo straordinario per voi. Se non lo farà? Beh, certo che non lo farà se prima voi non avete messo il cartello “attenzione pericolo – non so se mi piaci vedremo!”
Ricordatevi lui vive con delle pantegane nel cervello e voi dovrete con abilità ed astuzia seminare, ma senza che lui se ne accorga delle trappole nella sua mente. Noi non dobbiamo uccidere i suoi dubbi, i suoi conigli bianchi ma dobbiamo anche cucinarli e servirglieli. Questa è la resa. Sazio e impregnato di voi, contagiato fino all’ossa non potrà più ritirarsi nel suo regno senza pensarvi, senza ardere, senza desiderarvi. Questo non significa che ceda subito.
L’entusiasmo sarà il secondo vostro step. Lui dovrà essere entusiasta di avervi, di conquistarvi e di esibirvi poiché dopo tanti sacrifici (che voi avrete fatto ma di cui si prenderà sempre il merito) – il suo regno esausto di solitudine come una condotta di gas vicino al fuoco – scoppierà di sarà a cercarvi impaziente di vivervi per davvero, col cuore e con il resto di corpo – ma questo punto noi saremo sicure che tra le due parti ci sarà stata una sorta di comunicazione-
Ora come non tenersi un uomo, quando noi sappiamo di averlo ma sappiamo che non può essere nostro per il momento?
Stesso procedimento di sopra: Invece di uccidere i conigli bianchi nel suo capo favoritene la moltiplicazione e nutrite le pantegane delle sue paure con oggettivi problemi, ebbene , lui non è mica un martire, è solo un uomo, correrà a nascondersi a fare quello che gli riesce meglio pensare al lavoro, al cibo, agli amici ecc.
perché non tenere un uomo se forse lo amiamo ? Perché per legge dell’assurdo più noi ci posizioniamo vittoriose su una cosa più possiamo essere certe di perderla – forse l’amore vero è un capitolare di entrambi e non è detto che la tregua, la pace durino tutta la vita ma terranno abbastanza a fare di voi due una famiglia e poi chissà …. finché morte non vi separi.



