Solitudine: perché fa così paura?

Spesso ci si sente soli ed incompresi e si è in preda all'ansia alla sola idea di poter vivere in completa solitudine: ma perché si prova questa paura?

Sempre più persone sono soggette a stati di ansia, causati dalla paura di restare soli e di dover affrontare la vita senza l'aiuto degli altri.

Bisogna saper distinguere però la vera solitudine dalla paura di rimanere da soli e trascorrere un po' di tempo con se stessi può avere degli ottimi benefici, sia a livello mentale che fisico.

Imparare a stare da soli è indice di grande maturità, ed è proprio in questi momenti che si riescono a prendere le decisioni migliori e a comprendere quanto si vale anche senza dover ricorrere al supporto di un'altra persona. Prendere consapevolezza della propria situazione serve a capire che la paura della solitudine è frutto di un'incondizionata esigenza di avere qualcuno accanto.

L'ansia della solitudine è generata dalla mente che non accetta questa possibilità come una normale condizione del mondo umano e che blocca chi la prova senza permettergli di vivere le relazioni per il piacere di farlo e non per un'esigenza fisiologica.

Prendendo la solitudine come un'opportunità per riscoprire se stessi è la giusta soluzione per incontrare nuove persone senza avere paura di restare soli e di condividere momenti unici e salutari sia per la mente che per il cuore.

Accettandola, sarà più facile scoprire dei lati della propria personalità di cui non si conosceva l'esistenza.

48 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

42 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

La solitudine non mi spaventa.
Annoiarsi in due mi terrorizza.
22
SonoilregaloCheLaVitaTiFa

SonoilregaloCheLaVitaTiFa

50 anni, Milano (Italy)

Fatichiamo a stare da soli quando il rapporto con noi stessi non funziona.
31
Cuoreditenebra71

Cuoreditenebra71

49 anni, Treviso (Italy)

Uno stato serio dovrebbe preoccuparsi di un problema sociale
come la solitudine.
Ho scritto uno stato serio, quindi parlo di fantascienza, visto che
siamo governati da imbecilli che pensano a cazzate come lo ius soli, quote rosa, e soprattutto a come tornare a chiuderci dentro
casa nei prossimi mesi.
Nel futuro prossimo venturo finirà come in svezia, dove squadre
apposite sfondano le porte delle case per recuperare i corpi delle persone morte in solitudine.
313
mipiacecosa

mipiacecosa

49 anni, Trieste (Italy)

Stavo bene in coppia ma anche da solo vivo felice..pochi amici buoni e zero amici social perché non me ne frega un azz del virtuale
51
Vale0666

Vale0666

54 anni, Udine (Italy)

Ma quando mai, si sta divinamente bene
70
MarcoS801920

MarcoS801920

40 anni, Novara (Italy)

Perché alla lunga atrofizza il cervello e si rischia la depressione. Siamo animali sociali chi più chi meno. Chi dice il contrario mente sapendo di mentire.
73
Gynajka

Gynajka

55 anni, Milano (Italy)

A volte ci si sente soli anche quando si è in coppia...e vi assicuro che è una sensazione molto più dolorosa dello “stare da soli”
40
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

..mi cerco ma..
..non mi sono ancora trovato..
20
Foxbat51

Foxbat51

69 anni, Pordenone (Italy)

Preghiera del giorno:
"Santa Lovepedia, aiutaci tu"!!!
04
blackhole57

blackhole57

63 anni, Milano (Italy)

Se stai bene con te stesso la solitudine non è affatto un problema dire che l'uomo è un animale sociale non è affatto un'asserzione universale, per cui solo chi ha bisogno del prossimo per non soffrire e sentirsi legato per dare un senso alla propria esistenza può averne bisogno. (dipendenza affettiva?)
80

Cosmon

Premesso che lo "stare da solo" degli intimisti è cosa ben diversa "dall'esser solo", in genere si parla di solitudine quando vi è mancanza o incapacità di affetti altrui e quindi è riferito essenzialmente ai "mancati" contatti sociali con altre persone... E' chiaro però che non esiste solo il mondo dei nostri simili (le persone), ma anche dei nostri dissimili (animali, vegetali) per non parlare del mondo delle cose, dei luoghi e delle attività (oggetti a noi cari, paesaggi, gallerie d'arte, monumenti, hobbies, cucina, escursionismo, ecc.). Sono fermamente convinto che se noi cominciassimo a spostare un po' il nostro interesse verso quella parte del mondo che va oltre le persone e i convenzionali rapporti umani, scopriremmo che è praticamente impossibile soffrire di solitudine perchè instaureremmo una serie molteplice di relazioni profonde che ci porterebbero inevitabilmente a condividerle con le altre persone...
111

Faber60

.....penso proprio che il sito si avvalga della collaborazione di Nino Frassica.....
18
happychildren

happychildren

49 anni, Piacenza (Italy)

A volte si è soli per scelta. La solitudine se stai bene e sei indipendente non è un problema anzi fai quello che voi. Da distinguere essere soli e non socializzare sono 2 cose diverse.
70

YouAndMe68

La solitudine è una costrizione che và contro la natura stessa dell'individuo poichè siamo portati a socializzare...ove si è costretti bisogna cercare di imparare a conviverci anche se non è facile...del resto ci si può sentire soli anche in una discoteca in mezzo a migliaia di persone con volume a palla!
21
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

La paura della solitudine, è del tutto legittima in quanto, la solitudine non è affatto una condizione normale bensì, un'anomalia biologica.
Se, fin dalle medie, ci insegnano che siamo "animali sociali", vorrà pure dire qualcosa, cioè che atavicamente, prediligiamo vivere in branco, in coppia o, comunque non da soli.

Quella secondo cui, vivere in solitudine, sarebbe "indice di maturità", è solo una gran sciocchezza ; è nient'altro che un buon viso a cattivo gioco, un rattoppo esistenziale in mancanza di meglio, una vita dimezzata in attesa di tempi migliori.
29