Coronavirus, 4 Step Fondamentali per Conoscerlo e Prevenirlo

Quali sono le cause del Coronavirus e come si trasmette? Vediamo tutto quello che c'è da sapere sul Covid 19, su quali sono i sintomi e come prevenirlo

Coronavirus è una parola che ormai tutti conosciamo, e con la quale stiamo imparando a fare i conti.

La mappa del Coronavirus ci parla al momento dell'Oriente come focolaio principale, con la Cina e la Corea del sud.

Il Coronavirus in Cina, ha causato moltissimi morti e altrettanti contagi e questo, fin dai primi giorni di gennaio 2020, ha messo in allerta il resto del mondo che teme l'evoluzione dell'epidemia in pandemia.

Il Coronavirus in Europa, invece, sembra essere arrivato dall'Italia dove si sono registrati i primi focolai, probabilmente collegati a quelli cinesi, costringendo milioni di cittadini a cambiare le loro abitudini quotidiane.

Il Coronavirus in Italia ha registrato numerosi contagi, tutti partiti da due focolai, uno in Lombardia e l'altro in Veneto. Anche nel sud Italia, però, il virus ha iniziato la sua folle corsa. Il Coronavirus a Napoli, ad esempio, sta registrando i primi contagi così come sta accadendo nelle altre città meridionali. Per evitare il diffondersi del contagio e preservare la propria salute occorre, quindi, conoscere e combattere questo virus, partendo dalla sua natura.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Quali sono le cause del Coronavirus?

Innanzitutto il suo nome tecnico è Covid 19, e fa parte della famiglia dei Coronavirus che sono i responsabili di numerose malattie che possono andare dal semplice raffreddore fino a patologie che sono la MERS, ossia la Sindrome respiratoria mediorientale, oppure la SARS, cioè la Sindrome respiratoria acuta grave, tutte infezioni che in passato hanno già messo in allarme il mondo e causato molti morti.

Le news sul Coronavirus ci dicono che ad oggi sono sette i ceppi del virus in grado di contagiare l'uomo. Il Covid 19, invece, è un ceppo del tutto sconosciuto che è stato registrato dai sanitari per la prima volta a Wuan, in Cina, nel dicembre 2019.

Non è ancora chiaro quale sia stata l'origine del contagio. Per la SARS del 2002 in Cina la fonte del virus fu individuata negli zibetti, piccoli mammiferi che trasmisero poi il gene patogeno all'uomo. Stessa situazione con la MERS del 2012, in Arabia Saudita, per la quale i trasmettitori della patologia furono i dromedari. Non sembra essere diversa la situazione anche in questo caso ma gli scienziati, pur non avendo ancora individuato con certezza il responsabile, puntano il dito contro i pipistrelli, in particolare i cosiddetti Rhinolophus affinis. Non c'è, però, unanimità su questa informazione e gli studiosi continuano a cercare la fonte primaria del contagio.

Coronavirus Sintomi

Ciò che ha reso inizialmente molto difficile individuare i primi casi della malattia Covid 19 è il fatto che i sintomi del Coronavirus possono sembrare apparentemente gli stessi di una banale influenza.

coronavirus sintomi

All'inizio, infatti, i sintomi dell'infezione Coronavirus sono in comune con quelli dell'influenza stagionale e, in moltissimi casi, il Covid 19 non ha evoluzioni negative. Quindi un paziente affetto da questa malattia manifesta in prima battuta febbre (che può anche essere un aumento di temperatura di pochi gradi, rimanendo al di sotto dei 38°), tosse, problemi alle vie respiratorie.

In un paziente su sei, però, gli effetti del Coronavirus si aggravano e si trasformano in polmonite, insufficienza renale, sindrome respiratoria acuta grave. Nei casi più gravi, ma per ora solo in pazienti che hanno pregresse patologie di una certa importanza, il Coronavirus può portare alla morte.

I primi sintomi del virus Coronavirus in Cina si sono manifestati all'inizio di dicembre 2019 ma purtroppo sono stati sottovalutati: questo ha dato spazio alla malattia di diffondersi fra la popolazione che ancora non era a conoscenza delle regole di prevenzione. Quando le autorità cinesi hanno avvisato il resto del mondo di questa nuova epidemia, era ormai troppo tardi perché il virus si era già diffuso oltre misura.

Gli ultimi aggiornamenti del Coronavirus della fine di febbraio 2020 conteggiano oltre 85mila affetti in tutto il mondo e 2924 morti. Questi numeri riguardano principalmente la Cina in quanto in questa nazione sono stati alla stessa data registrati oltre 79mila contagiati e più di 2800 decessi.