Lui l’Alpha - non ci interessa se è mai riuscito a laurearsi, se gli è mai interessato avere una cultura da mattone old British Museum con tanto di angoli lucidi e senza ragnatele nella memoria. Di lui sappiamo che è in. Ha una auto che è l’espansione del suo ego che la casa è accogliente per uno scapolo e che il denaro nelle sue mani sembra prendere la forma delle preziose gocce d’acqua il che lo rende affascinante, irresistibile, ammagliante, accattivante, appetitoso e naturalmente inavvicinabile, imprendibile, inaffondabile, inafferrabile – anche se quei soldini fa una fatica haitica per stringerli nel portafogli. Lui sceglie e non è mai scelto. Lui lascia e non è mai lasciato. Pensate di potergli tenere testa? Con cosa vi domanderete?
Verve. Potrebbe esserci una controversia su questa parola ma direi di non accoglierla. La vostra felicità prima di tutto perché non ci può essere felicità derivante da altri se la vostra è inesistente-. Nessuno vuole iniziare una storia su basi tristi. Quindi se vi lascia – abbandonatevi alla verità, lui non è ma voi sì ! Certo che siete! Questa è la cosa più dolorosa in assoluto che potrete infliggere a un uomo. Questa cosa gli fa un male morale e fisico – distrugge castelli e rompe barriere. I suoi sbagli non sono vostri. Potete capire ma non potete condividere – non vi spetta, non siete mogli e nemmeno amiche siete solo “quella” una sorta di qualcosa cui lui all’inizio non sa nemmeno che genere di nome dare. Valiamo più del comò ma meno del telecomando e meno ancora del divano.
La struttura gerarchica nella sua vita è semplice per voi ci sono decine di gironi paradisiaci e centinaia se non migliaia di gironi infernali.
Essere entusiaste del proprio essere vi condurrà quella facile verità “non è”- capito questo sarà lui a nascondersi da voi nella speranza lo salviate dalle ombre che punzecchiano prima del sonno o al risveglio. Vorreste di più? perché ? in fondo non vi ha meritate? Ma cerchiamo di superare anche questo step.
Lo splendido non ha piani ma pensa di conoscervi. Siete scontate? Lo siete? Non credeteci. Lui ha capito che il vostro prezzo sul mercato non è inflazionato e non ci sono sconti … qui inizia la corsa in salita ma per voi.
Mentre lui molto easy vi favorirà con una chiamatina di cortesia voi lo avrete già puntato, cecchinato, abbattuto. Come? Mangiate una pizza insieme e non parlate di nulla per tutta serata. Cosa sto dicendo? Sto dicendo siate felici per una sera, concedetivi del tempo con lui ma non per lui, per voi. Questa è la prima vera cosa che lo porterà da voi. Non avrete nulla da digli, da rimproverargli, nulla da chiedergli e nulla da dare più di quello che per eccellenza è una conversazione frivola e serena su argomenti di qualsiasi natura ma non sentimentale. E’ vostro. Sarà vostro. Disinteresse totale per sentimenti per prove sgamo e glitch per il suo cuore puntando solo su tacchi push up del lato B o tette in armadi di silicone che si espandono in piccole vetrine di poliestere di firme costose e lussuose che vi siete comprate per fare colpo.
Non so perché ma mi viene da ridere. Preferirei una padellata in testa che uscire schianto per uno che mi ha mollata. Jeans e maglia è il massimo che si può aspettare – nemmeno lo smalto – acqua, sapone e quel piccolo ma fastidioso brufoletto sul mento che non potrete schiacciare poiché diventerebbe una Islanda rossa molto infetta - in fondo è questo che si troverebbe se vi vivesse in casa da sposati no?
Quindi ci ha lasciato e dopo aver pregato Santa Rita la santa delle missioni impossibili che ritorni con l’arsenale di donne scarico e in ginocchio da noi – la cosa più stupida dell’Universo accade. Lui ritorna. Vi dirà _ sei stata tua farmelo fare, oppure è quello di cui avevi bisogno , oppure ancora, sai non ero sicuro di noi, oppure, non mi hai mai capito, oppure perché pensi sempre male volevo solo stare un pochino per conto mio (tipo tre anni …hahaha!!)
L’amore ci unisce tutto nella banalità quotidiana. Possiamo essere ricchi, importanti o molto poveri che l’amore appiana tutte le divergenze di categoria e rende tutti, praticamente tutti degli idioti smarriti e senza mappa in territorio selvaggio pieno di sintomatologie preoccupanti “tipo contagi da infezioni aliene” o peggio ancora “limitatezza di libertà” –
Il tuo splendido prende ora una sua forma. Quasi quasi lo perdoneresti, in fondo ha fatto il primo passo (si ma dopo che voi ne avete fatti cento inutilmente mentre lui era impassibile) – per la misericordia smetti di pensare con le sintomatologie da sfregamento- la sua unica forma è quella della biglia 8 del biliardo e le biglie hanno solo un compito in natura – insomma non potete insignire una biglia di parametri etico filosofici atti a decapitare quella fraudolenta aureola che si ritrova.
