Gelosia Ossessiva, Patologica o Retroattiva: Come Superarle?

La gelosia può avere diverse sfumature, ma può essere considerata una forma d'amore? E come combatterla quando si trasforma in ossessiva o retroattiva?

Che cos’è la gelosia?

La gelosia è probabilmente uno dei sentimenti peggiori che sia possibile provare, al punto da essere considerata, assieme all’invidia ed alla rabbia, la sensazione peggiore che possa guidare il pensiero umano e le azioni di ognuno di noi.

Ma amore vuol dire gelosia?

Sebbene sovente questa sia considerata come un segno d’amore, in realtà questo non è affatto vero, considerando gli effetti nefasti che questa può causare all’equilibrio ed alla stabilità di una coppia, che sia di recente nascita o di lunga o lunghissima data.

Inoltre, i recenti articoli di cronaca nera tendono a confermare che la gelosia sia tutto fuorché un qualcosa di lontanamente associabile all’amore.

Il vero significato della gelosia potrebbe essere più affine all’ansia, alla paura ed al timore di perdere qualcuno, di non essere abbastanza: per questo motivo, potremmo dire che il rapporto tra amore e gelosia non è mutualmente esclusivo, ma estremamente travagliato, sebbene spesso si senta dire che le persone che sono profondamente innamorate diventino estremamente gelose per questioni tutt’altro che importanti.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Ci sono molti problemi causati dalla gelosia all’interno di un rapporto, e molti terapeuti coniugali hanno individuato una serie di cause che possono portare chiunque a provare un’irrefrenabile gelosia nei confronti del partner, quali:

Questi sono solo alcuni dei fattori che afferiscono la gelosia, rispetto alle proprie insicurezze: in questi casi, non è l’amore a parlare, ma la gelosia ed il timore di perdere il partner tendono a prendere sempre più spazio nel modo di vedere l’altro in una relazione.

Indipendentemente dall’età, chiunque può dire di aver provato almeno una volta un sentimento come la gelosia nei confronti del proprio partner, oppure di quella persona che si potrebbe definire come l’oggetto del nostro più recondito desiderio.

L’importante, in ogni caso, è comprendere quale sia il limite da non superare per quanto concerne la gelosia: c’è differenza nel vedere la persona che ti piace accanto a qualcuno che detesti e pensare che tu sia meglio di lui, rispetto al progettare un’azione estremamente cattiva per metterlo in cattiva luce, ed aver modo di essere notato da chi ha destato il nostro interesse più profondo.

Passiamo in rassegna i vari tipi di gelosia.

Iniziamo.

Gelosia Ossessiva e Patologica

Come detto prima, chiunque di noi può provare un sentimento come la gelosia, anzi, si dice che in una relazione la gelosia debba essere un minimo presente, affinché l’altra persona capisca che teniamo a lei.

gelosia ossessiva

Una sana gelosia dice ai nostri familiari, partner e amici: "Tu sei importante per me e non vorrei mai che succedesse qualcosa di brutto alla nostra relazione".

La gelosia è figlia dell’orgoglio ma si spaccia per sorella dell’amore, e come può essere un minimo sana o normale, c'è anche quella ossessiva: questo disturbo è chiamato gelosia patologica.

La maggior parte dei casi di gelosia patologica noti sono quelli tra coniugi. Una persona patologicamente gelosa si aggrappa all'idea delirante che il proprio partner sia infedele senza preoccuparsi se ci sono prove a sostegno di questa conclusione.

Una persona che soffre di questa forma di gelosia morbosa crede di essere il padrone del suo partner ed è ossessionato dall'osservare, seguire e cercare prove a sostegno delle proprie tesi. Coloro che soffrono di questa forma di gelosia psicologica morbosa, vivono una condizione estremamente difficile, per cui servirebbe un supporto o un aiuto, perché quando arrivano a dubitare del partner dubitano in realtà di sé stessi.

