Carbone Vegetale, Cos’è e Come Può Essere Utilizzato

Ti sei mai chiesto cos'è il carbone vegetale e a cosa serve? Scopriamone tutti i benefici e gli usi che se ne può fare in questa nuova e dettagliata guida

Il carbone vegetale vede avvalersi di tantissimi utilizzi a scopo terapeutico.

Sostanzialmente esso è in grado di assorbire le tossine, ottenendo così l’ambito risultato di riuscire a depurare il nostro corpo, o altri elementi, come per esempio l’acqua.

Il suo uso si perde nei meandri della storia, partendo dalle popolazioni antiche asiatiche che lo utilizzavano per eliminare le tossine dell’acqua prelevata dai fiumi. La scienza nei giorni nostri riconosce le proprietà terapeutiche di questo derivato, è per questo motivo che ancora oggi trova il consenso di milioni di persone in tutto il mondo.

Essendo di facile produzione, il prezzo del carbone vegetale, nelle sue varianti date dalla marca di fabbricazione e dalla tipologia, risulta assolutamente accessibile. Ma il carbone vegetale dove si compra? Esso è facilmente reperibile nelle farmacie, erboristerie e perfino sugli scaffali dei vari supermercati. Può essere acquistato anche online: sono infatti molti i siti internet che offrono questa possibilità in totale sicurezza.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Conosciamo ora in linee generali i suoi usi e dove reperirlo, partendo dalla domanda principale: cos’è il carbone vegetale?

Si tratta di un ricavato vegetale ottenuto dalla combustione del legno. La tecnica prevede una combustione priva di fiamma, ottenuta in un particolare ambiente esente da ossigeno, attraverso il quale, raggiunta l’elevata temperatura di circa 500-600°C, si otterrà come risultato una sottile polverina di colore nero inodore e insapore. Per il trattamento possono essere utilizzati diverse tipologie di legno come pioppo, salice o betulla, ma anche gusci di noci di cocco e altri derivati.

Vediamo adesso come può essere impiegato il carbone vegetale e i suoi benefici.

A Cosa Serve il Carbone Vegetale?

Le proprietà del carbone vegetale attivo consistono essenzialmente nella capacità di assorbire le tossine, i gas e i veleni che potremmo accidentalmente ingerire, o che si trovano già all’interno del nostro corpo, compiendo così un’operazione di pulizia. 

carbone vegetale corsa serve

I suoi principi sono in grado di assorbire tali mali e trattenerli a sé, per poi essere eliminati tramite l’apparato digerente senza conseguenze.

Per questo motivo viene spesso utilizzato come rimedio da intossicazione alimentare come per esempio l’ingerimento di funghi velenosi. Tuttavia i benefici del carbone vegetale non finiscono qui.

Grazie alle sue caratteristiche specifiche è in grado di trattenere anche i gas, andando a eliminare fastidiosi problemi di meteorismo, flatulenza e aerofagie.

Inoltre l’assunzione del carbone vegetale in gravidanza risulta essere una perfetta integrazione alla dieta: in questo caso è tuttavia necessario rivolgersi a un medico che vi saprà consigliare sulle dosi.

Molto spesso viene usato il carbone vegetale per i denti, identificando in esso proprietà sbiancanti. Tuttavia è necessario precisare che non esistono certezze mediche a riguardo, bensì alcuni studiosi affermano che, se da una parte è vero che l’effetto assorbente può donare un apparente effetto sbiancante, è oltremodo probabile che l’eccessivo uso possa portare al danneggiamento dello smalto dentale.

Molto rinomata è la maschera al carbone vegetale, utilizzata per combattere le impurità del viso e del corpo. Tramite una soluzione diluita che rende la polvere cremosa, è possibile spalmarla dove vi è necessità: in questo modo oltre a dilatare la pelle rendendola più lucida ed elastica, questa contribuisce a eliminare le tossine tramite un’azione disintossicante, dilatando i pori e ossigenando il corpo che infine risulterà disinfettato.

Una soluzione parecchio ricercata è la funzione del carbone vegetale per la pancia piatta. Funziona agendo direttamente contro i gonfiori addominali andando ad adsorbire i gas che provocano tali problematiche, restituendo in questo modo al paziente la sua linea naturale. La soluzione in questo caso viene assunta nella maggior parte dei casi tramite compresse a base di carbone attivo.