Secondo i dati diffusi dall'Oms, oltre l'80% dei casi di persone affette da Coronavirus mostra sintomi lievi oppure è addirittura asintomatico. Sono questi i casi che tendono a guarire spontaneamente, senza necessità di un intervento sanitario. Solo un paziente su sei può avere complicazioni che di solito si manifestano con le difficoltà respiratorie. Sempre l'Oms ci dice che il tasso di mortalità del Covid 19 è del 2%, e ad essere più a rischio sono le persone anziane, in particolare quelle che hanno già delle patologie pregresse come il diabete oppure problemi cardiaci.

Al momento i meno colpiti dal virus sembrano essere i bambini poiché, secondo gli studiosi, avrebbero delle difese immunitarie più forti in quanto soggetti particolarmente esposti in precedenza ad altri virus del ceppo del Coronavirus, circostanza che gli permetterebbe di sviluppare anticorpi adatti.

Coronavirus Come si Trasmette

Il Coronavirus si trasmette soprattutto per vie aeree, da uomo a uomo, attraverso il contatto stretto fra un soggetto sano ed uno malato.

coronavirus come si trasmette

La principale fonte di contagio risiede nelle goccioline del respiro delle persone che sono affette da Coronavirus. In particolare con la saliva che si produce durante un colpo di tosse oppure uno starnuto; attraverso il contatto fisico, specialmente delle mani se non sono state adeguatamente lavate dopo il contagio.

Per questo motivo l'Istituto Superiore della Sanità consiglia di lavare frequentemente le mani in quanto proprio una loro scarsa igiene potrebbe causare un numero maggiore di contagi. Sono stati studiati casi nei quali il contagio è avvenuto per via fecale, ma sono davvero un numero minimo. Non è possibile la trasmissione attraverso gli alimenti ma per la loro manipolazione bisogna prestare attenzione e attenersi alle regole di igiene che sono state prima menzionate.

Non sono stati ancora registrati casi di Coronavirus in gatti e cani, quindi non si deve temere per la presenza di animali domestici in casa.

Con il Coronavirus la prevenzione è l'unica arma che è in possesso di tutti per evitare di ammalarsi e per limitare i numeri del contagio. Per questo motivo l'Oms consiglia soprattutto di evitare contatti stretti con le persone affette da Covid 19. Per aiutare le persone a seguire correttamente le misure di prevenzione, l'Oms ha anche specificato quale sia la definizione di contatto stretto. Rientrano in questa casistica le persone che vivono nella stessa casa di un paziente affetto da Coronavirus, il personale medico che assiste un caso di Coronavirus o i tecnici di laboratorio che manipolano campioni di Coronavirus senza utilizzare le dovute precauzioni, il personale di bordo e i passeggeri che hanno viaggiato con una persona che ha il virus. Viene considerato contatto stretto anche l'essere stato ad una distanza minore di due metri per più di 15 minuti con una persona affetta da Covid 19 oppure aver avuto contatti fisici, ad esempio una stretta di mano, con persone che sono affette dal virus.

Per questo motivo in Paesi come la Francia sconsigliano di salutarsi con una stretta di mano.

Coronavirus Cura

La prima buona notizia che si deve sempre avere a mente è che il Coronavirus è curabile nella maggior parte dei casi, e aumenta giorno dopo giorno il numero dei pazienti guariti.

coronavirus cura

Qual è l’opinione che ti sei fatto in merito la diffusione del virus e la situazione attuale?

79 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
Tilikum_

Tilikum_

51 anni, Venezia (Italy)

L'articolo e' valido .
E' indispensabile che le persone si rendano conto che devono chiedere informazioni a personale medico . Punto di riferimento e' quello di famiglia .
Non si deve per nessun motivo dare retta a idioti che popolano il web e diffondono
notizie farlocche . Come una disgraziata che ha diffuso un audio , divenuto in poco tempo virale ,contenente informazioni sballate e prive di fondamento .

Purtroppo ho visto parecchi esempi di stupidità . Vogliamo parlare di quel troglodita che ha sputato addosso a un medico e a un infermiere , obbligandoli così alla quarantena e togliendoli di fatto dal servizio?
In un periodo così tragico , dove la carenza di personale e le attrezzature sono ridotte al lumicino , cosa meriterebbe questo bipede ignorante ? E che dire di coloro che hanno distrutto un Pronto Soccorso ?
Sappiamo tutti come sono messe le strutture sanitarie al Sud .
Chi cerca di dare il massimo , si trova a combattere contro le infiltrazioni mafiose , che aspirano nella loro bocca vorace , i milioni di euro stanziati .