La gelosia morbosa tende a manifestarsi indifferentemente sia negli uomini che nelle donne; tuttavia, risulta essere più comune e più pericolosa nel caso dei primi.

A differenza della normale gelosia, la gelosia patologica può durare per anni e devastare la psiche di coloro che ne soffrono. Le persone patologicamente gelose si concentrano spesso su eventi irrilevanti, accusando il proprio partner di infedeltà e non sono disposte a cambiare il loro punto di vista, anche quando vengono loro mostrate prove logiche che smentiscono ciò per cui accusano il partner.

Nei casi peggiori, la gelosia morbosa porta anche a diventare violenti, sviluppando disturbi paranoici, dando vita ad un vero e proprio dramma della gelosia, con psicosi o disturbi ossessivo-compulsivi. Nei casi più cronici, il partner patologicamente geloso arriva all'estremo di diventare violento con il loro partner e/o il presunto amante.

È anche comune per le persone patologicamente gelose cercano di ferirsi. Ciò accade generalmente agli individui con personalità paranoiche o, a volte, è accompagnato da qualche altra psicosi o disturbo, ad esempio il disturbo ossessivo-compulsivo.

Gelosia Retroattiva

La gelosia retroattiva, spesso definita anche come gelosia retrospettiva, o gelosia retrograda, basata su pensieri lesivi riguardo al passato del proprio partner, o a storie sessuali passate vissute dalla persona che ci sta accanto.

gelosia retroattiva

Può presentarsi indistintamente sia negli uomini, in tal caso di parla di gelosia retroattiva maschile, che nelle donne, in quella che prende il nome di gelosia retroattiva femminile.

Alcune persone sono turbate dal fatto che il loro partner abbia attraversato una fase della propria vita in cui vi siano stati più amanti: per questo motivo, la gelosia retroattiva spesso può essere definita più facilmente con il nome di gelosia del passato.

Questo tipo di gelosia scaturisce nell’immaginare la propria metà in svariate situazione legate al passato:

  • impegnato in diversi tipi di comportamento sessuale;
  • ha avuto più partner sessuali;
  • sia stato profondamente innamorato e impegnato con un'altra persona;
  • abbia baciato un altro ragazzo quando questi era molto giovane.

La gelosia retroattiva di solito comporta pensieri intrusivi e indesiderati, con risposte emotive altamente cariche negativamente, riguardanti il passato di un partner.

Manifesta spesso una natura ossessiva e compulsiva: chi soffre di gelosia retroattiva tende a divenire rapidamente preda di un ciclo di pensieri ossessivi, emozioni autodistruttive, azioni sconsiderate e irrazionali, fino a provare disgusto per sé stesso.

Coloro che soffrono di gelosia retroattiva tendono ad inquisire il proprio partner con una serie di domande sul passato, ripetendo gli stessi pensieri gelosi e strutturando idee irrealistiche nella propria testa all’infinito, crogiolandosi nel dolore di questi pensieri, anziché combatterli con tutti i mezzi possibili, anche chiedendo un supporto psicologico.

Vediamo quindi come vincere la gelosia.

Come Combattere la Gelosia?

Come detto in questo articolo, la gelosia diventa un problema nel momento in cui si manifesta in una delle sue forme peggiori, come la forma patologica, quella morbosa ed ossessiva, oppure quella per il passato del partner.

come combattere la gelosia

Ma come superare la gelosia, e come gestirla?

