Pasqua in casa: i modi per festeggiarla a distanza

Pasqua in isolamento da virus? Anche quest'anno è possibile festeggiare e trascorrerla in uno dei modi alternativi restando a casa con le persone care

La quarantena forzata ha modificato e sta modificando molte delle abitudini degli italiani; ma quella che forse più delle altre risulta difficile da cambiare è la voglia di riunirsi per celebrare le feste in famiglia.

Non sarà facile infatti affrontare l'imminente arrivo delle festività pasquali, che alimenta in tutti l'esigenza di scambiarsi gli auguri o un messaggio di Pasqua e alcuni a trasgredire le regole, pur di riunirsi e stare con le persone care durante questo evento come tradizione vuole.

Non dimensticando di restare a casa per non mettere a rischio la salute degli altri e la propria, è meglio pensare a come trascorrere la Pasqua in casa in modo alternativo: la quarantena può essere infatti fonte di ispirazione. E allora mano alla creatività!

In casa è possibile organizzare l'evento pasquale e preparare i dolci tipici tradizionali: si potrà coinvolgere ogni membro della famiglia e attivare un meccanismo di collaborazione per dar vita ad una festa diversa ed unica rispetto agli anni scorsi.

Per chi si trova in casa da solo, non c'è occasione migliore per videochiamare amici e parenti eorganizzare con loro una grande festa virtuale: l'importante è non restare soli, soprattutto per il pranzo pasquale.

In entrambi i casi, cucinare tutti insieme, apparecchiare le tavole e chiacchierare del più e del meno sarà un bel modo per affrontare le difficoltà tutti insieme.

Un altro modo alternativo per "scambiarsi le uova" a fine pasto, è quello di preparare delle uova sode nei giorni precedenti e dipingerle utilizzando tempere o colori ad olio: dopo il pranzo pasquale, saranno inviate le foto di queste uova "da quarantena", ognuna al proprio destinatario, in modo che tutti possano scoprire insieme il loro regalo speciale.

Una simpatica gara di "uova" si trasformerà in un'occasione per sorridere e per distogliere il pensiero dalla routine quotidiana: ciò che occorre è pensare che tutto andrà bene e che il prossimo anno sarà possibile organizzare una Pasqua all'insegna delle persone care.

Buona Pasqua a casa a tutti!

39 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

.. l'Italia chiamò..
.. Sì..
02
Silvan54

Silvan54

59 anni, Torino (Italy)

Essere soli in queste occasioni è decisamente triste. La tecnologia ci aiuta a restare in contatto ma sicuramente mangiare in compagnia di un dispositivo che trasmette l-immagine di chi vorresti accanto non e molto diverso dall'autoerotismo. Ma questo è tanto vale rassegnarsi
30
Ante_pavelic88

Ante_pavelic88

45 anni, Sondrio (Italy)

Speriamo che nel mio uovo ci sia una vagina in lattice con azione astringente, aspirante e ritardante 🧐
214

TheDreamer1968

Semplicemente un modo, anche se forzato, per stare insieme e riscoprire il senso della festa in famiglia viziato negativamente dallo stress dei nostri giorni, vuoi per lavoro o per qualsiasi altra ragione, diverso per chi vive solo e la condivide con se stesso... oggi più che mai vale... Pasqua con chi vuoi e Pasquetta anche...è un sacrificio che facciamo oggi per stare meglio domani...
Teniamo duro!!! #iorestoacasa
40
happychildren

happychildren

49 anni, Piacenza (Italy)

Di solito le festività sacre si trascorrono in famiglia, in questo caso in dimensione ridotta sia con le persone che con le cose che si hanno. E lo scambio auguri si riescono a fare lo stesso non ci sono di scuse. La cosa che cambia è l'approccio, il morale non alle stelle.
72
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Prima si diceva a natale con i tuoi.
Pasqua con chi vuoi.
03
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Ma davvero?
Ma ci voleva una pandemia per scoprire che, la Pasqua la si passa con il proprio nucleo familiare, che si può telefonare ai parenti, dipingere le uova, preparare dolci tradizionali?

Ovvero, ciò che la mia famiglia HA SEMPRE FATTO.

Ma, a leggere certi articoli, viene da chiedersi : ma, dove siete stati in tutti questi anni? Cosa ha fatto di voi, il benessere materiale e l'industria degli svaghi?

Altro che emergenza sanitaria, qui siamo in emergenza antropologica!!!
26
any1979

any1979

41 anni, Foggia (Italy)

Non vi bisogno affatto di fare qualcosa x forza......
A volte non fare niente é salutare per la salute psico-affettiva
Altrimenti si crea un circolo di aspettative/disillusione.
12