Come Litigare Bene e in Modo Costruttivo

Esiste un modo per litigare bene sia che si tratti del proprio partner che quando si tratta di altre persone? La risposta è si: ecco allora cosa fare

Litigare è una cosa che fa paura a molti: in famiglia si guarda con terrore all'ipotesi di litigare con i propri figli o con i familiari in generale perché non si è capaci di sostenere le tensioni che ogni litigio porta con se.

In coppia invece, si ritiene che i litigi possano essere nocivi per la stabilità affettiva, portando i due fidanzati o i coniugi verso un'inevitabile separazione.

Ma litigare è effettivamente un male?

Il termine litigare per la Treccani, bibbia della lingua italiana, vuol dire letteralmente "contrastare con parole vivaci, irose e talvolta aspre e ingiuriose, soprattutto per far valere o per imporre le proprie ragioni": il termine ha quindi in sé qualcosa di spiacevole e veemente. In realtà la parola litigare contiene molte accezioni differenti e non tutte negative. Una discussione, anche accesa, se è costruttiva può essere un momento di confronto importante che aiuta il rapporto a crescere e diventare più forte.

Ovviamente esiste litigio e litigio.

Non tutte le discussioni hanno ottengono lo stesso risultato che deve sempre essere il confronto e soprattutto non tutte le persone sono disponibili, ad un certo punto della discussione, a mettere da parte il desiderio di avere la meglio per concentrarsi sull'altro, sui motivi che spingono a litigare e sulla crescita del rapporto. È importante soprattutto imparare a litigare bene, ricordandosi che esistono certi limiti che non vanno superati e delle cose che è meglio rimandare a quando gli animi saranno più tranquilli.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Ma come si fa a litigare bene, a trarre il meglio da una discussione senza trasformarla in qualcosa di sterile e spiacevole?

Ecco qualche consiglio che potrà risultare sicuramente utile per sognare di litigare in modo costruttivo e riuscirci.

Perché si Litiga?

Il presupposto di partenza deve essere quello che litigare è assolutamente normale: c'è la coppia che litiga ma c'è pure il litigio in famiglia, quello fra amici o quello sul posto di lavoro fra colleghi. 

perché si litiga

Litigare fa bene perché far emergere contrasti che esistono fra due persone vuol dire avere modo di conoscersi più approfonditamente, portare in primo piano le differenze che esistono fra persona e persona e avere modo di trovare un nuovo equilibrio nella relazione, di qualunque natura essa sia. Quando si litiga si ha modo di far capire all'altra persona che c'è qualcosa che non va, che si si sente tristi e delusi e che è necessario cambiare qualcosa nel rapporto per farlo evolvere e renderlo sicuramente più forte.

Il problema, però, subentra quando si ha l'abitudine di litigare e non parlarsi per giorni oppure nelle persone che sono propense a litigare con tutti senza trarre mai un insegnamento fondamentale: discutere solo non serve a nulla perché nei rapporti umani non vi è nessun vantaggio nel prevaricare gli altri, ma si ottiene solo di indebolire il rapporto e rendere la relazione sterile, accompagnandola inesorabilmente verso la sua fine.

Ovviamente esistono modi e modi per litigare perché altrettanto numerose sono le persone ed il loro tipo di personalità. 

Esaminiamo i vari casi: 

Come Litigare Bene

Il segreto in ogni situazione non è quello di non litigare ma di imparare a farlo nel modo giusto, consentendo a questa occasione di diventare un importante momento di crescita. 

come litigare bene

Cosa fare quando si litiga?

La risposta a questa domanda è davvero molto soggettiva perché dipende da una serie di fattori come ad esempio il rapporto che lega i due litiganti o il motivo della discussione.

Ci sono alcune cose che si possono fare per far sì che il litigio si trasformi in un momento di crescita.

  • Il primo consiglio è quello di ascoltare l'altro, anche se quando gli animi si scaldano spesso è molto difficile: sentire le motivazioni dell'altro e comprenderle pienamente vuol dire darsi l'opportunità di cambiare punto di vista e di crescere come singolo e come coppia.
  • Per litigare bene è importante anche sforzarsi di usare l'empatia e calarsi nei panni di chi abbiamo di fronte per provare a capire il suo punto di vista. Se il problema, poi, è quello di litigare sempre probabilmente ciò accade perché uno dei due è troppo emotivo e non riesce ad essere razionale nella discussione: in questi casi provare a fare proprie le ragioni dell'altro e ascoltare le sue deduzioni può essere un ottimo sistema per aprire i propri orizzonti.
  • Per litigare bene è poi importante essere sinceri e soprattutto ammettere quando si è in torto. Un atteggiamento del genere, poi, consente di ottenere una sorta di bonus sulla discussione successiva quando il proprio partner presterà maggiore ascolto alle motivazioni della sua metà sapendo che, in caso di palese torto, questi è disponibile ad ammetterlo senza vergogna.

Esistono delle situazioni, però, nelle quali occorre mettere un freno e imporsi di dirsi a vicenda basta litigare. È il caso, ad esempio, di due coniugi che hanno la pessima abitudine di litigare davanti ai figli, una circostanza che non si dovrebbe mai verificare e ancor di più quando i bambini sono molto piccoli perché vedere i genitori impegnati in una discussione fuori controllo, dai toni accesi e dalle parole pesanti, può destabilizzarli e renderli degli adulti insicuri e con grandi problemi relazionali.