Esiste un momento di trionfo nella vita di qualsiasi perdente, questo è il vostro, non gettatelo all’aria poiché non si duplicherà. Lasciate perdere la bouillabaisse con tabelle zodiacali e cuspidi fronzolose nelle vostre Lune – ne avete già abbastanza.
Sedurre il maschio della specie umana è un’arte ed è prettamente femminili quindi è semplice: siate femminili, entusiaste, briose, eccentriche siate voi.
La seduzione non è un gioco semplice ma una tattica, è un piano di guerra “à la guerre comme à la guerre” sarete in battaglia, mai abbassare la guardia, mai pensare che il nemico si lasci conquistare, il nemico vuole vincere e anche facile. Nei videogiochi il nemico ha sempre le vostre stesse armi, anche armi peggiori ma vincerà perché non solo conosce perfettamente mappa, spawn ma avrà la perfetta e lucida convinzione di potervi battere. Le certezze sono quelle doppie lame che potrebbero favorirvi se umili. Quindi tattica. L’uomo non abbassa la guardia a meno che non voglia. Chi abbassa la guardia senza combattere è l’ultimo della catena alimentare, un debole ma non il vostro uomo.
Il Terreno è quello di sempre, la vita reale, il quotidiano; un pranzo, una cena, un aperitivo, un incontro casuale con molti amici. Come comincia l’attacco?
La vostra femminilità sarà percepita da tutti. Le donne la considereranno una sfida mentre gli uomini vi degneranno di costanti e curiose occhiate. Quindi la seduzione?
FEMMINILITA’! = dolcezza, garbo, eleganza, semplicità, umiltà, onestà. Siate sincere con voi anzitutto.
Come usare le vostre armi in battaglia.
Ci occuperemo dello splendido in un secondo tempo, ma prendiamo il vostro score. Siete l’apertura del Arrival to Earth dei Transformers. Siete appariscenti ma mai volgari. Sappiate che il vostro passato è un costrutto di ricordi, di azioni, di scelte, di sbagli, di fenomenologie e geometrie uniche nell’Universo quindi sono la chiave e voi gettereste questa chiave ib strada affinché un chiunque la raccolga? Credo che no, non lo fareste. Il vostro obiettivo ha un solo slogan “Pazienza.” In amore la frase batti il ferro finché è caldo non esiste, in amore ci vuole pazienza, ascolto, comprensione e accettazione e affinché non sia un monologo, sono leggi per entrambi le parti.
La femminilità è un ormone “Naturale Watson!” ok non ho scoperto l’acqua calda ma non denigrate questo asse primitivo di attrazione perché è vero che l’intelligenza è uno scettro d’oro ma ahimè per qualunque maschio “organicamente a posto” resta un bastone secco se non v’è bellezza e bellezza intesa come prima intuizione che loro hanno, la primissima volta che vi mettono gli occhi addosso. Lo scettro è quella cosa o aura che parla di voi in positivo ma non è ciò che si rende indispensabile quando state negli occhi di un uomo. L’uso del vostro corpo prima delle parole parla per voi. La postura, il modo con cui usate le mani, le espressioni del volto, le labbra se costantemente in un sorriso o imbronciate, la postura delle gambe, il mento insomma ogni cellula di voi parla di sesso e il modo se nobile o volgare – viene recepito dallo splendido in meno tempo di un battito di palpebre. La trasmissione dati nella sessuologia è molto veloce ma noi vogliamo più del sesso e onestamente, siamo donne, il sesso fine a se stesso non ci basterebbe anche perché per soddisfare solo una di noi al bel patatroppo, servirebbero settimane o meglio mesi da passare chiuso in una stanza … (spiacente spazzare la convinzione maschile che la sveltina sia piacevole). Noi a differenza maschile, possiamo sommare emozioni e sensazioni molto più complesse, nell’incotro amoroso, sensazioni che si sviluppano in intensità e soprattutto in Tempo, ma vallo a raccontare ai muri ha, ha, ha, ha …
Come procedere?
Voi non siete creature che si alzano dal letto già con la messa in piega. Direi l’opposto. I mostri dei cartoni animati diventano quella figura che vedrete nello specchio di primo mattino. Siate coerenti. Non bullizzatevi, siete normali con o senza botox o silicone siete femmine. Piacere come dicevo è un’arte. Se siete depresse e il vostro lavoro non vi soddisfa, abbiamo già un problema. Il “come check” da parte dello splendido sarà lento o meglio assente – finché non sarete entusiaste di voi, non lo vedrete sul vostro radar. Quindi uscite di casa convinte che la vostra vita anche se non è nel regno dei blasonati, ha un suo senso. Siate soddisfatte e dispensate il sorriso come moneta corrente. Siate dolci con voi e provocatorie, il rischio e l’azzardo sono armi bianchi e l’uomo oltre che tentato va messo alla prova. E’ lui? Non possiamo saperlo, ma le prove portano dei fatti e i fatti delle risposte. Voi volete le certezze? Le certezze sono utopie mie care fan del “happy end”, anzi vi dirò che una volta catturato il vostro splendido Principe Tenebroso non è detto che restiate innamorate di lui per sempre … e se domani incontraste qualcuno di meraviglioso che vi farà perdere la bussola, il controllo della ragione e darà un nuovo significato alla vostra vita, lo rifiuterete? Beh ecco che le certezze diventano dubbi … quindi restiamo in guerra per portare a casa il nostro “incrollabile guerriero”.