Mi e' bastato vedere il servizio sull'ospedale di Locri . Spaventoso !
L'esodo di massa verso le regioni del sud , ha fatto si' che si diffondesse ancor di piu' l'epidemia . Gente che si trovava a Milano , Brescia , ecc..ha affollato treni in partenza , esponendo altri passeggeri al contagio . Mossa molto stupida .
Infatti hanno creato altri focolai , contribuendo ulteriormente a dare il colpo di grazia alle strutture ospedaliere . Che assistenza troveranno , dove abitualmente in certi ospedali i malati vengono parcheggiati sulle barelle nei corridoi ( quando va bene ! )?
Possibile che il buon senso sia quasi completamente scomparso dalla testa della gente ?
Purtroppo e' impossibile controllare tutto cio' che viene riportato sul web .
C'e' gente che si diverte a creare notizie false . Si diverte a danneggiare . Si diverte anche a speculare sulle disgrazie altrui .
E la cosa piu' tragica e' che una numerosa massa di "cervello piattisti " , pende dalle loro labbra ..
Mi dispiace davvero . Perche' il nostro Paese , invidiato in tutto il mondo per mille motivi , meriterebbe una popolazione cosciente e responsabile .
60

TORINO7

Non dovrebbero esserci assemblamenti di persone per evitare il contagio eppure nei vari supermercati si va a fare file neanche se è scoppiata la guerra
21
BaroneRoscio

BaroneRoscio

47 anni, Arezzo (Italy)

È un influenza, l'influenza stagionale, immessa o naturale, uccide da sempre i debolissimi in fin di vita come è noto e ragionevole. Tra l'altro è una delle influenze più deboli di sempre. Il tampone che fanno ti dice solo che hai il ceppo corona che è il più diffuso da decenni e non il numero19. Quindi le chiacchiere stanno a zero. È tutto terrorismo in classico stile shock economy. Se veramente volevano la vostra salute avrebbero diffuso diete adeguate almeno in ospedale a quei poveretti la vuoi dare una spremuta per la vitamina c??? No? E allora sei il solito delinquente in malafede, tu stato terrorizzi senza soluzioni portando gli influenzati negli ospedali per far morire i deboli. È una cosa inaccettabile per chi ragiona. E comunque per levarsi di torno un virus devi creare nella popolazione gli anticorpi, tutti devono prenderla( se non sono malati gravi) è l'abc dell'influenza.ABC
121
Grisu1970

Grisu1970

50 anni, Como (Italy)

Purtroppo ha periodi di incubazione molto lunghi che sfuggono alla comprensione dell uomo. Quello che facciamo oggi dara risultati tra cinque o sei settimane e questa e una cosa che nell ere del tutto e subito non ha senso.
Bisogna avere pazienza e insistere , purtroppo al momento la paranoia è l unica arma che abbiamo.
Anche se i numerosi casi di guarigione fanno ben sperare per il futuro. Almeno credo.
30

gattoverde88

I FILM DI FANTASCIENZA SONO DIVENTATI REALTA
21
bobos

bobos

61 anni, Pistoia (Italy)

il problema è abbastanza serio bisogna fare di tutto per non contagiare e essere contagiati e sperare che le logiche delle matematiche ci diano una mano senno siamo nella m.
42
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

..mi dispiace ..
..notare..
..l'accentuarsi..
..delle divisioni..
..interne..
..
.. è sempre colpa..
.. di chi non ci piace..
..
11
Dairlewanger

Dairlewanger

44 anni, Piacenza (Italy)

nulla da fare,gli italiani nonostante i divieti e le regole se ne fottono e come al solito fanno quello che vogliono!!! a mio avviso quelli che sono scappati al sud dovrebbero essere fermati immediatamente e rispediti indietro,(oppure messi in quarantena) da dove sono partiti per non contagiare gli altri.
44
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

42 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Non se ne può più di sentire a parlare di questo virus. Vuole condizionare la mia vita, non ci riuscirà mai
06
dimipunk

dimipunk

46 anni, Trieste (Italy)

Su questo virus, è stato detto tutto ed il contrario di tutto, pertanto, in mancanza di informazioni più precise, non saprei come esprimermi.
17
Frapaolo20

Frapaolo20

47 anni, Pordenone (Italy)

Be sono anch’io della zona arancione pultroppo noto che la gente non so se per ignoranza o non so per cosa ignora delle semplici regole per evitare perlomeno il diffondersi del virus
30

Volerevoli

Come cercare nuovi incontri ai tempi del coronavirus? Conoscendosi per chat, mail o via Skype o videochiamate e approfondendo la conoscenza da lontano. Un'occasione per andare oltre la fretta del primo incontro (spesso ennesima delusione) e verificare meglio se ci può essere intesa e di che tipo. Vale anche per la fretta diffusa, molto maschile, ma non solo - di.... arrivare al sodo "Se non saltiamo subito nel letto - scrive David Grossman - scopriamo che ci sono molte cose di cui parlare, prima"
60
happychildren

happychildren

49 anni, Piacenza (Italy)

Io sono della zona arancione quindi in allerta. Il problema è che ognuno fa quello che infischiandosene del Decreto, delle regole! Quelli che sono scappati al sud sono del sud che ci rimangano!
210