Esiste un'altra situazione molto delicata che è quella di litigare in gravidanza: le conseguenze in questo caso possono essere davvero molto negative. Molti studi di settore, infatti, hanno dimostrato che tutto quello che la mamma sente e prova si ripercuote sul bambino che si trova nel suo grembo. Un litigio comporta una grande dose di stress che a sua volta ha ripercussioni sulla produzione di ormoni: le ricerche ci dicono che se i genitori litigano spesso durante i nove mesi di gravidanza, il neonato ha molte più possibilità di nascere sotto peso e avrà una crescita più lenta. È stato notato, inoltre, che molti parti prematuri sono legati a gravidanze stressanti caratterizzate proprio da un livello di litigiosità fra i partner abbastanza elevato. Le conseguenze che i litigi possono avere sul futuro del bambino sono anche a lungo termine: è stato dimostrato che i piccoli che nascono da coppie che discutono violentemente molto spesso corrono il rischio di soffrire di depressione e di attacchi di ansia e inoltre potrebbero diventare adulti con grandi problemi emotivi.

Tutti questi motivi sopra elencati spingono verso un'unica strada: è importante innescare un meccanismo tale per cui diviene automatico litigare e fare pace.

La discussione può diventare costruttiva e far crescere solo se, alla fine di ogni confronto, si arriva sempre ad una conclusione positiva, un compromesso che permetta ai due litiganti di crescere e conoscersi meglio, facendo tesoro dell'occasione così da evitare una futura discussione sugli stessi argomenti.

I motivi di litigio che si ripetono nel tempo, infatti, non aiutano la coppia a migliorarsi ma logorano solo il rapporto. Per fare pace dopo un litigio è invece importante parlare con calma dei motivi che hanno condotto alla discussione, ma solo quando entrambe le parti si sentono emotivamente pronte. Vietato rinfacciare gli errori dell'altro mentre può essere una soluzione intelligente quella di usare un po' di umorismo e provare a sdrammatizzare.

Qual è la tua opinione su litigi: li ritieni costruttuvi o distruttivi?

30 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
GAbrazo

GAbrazo

40 anni, Grosseto (Italy)

Una coppia che non litiga è una coppia morta nel migliore dei casi. Nel peggiore non lo è mai stata.
10
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Un litigio è solo il preludio al litigio successivo.
29
SonoilregaloCheLaVitaTiFa

SonoilregaloCheLaVitaTiFa

50 anni, Milano (Italy)

Le contraddizioni nutrono l'amore, la serenità artefatta lo spegne.
10
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

.. 😩insofferente..
..demolisco..
..ogni rapporto..
.. 😤e ora spegnete quella telecamera!..
..è l'ultima volta che ve lo dico..
..ora basta!..
.. 😄non sapete chi sono io..
10
happychildren

happychildren

49 anni, Piacenza (Italy)

Giro la domanda perché litigare? E'l'ultima cosa che vorrei? Dipende se e' per qualcosa di poca importanza o no sempre per lo stesso motivo allora non si va tanto lontano. Come? Ascoltando l'altro e chiedere scusa mettendo da parte l'orgoglio se uno a torto ponderando sempre i toni. E magari scrivendoci facciamo pace?
61
Foxbat51

Foxbat51

69 anni, Pordenone (Italy)

Siccome sono da solo, io litigo solo con lo specchio e il giorno dopo vi trovo la stessa faccia!
Devo cambiare specchio???
38
massi7650

massi7650

48 anni, Roma (Italy)

Litigare porta le persone ad esprimere la propria vera indole combattiva. L'arroganza, l'aggressività e la prepotenza fanno parte di coloro che ad un certo punto non hanno più nulla da dire. Ed usano l'aggressività per colmare quel vuoto delle motivazioni che non hanno più. Personalmente sono il tipo tranquillo, calmo, al massimo alzo ma non più di tanto il tono della voce. l'aggressività verbale, gli insulti, mi scivolano sopra. Poichè il sottoscritto fà attenzione al dove si è nel dialogo. Cercando di motivare a pieno le scelte, l'idea, il concetto del quale si sta parlando. La sostanziale calma che mi rappresenta unita all'ascolto dell'altra parte per capire a fondo le sue posizioni, mi hanno portato a poter dire che ad oggi, neanche da adolescenti, non ho mai avuto bisogno di alzare le mani ovviamente in difesa sia chiaro questo! In coppia è diverso. il mondo femminile è diverso dal maschile. E necessariamente per far si che una litigata non si trasformi in rottura, serve una buona dose di saper accettare il compromesso. Anche quando si sa di avere ragioni e motivazioni, bisogna essere capaci di saper rinunciare ad una fetta delle proprie ragioni nel nome del compromesso. Perchè è proprio su quello che si reggono le fondamenta di una unione duratura. Il tempo è galantuomo. E siccome i posteri portano inevitabilmente e sempre l'ardua sentenza, pur avendo espresso le proprie ragioni ma nonostante quello, aver accettato il compromesso, è una cosa che dà ancora più valore a quella ragione che i posteri col tempo svelano. Si chiama anche esperienza. E la propria compagna una volta accortasi delle tue ragioni, ci penserebbe due volte successivamente a darti torto o a voler ragione solo lei. Lo so, cito frasi fatte. ma sono adatte al discorso. La calma è la virtù dei forti. Peccato che spesso la prepotenza riesce ad annebbiare persone con un indole di fondo onesta.
32