Lutto e bambini: come superarlo?

Come far comprendere la perdita di un genitore ad un bambino? E come riprendersi da un lutto e riuscire ad andare nuovamente avanti con la propria vita?

Quando ci si trova a dover affrontare la vita senza un aiuto, dopo un lutto, tutto ci sembra difficile e complicato. Ancor di più se si hanno dei figli da crescere. 

Come affrontare la situazione?

Innanzitutto bisogna occuparsi dei convenevoli di routine in questi casi. In secondo luogo bisogna necessariamente parlare con i bambini e fargli capire che il genitore non tornerà e che adesso si trova in un posto migliore.

Procedendo in questo senso bisogna certamente poi prendersi cura di se stessi e cercare di non abbattersi troppo, anche se è difficile. Bisogna di certo riprendere la vita a piccoli passi, magari dopo alcuni giorni di riposo che aiuteranno a rimettere tutto in sesto.

A chi chiedere aiuto?

Prima di tutto per superare al meglio un lutto è opportuno prendere in considerazione l'idea di rivolgersi ad un professionista del settore che ti aiuterà a scindere la situazione e a superarla al meglio. Si tratta poi di chiedere un aiuto di questo genere anche per i bambini, che avranno bisogno di un sostegno ancor più specifico. 

Successivamente si potrà trovare l'appoggio della famiglia e dei propri cari che in ogni caso saranno preziosi per la riuscita e la salvaguardia della tua vita.

Si deve però ricordare come solo noi siamo artefici della nostra vita e del destino, e solamente grazie alle nostre forza possiamo superare il lutto.

35 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

Brill2019

Dire sempre la verita’ Ai bimbi
10
jetpoint

jetpoint

50 anni, Avellino (Italy)

Restano solo i ricordi belli e brutti , ma anche una triste realtà che ti logora mente ed anima per un qualcosa di ai detto.
03
Luck-87

Luck-87

32 anni, Sassari (Italy)

È molto difficile perdere un proprio caro, soprattutto se è un nonno o ancora di più un genitore, il mio l’ho perso a 24 anni, dopo una lunga malattia, certo ero già grande, ma è stata comunque una perdita enorme che richiede tempo coraggio e anche un aiuto esterno
10
Simon0574

Simon0574

45 anni, Modena (Italy)

Il commento di questo articolo realizzato da Lovepedia e molto giusto, ma l'unico punto in cui non sono completamente d'accordo e solo il tempo.
Non credo che siano sufficenti solo pochi giorni per ristabilirsi del tutto.
42
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

..passammo un infanzia..
.. serena..
..ci radunarono poi tutti insieme..
.. bambini..
..lontano dagli occhi..
..fu allora..
..vedemmo i nostri..
..diversi..
..impotenti..
..vomitai..
..capii che la vita non era una favola..
.. i miei ..
..gli altri..
..presi dal l'inquieto..
..non furono buoni maestri..
..resta un segno..
..
12
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Mamma mia, che argomento..... Sempre meglio che non, il matrimonio dei vipppp.

Comunque, un lutto, può essere paragonato ad un buco nero, un qualcosa capace di assorbire anche la luce e, quale effetto può produrre sulla mente di un infante, che, per definizione, è una spugna emotiva, in grado di assimilare di tutto e, di convertire ogni informazione senza i filtri di difesa e razionalizzazione, propria degli adulti?

Non c'è una ricetta. Si può solo sperare che, un'esperienza simile, capiti a meno bambini possibile.
22
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Non è facile parlarne. Per chi c'è passato come me sa che non è facile neanche descrivere la situazione. Tocca rimboccarsi le maniche e andati avanti. Fortunatamente i piccoli capiscono subito. A volte basta un loro sorriso per mandare via la malinconia.
54
Christophe68

Christophe68

51 anni, Torino (Italy)

È evidente che si tratta di una situazione limite ed è davvero difficile pronunciarsi. Per esperienza indiretta posso dire che gli effetti di un simile lutto lasciano il segno nella vita dei bimbi fino nella vita adulta. Una cosa da evitare assolutamente è crescere i figli pensando di dover obbligatoriamente compensare il vuoto lasciato dal compagno/a scomparso facendosi carico del ruolo mancante. Una mamma deve fare la mamma, un papà deve fare il papà. I figli saranno poi in grado di identificare in un'altra persona della famiglia o tra gli amici, la figura mancante.
41

Ani1979

Nn si può far comprendere....
Come si fa?
Nn ci sn parole......
Il tempo e mano mano che crescerà
Gli parleranno di Questo vuoto...
Che si porterà dentro x sempre...
Buongiorno....😊
26

SieteBruttePerZone2

preferisco astenermi dal commentare.

buongiorno
211