Essere Se Stessi, Come Riuscirci sempre

Essere se stessi: l’equilibrio perfetto tra noi e ciò che ci circonda. Come esprimersi per ciò che veramente siamo e produrre risultati unici ed irripetibili?

Cercare di essere se stessi, è la frase che sentiamo ripetere più di frequente e probabilmente è il consiglio più popolare.

Non solo lo suggeriamo ad un amico o ad un figlio, per spronarli a superare incertezze e difficoltà ma, lo ripetiamo anche a noi stessi, al profondo del nostro essere come se fosse un mantra.

Ma cosa significa davvero questa affermazione?

Non esiste una sola risposta corretta né un’unica interpretazione perché essere se stessi è semplicemente un fatto, una condizione, o lo si è oppure no.

Solitamente, l’esortazione serve ad incoraggiare gli altri a raggiungere questa condizione, invitandoli a trovare il coraggio di essere se stessi, oppure ad essere sicuri di se stessi o ancora, ad essere consapevoli di se stessi. Intuiamo quindi che la condizione di essere se stessi è desiderata e auspicata ma non sempre raggiunta.

Chi non riesce ad esprimere se stesso è bloccato o frenato, percepisce ostacoli tra se e la possibilità di sentirsi libero. Gli ostacoli sono esterni ma anche interni. 
Spesso i blocchi derivano dalle paure, dai condizionamenti che ci impediscono di lasciare spazio al nostro potenziale, reprimendo emozioni e desideri, finendo a volte per vivere in modo artificioso e interpretando ruoli che crediamo possano renderci felici.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

L’ostacolo maggiore è quasi sempre quello del superamento dei condizionamenti che riceviamo fin da piccoli e che ci spingono ad una sorta di omologazione collettiva.

Questo non significa che tutti gli esseri umani tendano ad uniformarsi ma, in generale, le società si stratificano in gruppi più ridotti che sviluppano un forte senso di appartenenza dato da alcune similitudini o da comportamenti codificati o da canoni comuni dell’apparire. Le ragioni sono tanto banali quanto radicate e risiedono nel senso di sicurezza che gli uomini provano frequentando persone che riconoscono come simili. A tutto questo possiamo aggiungere il fatto che, doverci confrontare con persone diverse da noi spesso causa frustrazione per l’incapacità di scendere a compromessi, allora è più semplice imporre il proprio stile di vita al maggior numero di persone possibili così che possano diminuire i conflitti.

Le grandi campagne di influenza collettiva provengono dal marketing che ha come obiettivo proprio quello di convincere un pubblico sempre più ampio, di doversi dotare di un certo prodotto. I messaggi sono semplici, quasi basici e proprio in questo risiede la grande forza di persuasione che contengono. I modelli che ci vengono proposti dai media sono l'incarnazione di persone praticamente perfette, sempre felici, con vite soddisfacenti e prive di apparenti problemi.

Ma nessuna vita reale corrisponde a questi canoni e così, ci sforziamo di assomigliare a personaggi della fantasia con il risultato di rifiutare la nostra realtà e di essere sempre e comunque insoddisfatti ed infelici.

Fin da bambini sviluppiamo questi comportamenti creando o scegliendo gruppi di amici ed escludendone altri. Chi ha il ‘privilegio’ di appartenere al gruppo, in qualche modo, accetta di aderire ad uno standard rinunciando ad un parte dell’essere completamente se stesso in cambio del consenso, dell’appartenenza e dell’accettazione sociale. Via via, crescendo, queste piccole rinunce si stratificano, trasformandoci in una persona diversa dal vero se stesso, spingendoci fino al punto di guardarsi un giorno allo specchio e vedere riflessa un’immagine che non sembra appartenerci veramente. 

La coscienza del vero io a volte si risveglia, in momenti particolari della vita, a causa di una forte delusione o in corrispondenza di fasi critiche dell'età adulta. In tutte queste situazioni, una voce dal profondo si solleva e inizia a chiederci il permesso di uscire. In quei momenti, il vero se stesso, cerca di riprendere il controllo della propria vita e sta a noi trovare il coraggio di lasciarlo uscire.

Vediamo come.

Come Essere Se Stessi 

Se crediamo fermamente nel valore di essere se stessi e troviamo il coraggio di porci l’obbiettivo di riuscire a sconfiggere la finzione, ha inizio un percorso che può essere paragonato ad un’avventura, il cui titolo potrebbe essere: alla scoperta si se stessi.

come essere se stessi  

Presto, ci troveremo di fronte alla prima domanda, come ritrovare se stessi?

La domanda è già un passo avanti perché presuppone l’aver compreso di essersi smarriti. Abbiamo perso la nostra essenza strada facendo e per ritrovarsi è necessario camminare ancora, guardare sempre avanti ed avere fiducia.

Per trovarci dobbiamo lasciare andare qualcosa, ad esempio, lasciar andare la paura di essere se stessi. Le paure risiedono spesso nel giudizio degli altri ma anche nel giudizio a volte troppo severo su noi stessi.

