All'interno di una coppia gli equilibri che si instaurano sono spesso insani, essi possono infatti creare una dipendenza dal partner e generare dei disturbi dell'affettività nei singoli individui. Il libro che vi proponiamo questa settimana affronta il tema della dipendenza affettiva dalla prospettiva di Nicola Ghezzani, che spiega come riconoscere tale patologia e come agire per poterla risolvere.

La dipendenza affettiva, quella strana miscela di amore, sofferenza e conflitto che caratterizza la vita sentimentale di molti individui e molte coppie, continua ad essere il disturbo dell'affettività più diffuso dell'epoca contemporanea.

Ne soffrono in modo palese un numero elevatissimo di donne devastate nell'anima da desideri, frustrazioni e conflitti; ma anche - in modo più silente - una quantità di uomini inconsapevoli del loro stato, perché la cultura corrente li descrive, sbagliando, come invulnerabili al sentimento, oppure come versati nell'arte della sopraffazione e della violenza a danno delle donne.

Questo libro spiega la natura del disturbo, in tutte le sue declinazioni, e rende giustizia al dolore di donne e uomini, accomunati da una forma speculare o complementare di patologia. Il decorso che va dalla servitù d'amore all'annichilimento dell'autostima fino al conflitto, alla rivendicazione, alla violenza distruttiva e autodistruttiva viene descritto nel libro con rara perizia clinica e con profonda umanità. Casi clinici si alternano a esempi tratti dalla letteratura di ogni tempo, accompagnando lo sviluppo dei passaggi teorici. Il nuovo modello teorico-clinico approntato da Nicola Ghezzani - la Psicologia dialettica - spiega con chiarezza le varie fasi del disturbo e mostra per quali vie esso possa essere risolto, restituendo ai pazienti la possibilità del vero amore e di una esistenza rinnovata.

5 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
massi765

massi765

45 anni, Roma (Italy)

Dipendenza e disturbi dell'affettività sono problemi psicologici e affettivi che possono affliggere una persona. Ce lo si può aspettare che in una coppia, dove una persona ha quei problemi, nascono problemi di conseguenza a quelli. Ma per l'appunto, ritengo sia una conseguenza. Che certamente fa venir fuori nell'altro partner, le qualità meschine e approfittatrici di chi ne è portato per carattere a esserlo. Non credo che l'amore possa essere una causa ed il problema. Il problema è nel singolo o nei singoli. Riassumendo credo di poter fare questo invito e questa provocazione: Perchè non rendere obbligatoria a scuola, l'ora dell'equilibrio emotivo e psicologico?!!!!! Cos'ì che fin da piccoli si cresce nella società con un aiuto in più per crescere sani?? 😊
20

Io21

Aurevoir concordo con te ma c'è la dipendenza positiva quella che si alimenta reciprocamente ed è sana e poi c'è quella negativa in cui uno dei dei due giocatori consapevole o forte del suo carisma gioca al gatto e al topo con chi è psicologicamente più debole...ho letto diversi libri sulla dipendenza affettiva e ci sono racconti di vita vissuta malati che fanno capire quali sono le trappole mentali in cui cadiamo e sono utili per chi voglia fare un lavoro su stesso per non caderci
10
VEROATTILA01

VEROATTILA01

59 anni, Varese (Italy)

Scusate, ma questo non è lo spazio per commentare il libro della settimana?
amami78 e Aishababy6 ma (qui) che ci pigliano i vs. interventi?
00
amami78

amami78

38 anni, Fermo (Italy)

Sono entrata su lovepedia e mi hai cancellata senza nessun motivo, allora perche hai fatto tutta sta finta di voler conoscermi eppure mi hai chiesto FB se tu sei indecisa.eppure ti ho detto da ieri sera se davvero vuoi conoscermi e tu hai detto che ti fa piacere, comunque rimettiti bene vedo che non ci stai de capoccia. Ciao e ora cancello FB tanto inutile perderci tempo a te Lovesun86.
00
aurevoir

aurevoir

58 anni, Genova (Italy)

L'amore è dipendenza dall'altro. Servitù, annichilimento, zero autostima, violenza, sono termini che con l'amore non c'entrano. Dipendenza ci può stare.
00
Lovepedia utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e mostrarti pubblicità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui. Chiudendo questo avviso, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.