Dolcezza. La dolcezza è un fondamento della femminilità. La tenerezza invece appartiene a entrambi i sessi. Siate e date quello che vorreste riceve e vedere. Non datevi per scontate, nulla da raccontare in più ma lasciatevi scoprire. Più lui vorrà scoprirvi più questo interesse parlerà di un promettente futuro da amici … da innamorati o da amanti.
Voi non gridate. Ricordatevi che gli uomini conoscono benissimo il concetto di aia e la “gallinaggine” per loro limitata conoscenza serve solo a “brodo”. Non siate tortuose ma in salita. Le Principesse non esigono nulla, ci deve essere rispetto a prescindere per voi e la relazione parte da come la imposterete i primi minuti. Non lasciate che abusi dello spazio fra voi. Siate limitate nei confini. I confini sono cime come l’Everest che lui dovrà fare una fatica dannata a scalare e vedere le meduse volanti una volta arrivato in cima. Niente Starbucks sul percorso, lasciatelo faticare, lasciatelo senza fiato e risolute. Pensate che una volta sposato il vostro splendido sarà addomesticato????????? Haaaaa, hahah. Nope! Ancora non avete visto il pancione e la depressione post parto. Quando per anni vi sveglierete di notte perché siete prima mamme che compagne, al pianto del bimbo malui, geloso, capriccioso più dell’infante si sentirà abbandonato perché nelle vostre forze una volta sovrumane non ci sarà più quella di indossare “quel completino sexoso” da fargli fare maratone mentre voi penserete: alla lavatrice, alle camicie da stirare, al bimbo da portare dal pediatra, alla spesa, alle bollette, ecc … ecc. Quindi mai dire gatto anche quando ce l’hai nel sacco. Voi però mi direte, Jacqueline io voglio il per sempre e a malincuore vi accontenterò suggerendovi un piano.
Ricordate che è maschio? Sì? Sapiens sapiens? Sì. Ok ma lui ogni mattina si alza con problemi già in partenza. Non solo ha parti del corpo che necessitano maggiori attenzioni ma questo avviene indipendentemente da chi è innamorato. Non sarete sempre nelle sue fantasie e logicamente nemmeno lui nelle vostre. Diventatelo! A qualunque costo! Diventatelo! Fatevi desiderare sempre e intensamente. Dategli qualcosina mai tutto, lasciatelo col dubbio che forse gli manca un pezzo del puzzle, sempre per tutta la vita. Come diventare interessanti. Con la pazienza, dolcezza e bellezza. Lo so che non siete voi ma non c’è altro stratagemma per vincere la guerra e vincere su tutte. Vi tradirà beh lo lasciate. Il piedistallo non è monoposto ricordatevi. Se avete percezione anche minima di piacergli e nonostante questo le sue mosse non sono ancora da all in per voi, passate la mano. Non tentennate sui valori, altrimenti avreste fatto le amanti no? La regola per le amanti è diversa. L’amante non ha proprio spazio e tempo nel suo cuore, l’amante è un qualcosa che si basa in primis su relazione intima che poi questa diventi seria? Possibile ma improbabile. Improbabile per il valore con cui è stata concepita la relazione … ma mai dire mai, no?
Il vostro splendido non è che una costruzione di reticolati atti a reggere un pesante edificio di orgogli. Non è un filantropo. Fa per avere. E’ un uomo. vuole, esige, pretende in base alla richiesta del suo testosterone in primis e della testa in secundis (ahimè!). Vi regala fiori di cavolfiore pensando “ecco sono stato l’unico a farlo” mentre la sua migliore (hahahaha) amica lo chiama in macchina con voi presenti? Vi sentite comprate perché ha intuizioni quasi femminili? Non ci cascate. Lui è ciò che voi volete che sia. La porta deve essere la costante di riferimento. Il suo orgoglio non deve e mai superare il vostro. Deve cedere. Quando cederà? Quado sarete l’unica di cui avrà bisogno. L’unica di cui fidarsi. L’unica con cui confidarsi e l’unica di cui non avere paura di essere ABBANDONATO. tutti gli uomini maschi (davvero tutti) hanno paura dell’abbandono più della donne. Questa tesi arriva da una dipendenza che il feto ha con la madre ed è naturale che il rapporto tra i due diventi anche un pochino materno o paterno – alla fine ci si prende cura l’uno dell’altra, giusto?
