Capolavori "romantici". Qualche titolo a caso, in ordine sparso...

douce_franci

douce_franci

44 anni, Genova (Italy)

Luci della città, di CHARLES CHAPLIN
L'APPARTAMENTO, di Billy Wilder
Partita a quattro; Il cielo può attendere... di ERNST LUBITCH
UN AMERICANO A PARIGI, di Vincente Minnelli
Un'estate d'amore, di INGMAR BERGMAN
BACI RUBATI, di François Trouffaut
Harold e Maude, di HAL ASHBY
CONOSCENZA CARNALE (NON è mica un porno!), di Mike Nichols
Soffio al cuore, di LOUIS MALLE
IL RAGGIO VERDE, di Éric Rohmer
Tutti dicono I Love You; Io e Annie... di WOODY ALLEN
LE VIE DEL SIGNORE SONO FINITE, di Massimo Troisi
Il favoloso mondo di Amélie, di JEAN-PIERRE JEUNET
UNA FIAMMA NEL MIO CUORE, di Alain Tanner
Storia di Marie e Julien, di JACQUES RIVETTE
FILM BLU, di Krzysztof Kieslowski
Anomalisa, di CHARLIE KAUFMAN & DUKE JOHNSON
CORPO E ANIMA, di Ildikó Enyedi...........
.........e quanti ne dimentico!
Quali?
Di sicuro non DIMENTICO (haimè!) tanta vergognosa robaccia cinica e ipocrita che il "riflusso" fa passar per "romantica", e che (per esempio) mi pare molto più volgare di certi porno (QUESTI Sì, proprio PORNO!) degli anni settanta. Lo penso, lo dico. Guarda un po'. D'altronde, i romantici (propriamente detti) professavano tutti quanti, nessuno escluso (informatevi!), il libero amore... Conta solo il cuore. Il resto è niente. Noi uomini liberi non abbiam mezze misure. Siamo votati all'assoluto. ROMANTICI, per l'appunto. Che avrebbe detto William Blake di "Ghost"?! Avrebbe taciuto, penso. E si sarebbe calcato per bene sul capo il suo fedele berretto frigio, canticchiando, come John Lennon (altro raro esempio di uomo libero), "Love is free", o "There's ALWAYS a price to pay (ah, if you all only knew the one you're paying!)", o "God save US FROM the queen"...
00
Per rispondere a questa discussione effettua l'accesso oppure registrati.