Essere in pace con se stessi è il primo passo. Lasciamo andare tutti quei ‘vorrei essere’ che negli anni ci hanno fatto disamorare di ciò che siamo. L’accettazione delle nostre caratteristiche, sia fisiche che caratteriali, è fondamentale.

Ci sono in commercio molti libri che trattano l’argomento e suggeriscono tecniche su come essere sicuri di se stessi, soprattutto considerando un ambiente circostante che crea spesso insicurezze ed instabilità e mette in discussione ogni nostra certezza. Un buon libro può essere di supporto a condizione di essere profondamente convinti e pronti a ricominciare. La strada per ritrovare la libertà di espressione potrebbe essere un po’ in salita, si sa che in fondo, anche nella recita che abbiamo magistralmente portato avanti per anni, ci sentivamo sicuri, tutto era previsto e prevedibile. 

Ora invece si va verso l’ignoto.

E che dire delle persone che ci circondano? Come reagiranno trovandosi di fronte qualcuno che sembra improvvisamente diverso? Essere sicuri di se stessi psicologia vincente ad ogni costo?

Il prezzo potrebbe essere molto alto, sarebbe bene ponderare i costi e fare scelte che siano sostenibili per non dover rinunciare all'obiettivo.

Provare ad essere sicuri di se stessi significa scendere nel profondo, osservarsi, analizzarsi e chiedersi continuamente cosa ci fa stare davvero bene.

Il paradosso che abbiamo creato in tanti anni di simulazioni, consiste nell’essere chiusi in stessi ma in un ‘se stesso’ sbagliato!

Questo è l'ostacolo maggiore da superare.

Come Essere Più Sicuri di Se Stessi

Se abbiamo compreso quanto sia importante ritrovarsi, per vivere una vita davvero appagante e soddisfacente, che migliora le relazioni con gli altri sia a livello personale che professionale, siamo a metà strada e ci manca un metodo efficace per capire come essere più sicuri di se stessi.

come essere più sicuri di se stessi

E’ un po’ come fare training, dobbiamo rieducarci ad un approccio consapevole e maturo con l’obiettivo di essere centrati su se stessi.

Ora che abbiamo individuato un nuovo obiettivo: essere se stessi, è necessario costruire un progetto per raggiungerlo.

Possiamo provare a tracciare degli obiettivi intermedi, superando di volta in volta i piccoli ostacoli che ci separano dal risultato e che visti tutti insieme mettono in evidenza solo gli aspetti negativi e tutta la fatica di essere se stessi.

Proviamo ad elencare alcuni semplici passaggi che aiutano a focalizzare i blocchi da superare:

Non è fantastico essere fieri di se stessi? Questo è tutto quello a cui abbiamo rinunciato per la paura di correre qualche rischio. Ma d’ora in avanti non ci faremo più ostacolare da nessuno e guarderemo al mondo con uno sguardo nuovo, più consapevoli, ma soprattutto più felici.

212 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Elita1

Elita1

55 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Ci vengono a dire come riuscire ad essere se stessi . Ahahahahah
Sono la rappresentazione della spontaneità, impulsivitiva, senza peli sulla lingua in ogni circostanza e fuori dal coro modestamente.
Tutte qualità, a secondo dei punti di vista, che non vengono gradite.
Ma chissenefrega.

"Preferisco morire in piedi, che vivere una vita in ginocchio" ( cit.)
Ed io aggiungo :a leccare le terga ed apparire ciò che non si è .
21
morfinia

morfinia

38 anni, Torino (Italy)

Non vorrei mai appartenere ad un circolo che avesse come membro una come me.... 😳
12
Dolcechiarore

Dolcechiarore

57 anni, Pescara (Italy)

La cosiddetta "diplomazia" nei rapporti interpersonali blocca la spontaneità. I capi non vogliono sentirsi dire le cose come sono, gli amici tendono ad essere permalosi, i conoscenti evitano. Essere se stessi ha un prezzo da pagare, ma appaga gli spiriti forti, quelli che non scendono a compromessi, non strisciano.
22
FrancyOFrancy

FrancyOFrancy

53 anni, Milano (Italy)

A volte, essere se stessi è controproducente ma, se stessi con gli amici, si sempre si ha da essere
01
Simon0574

Simon0574

44 anni, Modena (Italy)

Per questo io non ho nessuna difficoltà.
Infatti a forza di stare per conto mio mi sono più che ritrovato. 😁
11
esiodo

esiodo

56 anni, Roma (Italy)

IL'essere se stessi si caratterizza per il ribaltamento della logica preesistente in una visione organica e ricondotta ad unità, questo ci rende fattibile la realizzazione , e concretizzando in un'ottica preventiva e non ex-post la trasparenza di ogni atto decisionale ,solo cosi' si ottiene un giusto equilibrio tra l'essere se stessi e la realta' che ci circonda
02

Michela1260

"Si migliora per qualcuno e non si cambia per nessuno" 😜 😉 😉 😉 😉
01
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

C'è sempre qualche furbone che, pacca sulla spalla, dopo pacca sulla spalla, ti dice che, devi essere te stesso..... Fintantoche', questo, coincide con i suoi parametri di riferimento.

