Napoli, la camorra mette in atto il traffico di neonati

A Napoli si sarebbe verificato un caso di utero in affitto che vede coinvolti la camorra e una donna originaria dell'Europa dell'est. Ecco cosa è accaduto

Un boss mafioso residente a Napoli è stato accusato di “alterazione dello stato civile” in quanto avrebbe cercato di comprare un neonato da una donna proviene dall'Europa dell'est.

La somma di denaro che ha fatto recapitare alla madre surrogata è di ben diecimila euro.

La donna sarebbe stata contattata dal camorrista per concludere questa sorta di contratto, e sarebbe rimasta appositamente incinta per poi far acquistare all’uomo il bambino.

Il motivo di questo gesto si presenta ancora più grave del fatto stesso: il malavitoso avrebbe acquistato il bebè solo per dimostrare al suo clan di avere maggior influenza e potenza.

Il caso potrebbe però non essere isolato: la polizia infatti sta indagando per cercare di capire se in realtà ci sia in atto una vera e propria compravendita di neonati.

Il boss non avrebbe svolto tutto il lavoro sporco da solo, ma anzi si sarebbe affidato ad un dipendente del Comune di Napoli per far dichiarare il falso sui dati relativi alla genitorialità del bambino.

12 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Nicole1080

Nicole1080

38 anni, Sassari (Italy)

che cosa orrenda !!!!non ci sono parole quando si tratta di bambini , vergogna !!! schifo !!!! ormai si compra tutto anche queste povere creature innocenti
20
BaroneRoscio

BaroneRoscio

46 anni, Arezzo (Italy)

Giustamente la camorra si è chiesta: " Lo stato, le massonerie, la mafia sfruttano e trafficano schiavitù.....noi che siamo i più scemi?!??? "
Come fai a non prendere esempio dallo stato italiano?....
25
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Non possiamo scandalizzarci.
È risaputo che ilsurrogato porta anche a queste cose
01
Cercote1972

Cercote1972

47 anni, Milano (Italy)

Non ci vedo niente di male.
41
Tilikum_

Tilikum_

50 anni, Venezia (Italy)

Ho letto la notizia e sinceramente , da certa gentaglia non mi stupisco piu' di niente . Fosse per me , se proprio non si puo' ripristinare la pena di morte , farei costruire carceri di massima sicurezza in ogni città italiana .
Nemmeno sprecherei tempo e denaro a imbastire processi , contro certi crimini .
Ovviamente i detenuti non se ne starebbero con le mani in mano a guardare la televisione . Mi hanno fatto ribrezzo e sdegno i detenuti del carcere di Napoli che hanno protestato perche' non vedevano Sky !
Non parliamo nemmeno delle direttive della corte europea dei diritti dell'uomo ( in questo caso , il minuscolo e' voluto ) che si pronuncia contro l'ergastolo ostativo .
Vale sempre la solita solfa : nessuno tocchi Caino , tanto Abele e' andato a farsi f**** !
43
onelove69

onelove69

49 anni, Avellino (Italy)

Al muro senza pensarci , la galera e troppo poco.
56
dimipunk

dimipunk

44 anni, Trieste (Italy)

È inutile stupirsi di ciò che fa la criminalità organizzata, quando, sono le stesse istituzioni, a voler legalizzare l'abominio dell' utero in affitto.
03
1-2-3Stella

1-2-3Stella

50 anni, Udine (Italy)

Non mi meraviglia più nulla, ormai è noto che in quella città è relativi abitanti e anche chi copre un ruolo anche pubblico.. Vige la non legalità, il fottere il prossimo, il Mors tua vita mea...
20
Artemisia1268

Artemisia1268

50 anni, Benevento (Italy)

Allo schifo dilagante non c'è limite! ☹️
10
any1979

any1979

40 anni, Foggia (Italy)

Mio Dio..........
Nn può esser vero...
Obbrobrioso!
40