Tutt’altra storia invece riguarda l’utilizzo che si fa del carbone vegetale per dimagrire. Questo non presenta principi dimagranti, tuttavia se integrato a una dieta equilibrata, grazie alle sue proprietà adsorbenti si potranno sconfiggere i problemi derivanti a disturbi legati alla digestione, favorendo in questo modo la perdita di qualche chilo in eccesso.

Forse non sai che il carbone vegetale viene utilizzato anche in cucina.

Continua a leggere per scoprire come.

Carbone Vegetale Alimentare

Negli ultimi anni ha preso il via l’uso del carbone vegetale in cucina, per questo motivo risulta sempre più facile trovare sui banconi di una panetteria prodotti fatti con la farina al carbone vegetale o impasti al carbone vegetale che permettono di cucinare cibi come il pane nero e tanti altri alimenti.

carbone vegetale alimentare

In questo caso il carbone vegetale prevede un’assunzione classica, ingerendolo sotto forma di alimento, tuttavia non è possibile beneficiare di tutti i suoi principi attivi descritti finora.

Qui di seguito un elenco di alcuni dei cibi più noti:

Per quanto riguarda le proprietà nutrizionali queste possono variare in base all’alimento, ma tendono tuttavia a mantenersi sugli stessi standard delle controparti originali. Il pane nero al carbone vegetale in quanto a calorie e principi nutritivi infatti, presenta gli stessi valori di quello bianco, ovvero circa 307 Kcal per 100 g.

Il mercato culinario legato al carbone vegetale viene controllato tramite delle precise normative delegate direttamente dal Ministero della Salute.

In definitiva possiamo tranquillamente affermare che il carbone vegetale funziona nello svolgimento del suo compito, ma è bene precisare che bisogna fare attenzione nel suo utilizzo. Un eccessivo ingerimento di carbone vegetale può portare a stitichezza, inoltre è obbligatorio tenere presente che esso è in grado di assorbire anche i principi attivi delle medicine vanificandone gli effetti.

 La Posologia del Carbone Vegetale

A seconda se si decide di optare per quello culinario che per le altre varianti, è bene conoscere nel dettaglio le funzioni posologiche del carbone vegetale e quando assumerlo.

carbone vegetale posologia

Partendo dal presupposto che secondo gli esperti gli alimenti al carbone contengono un effetto decisamente blando tanto da essere impercettibile, analizziamone quindi con più attenzione l’assunzione diretta.

Importante sapere dopo quanto fa effetto il carbone attivo vegetale dal momento della sua assunzione. Esso infatti presenta un effetto fisiologico molto rapido, si possono percepire i benefici anche poco tempo dopo l’assunzione, è proprio per questo motivo che risulta particolarmente efficace nel trattamento dei sintomi di avvelenamento.

L’assunzione del carbone vegetale in polvere o del carbone vegetale in pillole e compresse, necessita di essere attentamente valutata sia tramite l’ausilio di un esperto del settore, come per esempio il vostro medico di fiducia o dell’erborista dove si effettua l'acquisto, che in base al quantitativo in grammi espressi nella confezione.

Per usufruire a pieno delle funzionalità del carbone vegetale come disintossicante è consigliabile consumarne 1-2 grammi al giorno, mentre se usato come trattamento da avvelenamento la dose consigliata è di 50 gr. ogni quattro ore per tre volte.

Nei casi di meteorismo e flatulenza viene consigliata l’assunzione del carbone vegetale con l’assistenza di altri integratori vegetali, come per esempio il finocchio.

Per quanto riguarda la necessità di assumere il carbone vegetale prima o dopo i pasti è consigliabile, ma non obbligatorio, ingerirlo lontano dal pasto principale, in questo modo si tende da un lato a favorirne la digestione, dall’altro ad accelerare le funzionalità dei principi attivi del carbone stesso.

