Sifilide: i vantaggi del test

Sifilide: è meglio effetture o no il test? Di fronte ai primi segni della malattia, meglio non perdere tempo e affidarsi sin da subito ad uno specialista

In molti sottovalutano la sifilide e non la considerano alla stregua di una malattia che possa causare gravi danni all'organismo.

Invece è bene sapere che è ancora oggi la sifilide è molto diffusa e sarebbe utile prevenirla, visto che essenso una patologia che riguarda il sistema nervoso, può creare complicazioni più gravi nel caso non sia curata in breve tempo.

Ma che cos'è la sifilide?

La sifilide è una malattia sessualmente trasmissibile anche in casi in cui si utilizza il preservativo, che resta comunque il miglior metodo di prevenzione per questa patologia.

La persona malata potrebbe essere ignara di essere infetta, quindi è opportuno effettuare il test, che potrebbe scongiurare questa ipotesi in modo da non creare ulteriori problematiche.

Al primo stadio, i sintomi sono piuttosto lievi o addirittura assenti ed è per questo che è possibile incorrere in soggetti inconsapevoli di avere questa malattia, rischiando di infettarsi in caso di rapporto sessuale non protetto.

Per mettersi al sicuro, è consigliabile sottoporsi al semplicissimo test per avere la certezza di essere stati contagiati o no e, in caso di positività, di tenere sotto controllo lo stato della malattia: bisogna considerare infatti che il tempo di incubazione della sifilide varia dalle due alle dodici settimane e che si può fare riferimento ai due tipi di test presenti sul mercato, il VDRL (Veneral Disease Research Laboratory) e il TPHA (Treponema pallidum Haemoagglutination Assay).

L'efficacia di questi test e la voglia di continuare ad amare in totale sicurezza dovrebbe indurre a prevenire proprio per non curare!

7 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

42 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Prevenire sempre
13
Mustaine2

Mustaine2

48 anni, Roma (Italy)

Cavolo, mi son detto, e che siamo tornati ai primi del '900? 😱
Così sono andato, per soddisfare la mia curiosità, a cercare i dati riguardo i contagi di sifilide in Italia. Non ho trovato quelli relativi al 2019, ma quelli del 2017-18 indicavano circa 1600 contagiati l'anno. Però c'è da dire che un decennio fa erano meno di 300.
Perciò, non considerando il fatto che sono "casto" da quasi quattro anni ( 😜 ), se dopo la disoccupazione conclamata da covid mi beccassi pure la sifilide, comincerei davvero a credere nella "malvagità di un dio creatore" 😭
Buon pranzo
🍴
35
dimipunk

dimipunk

46 anni, Trieste (Italy)

Pubblicare un articolo sui rischi della sifilide in un sito di incontri, è come tenere una conferenza circa i pericoli dell' obesità, in un villaggio del Niger.
38