I capricci del vostro innamorato saranno regolati non solo dal vostro umore con costante di dolcezza (questo infatti significa che se avete il ciclo e avete mal di pancia – quel dolore dovrà essere condiviso altrimenti lui può uscire col suo fenomeno fuori dalla vostra vita) ma anche dalla vostra volontà di assecondare i suoi piani che “misericordia divina” non sono spesso quelli dove vi apparirà con due biglietti in mano per Parigi ma molto più spesso che frequente, quelli per la partita.
I film sono film. Loro lo sanno. Loro lo hanno sempre saputo che cediamo per prime – e se per caso lo farete, lasciate sempre il dubbio. A un certo punto lui non avrà paramenti di paragone e voi sarete voi, in bene e in male. Non vi potrà mai e poi mai paragonare a una delle tante, alla sua amica, a sua mamma, a una ex, sarete un alieno di cui anche se non ben accetto sarà già innamorato. Innamorarsi non sempre porta l’accettazione. Insomma private un Alpha della sua libertà e parliamone. La sua libertà è un simbolo di vita. Certo che si sogna accasato con una bella famiglia Mulino Bianco ma non in quel momento e forse on con voi. Eppure voi siete costantemente quella che gli verrà in testa quando il pensiero accidentalmente arriverà alla famiglia.
Perché a tutti i coste vorrete sposare il Principe delle Tenebre? Non vi basterebbe una semplice convivenza? No?
Per quanto brutto, sfortunato o fortunato, un uomo cerca la sua Regina e dovrà essere bella. Sbaragliare la concorrenza. Bellezza signore e signorine care poi genialità da fare invidia a un qualsiasi Galeno. Dovrete sempre valere più del suo criceto in gabbia e per voi ma a sua insaputa, ricordate quesl “pezzetino del puzzle” eccolo! quello è vostro per sempre ed è la genialità con cui distruggerete la sua struttura reticolata per costruirvi un castello su basi completamente aliene e con materiale di cui non conosce nemmeno la struttura chimica. Certo che si appassionerà. Lui è vincibile solo sul suo territorio non sul vostro. Siete donne. Siete emotive quindi deboli, fragili, sensibili e dolci ma quando lui invaderà il vostro campo di battaglia in piena notte voi dovrete già essere nella tenda col nemico, nella sua casa, nel suo cuore, nella sua anima. Come??
Ecco io ho un segreto. E’ un pochino come la ricetta di famiglia di un ottimo piatto. Il vostro segreto? Sta a voi scoprirlo. Questo potrebbe svelarvi il perché della vita alla fine sia anche divertente nel periodo del corteggiamento che logora ma intriga, che fa incazzare ma poi fa ridere … se non da rtribolazioni significa che non v’è nulla per cui lottare e lottare fa parte dell’evoluzione della nostra specie.
Essere donna significa sapere combattere come un uomo quando e se necessario. Non vi capiterà doverlo fare più di un paio di volte nella vita ma nella Grande Guerra voi dovrete armarvi e assalire il campo nemico mentre il nemico penserà che avrete abbassato la guardia. Disorientato nel non trovarvi in casa lui penserà che avrete battuto in ritirata ma voi sarete lì con lui nella sua tenda, a vedere i suoi piani, a vedere quanto impeto ci mette nel combattervi. Sarete un pensiero più che costante, sarete un pensiero necessario. Cercherà la vostra mano odiandosi per desiderarlo e voi non ci sarete. Immaginerà di essere al vostro fianco a ridere per qualche stupidata e chiamerà amici “amiche” per sostituire il disagio ma nemmeno questo palliativo funzionerà perché più cercherà di cacciarvi più sentirà la mancanza del “piccolo pezzo di puzzle” mancante.
Mentre avrete la possibilità di tagliargli la testa – visto che siete in campo nemico e potreste fare tutto – abbassate le armi. Offrite la mano in segno di pace e andatevene. Tornate a casa. Non da eroine, non da vincitrici ma da forti. Non possiamo possedere l’anima di chi amiamo ma dobbiamo fare in modo che loro vengano a noi spontaneamente. Lasciate che le cicatrici di guerra guariscano, date sfogo alla vostra fantasia e entusiasmo. Vivete di verve. Imparate e espandete serenamente il vostro essere. Lui vi conosce. Lui sa di avere perso la guerra e se l’orgoglio non lo porta a voi, non avete perso molto. Un uomo innamorato capirà quando capitolare è un atto d’amore sincero e non d’onore. L’onore è una battaglia alla pari senza colpi bassi che in amore purtroppo si vede raramente.
Il rischio di averlo ai vostri piedi comporta il per sempre. Per sempre comporta un entusiasmo maggiore che a causa dei problemi dell’Occidente – scema sulle distanze. Quindi la seduzione dovrà essere costante, univoca e senza dico senza mai e poi mai la privazione della dolcezza. Non v’è più piacere in natura che il morire di morte dolce. Abbandonatevi al vostro crudele destino di felicità mentre lui continuerà a vedere meduse volanti in cima al suo Everest – una volta conquistato. Ricordatevi che il Principe delle Tenebre vi leggerà sempre nel pensiero ma questo fa parte del gioco … a voi ogni volta, fargli mancare un pezzettino di quel filo che gli da la certezza di possedervi.