Le Controindicazioni del Carbone Vegetale

Togliamoci subito il dente più doloso, il carbone vegetale è cancerogeno?

carbone vegetale controindicazioni

Negli Stati Uniti l’uso del carbone attivo come additivo culinario è proibito in quanto alcuni esperti sospettano la presenza di sostanze come il benzopirene, tipico ricavato della combustione del legno che appunto risulta essere estremamente dannoso per il nostro corpo.

Tuttavia è bene precisare che una più recente ricerca scientifica pubblicata nel 2012 dall’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) scagiona definitivamente questo pericolo, affermando pertanto che la presenza di benzopirene è talmente bassa da non venire neppure percepita dal nostro corpo.

Possiamo quindi tranquillamente affermare che il carbone vegetale non fa male in maniera diretta se assunto con consapevolezza e coscienziosamente, rispettando pertanto le dosi consigliate senza mai eccedere.

Questo perché effettivamente il carbone vegetale non è esente da effetti collaterali, se ingerito in eccesso può causare problemi di stitichezza e costipazione, ma anche imprevisti più seri a livello intestinale, disidratazione e rigurgito polmonare.

Per tanto è sconsigliata l’assunzione in gravidanza o allattamento se non prettamente indicata dal proprio medico per eliminare i problemi di meteorismo.

L’uso deve essere protratto per un breve periodo di tempo: se la terapia a base di carbone attivo finisce per durare più del dovuto si può incombere in problemi inerenti all’assorbimento dei fattori alimentari, con la conseguente carenza di vitamine e sali minerali.

Infine è necessario fare attenzione all’ingerimento del carbone vegetale in contemporanea con i medicinali. Abbiamo già parlato infatti di come i principi del carbone tendono ad annullare l’efficacia della medicina poiché ne assorbe le proprietà. Se risulta necessario prendere una medicina è bene farlo nell'intervallo compreso tra i trenta minuti prima e due ore dopo l'ingerimento del carbone attivo.

Il fatto che questo prodotto sia facilmente reperibile, non deve trarre in inganno riguardo le sue possibili controindicazioni, è bene infatti conoscere ogni dettaglio sulla tipologia di carbone vegetale acquistato. La maggior parte delle informazioni sono indicate nell'apposita confezione del prodotto: leggerla con attenzione ti permetterà di acquistare la formula più adatta alle tue esigenze.

Hai mai provato il carbone vegetale? Qual è la tua opinione in merito.

8 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
any1979

any1979

40 anni, Foggia (Italy)

Sapevo del prodigioso e portentoso carbone vegetale.
Bonne nuite...
11
1971forever

1971forever

48 anni, Milano (Italy)

Non lo mai provato ma visto che fa bene lo provero.
00
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Non conoscevo tutti i benefici.
Comunque il pane nero è buonissimo, lo proverò quando farò il salato piuttosto del dolce 😃
12
Tilikum_

Tilikum_

50 anni, Venezia (Italy)

Grazie a questo articolo sono venuta a conoscenza di una caratteristica del carbone che ignoravo. È sempre positivo imparare qualcosa di nuovo 😊
Peccato solo che non esistano rimedi per lenire il disgusto provocato dalla lettura della biografia completa di Giorgio Almirante 😖 😖
Che bieco personaggio ! Meno male che nessuno è eterno ! 🎉 🎉
22
umtol

umtol

48 anni, Isernia (Italy)

se il giorno posso non pensarti
la notte maledico te
e quando infine spunta l'alba
ci sono solo bottiglie vuote intorno a me

la botte tu mi appari immensa
invano cerco di scolarti
ma ti diverti a tormentarmi
la botte tu mi fai impazzire

la botte
mi fa impazziiiiiiiir mi fa impazzir

e il tuo odore fende il buio
dove cercarti non lo so
ti vedo e torna la speranza
ti voglio tanto bere ancora

per un istante riappari
mi chiami e mi tendi i bicchieri
ma il mio sangue si fa acido
quando ridendo e rotolando ti allontani

la botte
mi fa impazziiiiiiiir mi fa impazzir

il giorno la sbornia piano piano svanisce in piena pace
e la tua immagine scompare
felice tu ritrovi l'altro beone
quell'altro beone che mi fa impazzire

la botte
mi fa impazziiiiiir
mi fa impazziiiiiir
mi fa impazziiiiiir
😎 😎 😎
13
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

..io ho provato la scivia
02