Però, se ti azzardi ad esserlo per davvero, al di fuori dei suoi comodi, sono dolori.
E allora, il suo mantra, sarà :"devi cambiare!!".

Comoda, l'ipocrisia, vero?
42
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

.. è un continuo compromesso..
11
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

40 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Meglio essere sempre noi stessi e apprezzarci per come siamo. È inutile essere per quelli che non si è.
61
Ani79

Ani79

39 anni, Foggia (Italy)

Essere se stessi.....nn è cosa da tutti.........sempre in ogni luogo....
Anzi in tutti luoghi in tutti i laghi...
Hola hola hey
Is hola hola hey
Is hola hola hey
Is hola hola
Buongiornooooooooooo
Hola Col Quore
Baci stellariiii
Nevvero????!!!!!
😊😉😘🤷‍♀️🙋‍♀️❤🤗😛😎🤓🤭🤭🤭🤭😁😁😤😤🙏🙏🙏🙏🙏
42
Lisianthus_77

Lisianthus_77

41 anni, Roma (Italy)

Io sempre me stessa.. nel bene e nel male
06
pippoleo2019

pippoleo2019

42 anni, Agrigento (Italy)

per la serie sei io sono io e tu sei tu chi è piú falso io o tu?
Tutti ci alziamo e indossiamo una maschera viviamo in un perenne carnevale poi finalmente torniamo a casa e se hai la fortuna di stare solo incontri finalmente te stesso🤗 che sorridendo ti dice " Minchia quanto sei stato falso"😂😂😂😂
23
umtol

umtol

47 anni, Isernia (Italy)

ieri dopo tanti anni qui ho ricevuto un invito in chat da una donna, presumibilmente molto timida ma poliglotta visto che mi ha scritto una sola frase in inglese. Ma in quell'unica frase c'è tutto quello che un uomo sogna di sentirsi dire e cioè " puoi vedere le mie foto come mamma mi ha fatta 😋 non qui ma su un altro sito ". Ma che ve faccio a voi donne, beh di solito vomitare ma a quanto pare esiste qualche temeraria 😂 😂 😂 ora vi chiedo un consiglio, che faccio vado a vedere ste foto che ovviamente saranno bellissime e chissà ci scappasse pure una storiella oppure no ?
😎 😎 😎
05

Sguazzo

mhuuhhuhahhaa, nel periodo del ricondizionamento, dove quello rotto viene buttato per uno nuovo, cosa ce ne facciamo di una nostra identitá quando questa può essere scaricata da internet? Perchè dovrei farmi venire il sangue amaro quando posso cambiare canale? Perchè ribellarsi e lottare? Vite da branchi organizzate in flussi migratori stagionali. Noi stessi? ci è vietato esserlo, il prezzo? Perderesti il lavoro, la figlia, la famiglia, tutti i tuoi averi per essere te stesso, per raggiungere la piena consapevolezza? i soldi ti appartengono come concetto, di chi è il brevetto? A che gioco giochi? Medico dell'800 o psicologo del 2000 cosa fa delle tue certezze il tuo essere? ci illudiamo di essere qualcosa e questo è il primo errore, come nella piú banale quantistica noi esistiamo solo se c'è qualcuno che ci osserva, da qui il rispetto per l'altra, l'amore, i poli e la consepevolezza. Purtroppo questo concetto ha creato osservatori digitali, fantocci, droni, finte platee, illusioni di spettacoli e streaming via etere. La generazione delle views e dei pollici in culo sempre in su! Il sistema non riuscirá a sorreggersi e la saturazione è imminente. Hanno controllo su tutti i dati e la pubblicitá che ti arriva sul cellulare è guidata da un algoritmo che ti ISTIGA ad essere chi sei! vuole che tu dia sfogo al tuo essere pagandolo! l'obbiettivo è una mente alveare mossa da 4 righe di codice. Chi è disposto a morire di fame? Chi banchetterebbe con le loro carni? chi ha dato le regole e chi non le rispetta? Cosa significa regola? chi ha inventato le parole? Mentre sali sulla tua macchina ti viene il pensiero che ogni volta che l'accendi stai contribuendo ad un ingranaggio autodistruttivo? Cosa differisce oggi dall'800 con i bambini deformi in miniera? il tuo cellulare? si te stesso e indossa la tua maschera ominide di plastica che vuoi ancora impestare il mondo con la tua presenza e lotti per dare l'opportunitá ai tuoi figli di avere un'arma piú affilata del loro futuro avversario! come puoi essere felice di respirare le polveri sottili, come puoi aver deturpato gli orizzonti donandogli il grigio! come puoi aver voluto cancellare le stelle nel cielo per illuminare la tua faccia di merda? tu perchè tu sei un ammasso di tu senza identitá e per ucciderti allora si che i proiettili in bastano ma devo sganciare bombe atomiche! Se stessi? il successo arriva solo quando tu vendi te stesso e diventi lo stereotipo, il cittadino! .... concludo distruggendo ogni societá, ogni valore e ogni vostra merdosissma veritá: un uomo che uccise migliaia persone si giustificò dicendo che stava solo eseguedo degli ordini.
13