Fibrosi cistica, vivere un amore attraverso una distanza forzata

Sentire un partner fisicamente è importante per la relazione. Ma come fare quando questo non è possibile, magari a causa di una grave malattia?

Il contatto fisico, lo sfiorarsi dei corpi, i profumi sono tutte sfumature che rendono reale ciò che nasce come emanazione dell'interiorità.

Ci si innamora di qualcuno anche perché il suo corpo ci trasmette segnali che il nostro capta e trova attraenti.

Ma quando si è soggetti ad una distanza forzata, dovuta magari ad una malattia?

È di recente uscita un’opera cinematografica dal titolo “A un metro da te” che tratta proprio della mancanza forzata di contatto in una giovane coppia.

Il film, diretto da Joseph Baldoni, narra appunto la storia di due giovani, Stella e Will, entrambi ammalati di fibrosi cistica, che sono costretti dalla malattia stessa a stare a debita distanza di sicurezza l’uno dall’altra.

La fibrosi cistica è una malattia terribile, di cui ancora non esiste la cura unica e definita. Fortunatamente la situazione sta migliorando pian piano perché sono aumentate le conoscenze e con esse i sistemi per arginarla, però rimane tassativa la necessità di non venire a contatto con batteri.

Stella e Will, che in un primo momento sono ben felici di doversi mantenere lontani perché si stanno reciprocamente antipatici, vivono con dolore la necessità imposta dal loro comune male. Ben presto, però,troveranno uno nell'altra il motivo, la spinta per combatterla e andare avanti insieme.

29 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Carmine0612

Carmine0612

46 anni, Avellino (Italy)

Bellissimo
01

Missuniverso1983

Immagino che sia il film alla colpa delle stelle cmq indipendentemente dal film credo che in coppia bisognerebbe sempre tenere una distanza di sicurezza, darsi poco contatto fisico, poche attenzioni, poco corteggiamento, poco sesso e farlo da una volta ogni 2 settimane a una volta all'anno. Insomma la dolce meta è una persona speciale per se stessi ma non da esternare al mondo intero.
00
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

..non a m o molto..
.. questo tipo di film
.
01
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Molto semplicemente, non si può.
Tutto il resto è letteratura.
Puntò.
03

SieteBruttePerZone2

Non ho mica capito...ma, pubblicizzano il film ?
l'articolo parla di distanza forzata
non ho visto il film...ma credo che la distanza non sia perché i due chattano..
sempre messaggi fuorvianti eh ?

buongiorno.
29

Ani1979

Staff
complimenti x la scelta dell argomento...
Se ne parla poco..
Troppo poco ovunque..
E invece è un problema serio
Che riguarda noi donne.....
E ancora una volta
La prevenzione può fare molto..
Buongiorno
E Buon caffeuccio a me!
15
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Ho una vicina con questa situazione ha qualche anno più di me. Non manca mai l'occasione di salutarla e di andare a trovarla. 😃
22