J.C.M.DeSaint J
01
BizioG

BizioG

55 anni, Roma (Italy)

Le ferite si rimarginano , ci vuole solo tempo , ma si dimentica nulla.. se dimentichi .... non era amore.
20

tantonontelado

Sarò impopolare ma perchè dimenticare? Io voglio ricordare tutto: perchè sono stata infelice e perchè sono stata felice con lui. E poi voglio ricordarmi di me, delle mie esigenze, dei miei pregi e dei miei difetti, ma soprattutto voglio ricordare i miei sogni e ripartire da quelli, sperando di trovare qualcuno al prossimo giro, che voglia farne parte e realizzarne di nuovi. Insieme.
30
Francesco19465

Francesco19465

53 anni, Milano (Italy)

Se ti lascia 2 sono le cose ..o tu non sei alla sua altezza e con te si annoia, o ha trovato uno che ha + soldi di te
X la 1°a, non farci caso, x la prossima sarai migliore
X la 2°a, o te ne freghi o altrimenti, rapina una banca 😂 😂 😂
Dai, si dice che chiusa una porta, si potrebbe aprire un portone 😜
...l'unica difficoltà, è trovare la chiave 😂 😂 😂 😝
21
Secco78

Secco78

41 anni, Prato (Italy)

Essere lasciati fa davvero male,io ci son passato più volte,l’unico rimedio e’ conoscere altre persone e fare più cose possibili
20

Paolo-XxX

Gli amori passati non si dimenticano per tutta la vita, vengono solo offuscati da un nuovo amore ...
10

Mariella04

Se abbiamo chiuso una storia, e si diventa reciprocamente ex, (ovviamente), è per un unico motivo: l'amore, quello che ci illuminava lo sguardo, quello che ci faceva battere il cuore e ci permetteva di sorridere anche per strada, che ci faceva addormentare e risvegliare con la gioia di rivedersi, proprio quell'amore, che sembrava unico ed irripetibile, finisce, senza ma,senza se,senza un perché. Si dimentica l' ex nel momento in cui riconosciamo in qualcuno la vera emozione, torniamo veramente a credere nell'amore, ed un nuovo incontro, quello giusto, magicamente, diventa capace di cancellare un antico dolore..
10
Windsun

Windsun

51 anni, Avellino (Italy)

http😕/gif.co/szSc.gif
01
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

Come dimenticare...
..chi si fa annunciare dalla memoria..
in compagnia del passato..
e ti obbliga..
a sentire la sua versione..
ancora..e ancora..
..giustificandosi..
tener per sé ..parte di te.
...
Perché poi dimenticarla..
...
..per scambiare un vuoto per un altro..!?
un amore anche passato per una demenza..!?