Ecco alcuni piccoli consigli per comprendere come controllare la gelosia:

  • Riconosci la tua gelosia: ammettere di avere un problema è il primo modo per risolverlo: non serve preoccuparsi di parlare di qualcosa che arriva a lacerarti con la persona che suscita in te queste emozioni. Parlarne potrebbe aiutare a comprendere qual è la reale motivazione che si annida dietro questa gelosia.
  • Impara dalla tua gelosia: come gestire la gelosia se non imparando di più sulla stessa? Conoscere il proprio nemico rende decisamente più facile affrontarlo: dopo aver riconosciuto di avere un problema, serve prepararsi per batterlo. Se sei geloso per un determinato motivo, una volta individuato, parlare con la persona legata a questa emozione potrebbe essere utile ai fini della soluzione. Se l’altra persona tiene a te, potrebbe cambiare atteggiamento, o aiutarti a razionalizzare la situazione. Potresti arrivare ad abbandonare quella sensazione di disagio, comprendendo che non fa bene a te stesso.
  • Gestire le proprie emozioni in modo sano: la gestione delle emozioni potrebbe essere la base per risolvere il problema della gelosia, così come la soluzione per molte altre difficoltà emotive. Per controllare la propria gelosia, molti psicologi sostengono altri metodi oltre al dialogo, come la scrittura, la musica e lunghe passeggiate.
  • Ricorda ciò che ti rende una buona persona. Chi fra noi non ha dei pregi e dei difetti? Perché la gelosia è una reazione normale, ma per vincerla, dopo aver riconosciuto ciò che sta succedendo, approfondire sé stessi potrebbe rappresentare una soluzione valida: ricordarsi ciò che ci rende delle persone buone potrebbe portare ognuno di noi a razionalizzare la gelosia e a controllarla.

Sei una persona gelosa? Cosa fai per gestirla?

43 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Petitfleur52

Petitfleur52

66 anni, Reggio Emilia (Italy)

Ci pare di esser gelosi se amiamo e perchè amiamo. In effetti si tratta di paura di perdere, e questo si manifesta se all'altro ci teniamo davvero, altrimenti, orgoglio a parte, non ci importa di quel che fa.
Però ho sperimentato che, nel momento in cui si ama davvero, si può riuscire a superare la gelosia : la cosa non viene da sola, ma ci si può riuscire. E perchè?
Beh, perchè vogliamo che l'altro stia bene, sia felice, non si senta oppresso dalle nostre ombre, e perchè vogliamo aggiungere anzichè togliere.
Devo anche dire però che sono riuscita in questa operazione su me stessa con un uomo solo.
Ma resta il fatto che la gelosia come sentimento è destabilizzante e bisogna combatterla. O, in alternativa, lasciare chi non ci dà certezze per non farci del male. 👣
00
timidocurioso

timidocurioso

38 anni, Potenza (Italy)

..tenerci..
..e non poterlo dimostrare..
01
mandrake0972

mandrake0972

46 anni, Varese (Italy)

Io non ho mai conosciuto la gelosia
00
Mustaine

Mustaine

46 anni, Roma (Italy)

Buona domenica. Sono impegnato ai fornelli a casa del babbo che ha deciso di tornare dopo ben 4 mesi di vacanza trascorsi tra le spiagge nostrane, quelle caraibiche e americane (beato lui!): giustamente avendo il freezer vuoto mi ha convocato per cucinare...vabbè, ma che devo fa? Lo devo mannà a quel paese come cantava Albertone?
Comunque, riguardo l'articolo giornaliero...magari a trovarla una donna di cui essere geloso!!! Vuol dire che non solo vale ma che si fa anche desiderare.
Se c'è fiducia e rispetto perché essere gelosi? In genere, infatti, non lo sono.
Ma quante donne conosco che si divertono, di proposito, a far ingelosire i propri compagni. Va bene che alla donna piace essere desiderata però Dio, o chi per lui, ci scampi se poi qualcuno affibbia loro epiteti poco edificanti. Di sicuro c'è chi ci soffre patologicamente. Peggio ancora chi considera il proprio compagno/a come una proprietà: ripeto, rispetto innanzi tutto...e non tradire la fiducia altrui, perché poi è difficile, se non impossibile, riottenerla nuovamente.
Buon pranzo.

