Amore finito: le emozioni da sfruttare negli incontri

Quando un rapporto finisce poco importa se sia stato preannunciato o è improvviso: ciò che conta è saper reagire al senso di vuoto, di dolore e di rabbia

La fine di un amore porta con sé molte frasi "fatte", dette e pronunciate come magre consolazioni, che suscitano delle emozioni e delle sensazioni dal sapore amaro.

Per un pò di tempo, a prescindere da chi lascia e da chi viene lasciato, quando è condiviso un innamoramento, avverranno delle dinamiche volte alla comprensione dell'accaduto, ci saranno accuse silenziose, rammarico, i "se avessi detto" o "se avessi fatto così".

In realtà, però, la rottura non avviene mai improvvisamente, i segni ci sono sempre e tutti: esiste solo una differenza, che è quella tra chi vuole vederli e chi no.
Accade, infatti, che gli equilibri di coppia, basati sulla condivisione, sul piacere di stare insieme e di parlare anche di cose astratte, piano piano diminuisca; si parlerà di cose concrete, soprattutto uno dei due prenderà le distanze, cercando più tempo per sè e sempre meno con la dolce metà. Si litigherà anche per cose futili e i difetti diventeranno più numerosi dei pregi.

Le coppie più solide riusciranno a sopravvivere, ma le relazioni instabili rischieranno di affievolire il loro sentimento o di separarsi e mettere fine al loro amore.

Nel secondo caso, come per ogni perdita, le persone che soffrono pene amorose, passeranno per le fasi di negazione, rabbia, elaborazione, depressione e infine accettazione. I modi di reagire sono poi soggettivi, ad esempio, chi ha subito ferite emotive nell'infanzia, patirà l'abbandono in modo più acuto.

Accadrà però che, come dopo ogni lutto, anche questa perdita verrà elaborata. La persona che ha vissuto un dolore profondo sarà diversa, più consapevole nel momento in cui sarà pronta per aprirsi a un nuovo partner.

Perché, anche se per un pò si sarà convinti di non voler più amare, accadrà ancora. Si entrerà nella vita di una persona in punta di piedi, chiedendo cura e sapendo che lui o lei avrà, probabilmente, quella stessa esigenza.

Ed è per questo che occorre sfruttare il senso di vuoto, di rabbia e di dolore per lavorare su se stessi e per aprirsi verso gli altri, approfittando delle opportunità offerte dai nuovi incontri e dalle interessanti amicizie che si possono conoscere on line.

25 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
BaroneRoscio

BaroneRoscio

47 anni, Arezzo (Italy)

Magari...invece spesso succede il contrario, quello dopo paga per le colpe di quello prima....purtroppo.
22
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

42 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Chiusa una porta, si apre un portone.
03
Simon0574

Simon0574

46 anni, Modena (Italy)

Se i segnali ci somo tanto vale non insistere. Secondo me piuttosto che passare subito alla pratica e meglio invece passare subito la teoria e conoscersi un po' di più.
10
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

.. consumarsi..
..come cenere..
..
.. la sete..
.. perché non piove..
..
10
dimipunk

dimipunk

46 anni, Trieste (Italy)

Tutto sto pippone per dire, alla fine :"e, per fare amicizia on line, bisogna iscriversi in un sito di incontri ; guarda un po' che combinazione, noi di LP, siamo uno di quei siti".

Furboni, eh?
36
happychildren

happychildren

49 anni, Piacenza (Italy)

Dipende quanto era importante la storia per entrambi se era sullo stesso livello. E poi a seconda se uno viene lasciato o lascia dipende anche dal perché . Ognuno se ne deve fare una ragione e saper accettare .
43