..il miglior modo per dimenticarla.. è col ricordo..quello per ricordarla .. è cercare di dimenticare.
11
Massimo202

Massimo202

52 anni, Roma (Italy)

Ciao a tutti io sono massimo e da poco che sono iscritto a questa chat molto interessante ma quello che mi ha colpito molto leggendo i vostri commenti su quando la tua ragazza la tua compagna chiamatela come preferite voi voglio farvi notare e capire amare e la cosa più bella e stupenda del mondo purtroppo ci sono donne faccio un esempio che ne anche sanno di non avere la propria dignità loro non si fanno scrupoli o sensi di colpa pensano di essere furbe talmente insipide di non accorgersi che dentro la loro anima c'è soltanto una cosa il vuoto non anno sentimenti se tu soffri piangi perché ti sei sentito tradito vi dico questo perché ci sono passato da circa due anni fa e vi posso garantire che non esiste un grandissimo dolore come questo vi parlo della mia storia sono stato lasciato dalla persona che ho amato più di tutta la mia vita e che amo ancora sono stato così male che non sono più riuscito ad andare a lavorare mi sono chiuso due anni dentro casa non avevo più uno stimolo per andare avanti la cosa che mi fa impazzire si permettono di prendersi la cosa più bella che ognuno di noi ha dentro di sé i propri valori i propri sentimenti certo una storia può finire ma credetemi è uno schifo globale sono talmente coglione che mi sono fatto licensiare quando si ama non è un interruttore che si può spencere o accendere il dolore rimane sempre e ti segna per tutta la vita e rimane indelebile nel profondo del tuo cuore vorrei andare ancora avanti ma ho visto talmente tanto schifo che mi sento svuotato non lo auguro a nessuno di passare quello che ho passato io ma io sono fiero di essere quello che sono perché ci sono tre cose nella vita il rispetto la sincerità ma soprattutto il coraggio di essere sempre se stessi un bacione a tutti 😚 🌎
11
meca70

meca70

48 anni, Aosta (Italy)

Io credo che se è vero amore l'ho è per tutta la vita...si cerca di superarlo e andare avanti cambiando strada, e cercare di ricostruire una vita serena dipende molto dalla personalità della persona ma prima cosa bisogna pensare a se stessi.
10
SatiroInsaturo

SatiroInsaturo

39 anni, Alicante (Spain)

a colpi di pompino...
01

eltjonah_official

Se ami qualcuno, lascialo libero. Se torna da te, sarà tuo per sempre, se non lo farà non lo è mai stato.
Se ami davvero una persona, lasciala andare. Mi riferisco a chi è stato lasciato. Premetto che non si può dimenticare un amore.
A chi è stato lasciato e soffre per la mancanza del proprio amore, consiglio di raccogliere le forze e curare se stesso, così da comprendere che si può vivere anche da soli. Guardate oltre, quando qualcosa finisce è perché c'è altro di più grande in serbo per entrambe le parti. Solo con il tempo sarete capaci di romanzare il bello e trascurare il brutto delle vostre vecchie storie d'amore. Saranno i nuovi momenti vissuti, belli o brutti che siano, a colmare e insabbiare i vecchi.
201
Soleil1978

Soleil1978

40 anni, Alessandria (Italy)

Ripartire da se stessi è la chiave :quando si è in grado di amare se stessi in maniera incondizionata , allora questo permetterà alla persona di essere pronta alla Vera relazione, e con il tempo, di comprendere che in fondo l'ex la aiutata a crescere.
60

Vane0770

usare il suo nome come password funziona!!! ;P
00