Donne, vi ADORO tutte. 😘
51
Mauriziobg76

Mauriziobg76

41 anni, Bergamo (Italy)

Non sono una persona gelosa. Anzi penso che la gelosia sia una brutta bestia e alla lunga porta alla fine di un rapporto amicizia o amore...ognuno deve essere libero di vivere la propria vita e non sentirsi soffocato da qualcuno. Sta solo a noi cercare di tenere stretto il rapporto è non rovinare tutto. Se uno non si fida dell'altro tanto vale cominciare.
30
dimipunk

dimipunk

43 anni, Trieste (Italy)

Se la gelosia fa parte del tuo corredo genetico, puoi anche farti una tournée di pellegrinaggi per chiedere alla tipa in tunica bianca, velo azzurro e volto ebete di farti la grazia di farla sparire ma, sarà tutto inutile.

Con aiuto e consulti, forse, riuscirai a circoscriverla un po'.

Una beffarda domenica con Dimi l'avvoltoio.
11
Dairlewanger

Dairlewanger

42 anni, Piacenza (Italy)

Mai stato geloso.

🔥 boia chi molla
07

Jacopo11

Io alla fine non sono neanche una persona gelosa, per me una può andare con tutti
17
nell3

nell3

54 anni, Cuneo (Italy)

la gelosia non e' altro che un attaccamento morboso per la paura di perdere cio' che si ama....
basterebbe pensare che se uno vuole andarsene o tradire, la gelosia e' inutile, quindi perche' vivere e far vivere male? cosa cambia? sara' sufficiente che la controparte non menta per prendere una decisione su cosa fare di un rapporto cosi'....
questa e' saggezza dell'eta', una volta ero gelosissima 😝

buona giornata di sole...da domani pioggia , vado a raccogliere i kiwi, castagne e anche i pomodori verdi, oggi marmellata , io la trovo fantastica 🍯 🍅 😍
22
Ani79

Ani79

39 anni, Foggia (Italy)

😁 😁
Non è una forma d'amore
ne tantomeno si riesce a superarla....
Buongiorno e Buona Domenica Staff
🤗😉😊 😊 😊 😊
25
umtol

umtol

47 anni, Isernia (Italy)

sulla terra che scotta
sei scivolata e sulla testa hai preso una gran botta,
sotto il caldo afoso che avanza
sei svenuta ed ho dovuto chiamar l'ambulanza,
ehi dobbiam raccogliere i fichi io e te adesso come faccio dimmi,
sdraiata sulla barella
hai la bella idea di far venir ad aiutarmi da tua sorella
non mi hai avvisato però che era una gran porcella,
infatti manco 5 minuti che è arrivata
si spoglia nuda e mi dice ci facciamo una copulata,
essendo io un uomo molto retto
rifiutar tal proposta mi sembrava brutto,
e così dopo aver copulato
per riposarmi un po' ho acceso la radio e sull'erba mi son sdraiato,
mentre ascoltavo la canzone fiumi di parole dei Jalisse
all'improvviso arriva quella faccia da cinghialotto dell'Ulisse,
mi son talmente spaventato
che su quel brutto grugno un gran pugno gli ho rifilato,
ammazza come se arrabbiato
e tutto il mio povero fondoschiena mi ha morsicato,
ahi ahi ahi che dolor,
appena si è distratto un momento sono fuggito
ma dietro di me sentivo una gran caciara così mi sono voltato
e quel che ho visto mi ha terrorizzato,
oltre a quel disgraziato dell'Ulisse
ad inseguirmi c'era un intero branco di Molosse,
ho accelerato e dentro casa mia mi son rifugiato
e per ben 3 giorni mi hanno assediato
ma poi per stanchezza di sbranarmi han rinunciato,
per lo spavento sono rimasto chiuso in casa per un mese
sapete cosa vi dico a tutti quanti ma annatevene a quel paese,
all'Ulisse che mi ha fatto arrivare il sangue al cervello
con tutto il mio disprezzo gli faccio il gesto dell'ombrello tiè
😬 6⃣
18