Dieta in Gravidanza, Cosa Mangiare e Quali Cibi Evitare

Uno dei timori di una donna incinta è quello di prendere troppo peso, ecco perché sono molte quelle che scelgono di iniziare una dieta in gravidanza

La gravidanza corrisponde ad un periodo di grandi cambiamenti, interni ed esterni e la carta vincente è sapersi adattare adeguandosi alle trasformazioni e mettendo in campo le strategie necessarie per prevenire situazioni che potrebbero compromettere la forma fisica.

Lo stereotipo che ha governato la società per anni era legato all’idea che con l’avvio della gravidanza, la futura mamma, dovesse iniziare a mettere da parte se stessa per occuparsi esclusivamente del nascituro e così, sono nati molti luoghi comuni, tra i quali, l’impraticabilità della dieta in gravidanza.

Quante volte abbiamo sentito dire "ora devi mangiare per due".

Frasi che oggi ci fanno sorridere ma, con questi retaggi, siamo andati avanti per lungo tempo finché, un po’ di consapevolezza e soprattutto di informazione, ci hanno ricondotto sulla giusta via facendoci comprendere che "dieta" significa regime alimentare bilanciato e che, una mamma con il giusto numero di chili, affronterà meglio i lunghi mesi dell’attesa, e anche e soprattutto il periodo del post parto ritrovando velocemente la sua naturale forma fisica.

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

Ora è sempre più frequente l’approccio preventivo e controllato e, molte donne, scelgono di impostare una dieta a inizio gravidanza.

Vediamo quindi quali sono i cibi da evitare i primi mesi e quelli da assumere per non ingrassare troppo.

Dieta in Gravidanza, il Peso Giusto 

Se stai valutando l’idea di iniziare una dieta per controllore l’alimentazione in gravidanza, è perché vuoi mantenere il tuo "giusto peso".

dieta in gravidanza il peso giusto

Anche su questo termine è bene fare chiarezza perché, in realtà, le misure da prendere in considerazione sono ben due. Il giusto peso di partenza e quello di arrivo.

Ad inizio gravidanza non è detto che si riesca a partire da una condizione di perfetta forma fisica, ovvero avere il peso corretto in rapporto all'altezza e all'età. 

Questo è un primo tema da affrontare. Se stai progettando una gravidanza, hai il tempo di prepararti, oltre che psicologicamente, anche fisicamente. 

Magari sei un po’ fuori peso ma puoi intraprendere un percorso di dimagrimento e depurazione che rimetta in equilibrio il tuo organismo per prepararti al grande evento.

Il peso che avrai raggiunto a termine gravidanza sarà invece il tuo obiettivo. 

La dieta in gravidanza ha quindi lo scopo di gestire questa variazione nell’arco dei 9 mesi garantendoti sempre il giusto apporto di nutrienti e bilanciando i fabbisogni specifici dell’organismo in un periodo così impegnativo, ma soprattutto prestando attenzione ai cibi da evitare in gravidanza.

Calcolare l’obiettivo finale non è poi così difficile, infatti, secondo quanto riportato dal magazine della fondazione Veronesi, "La gestante dovrebbe trovarsi all’inizio della gravidanza possibilmente intorno al peso ideale, stabilito in base all’età, all’altezza e alla costituzione, e conservarlo durante i primi tre mesi, dopodiché l’aumento deve essere graduale fino a raggiungere, al momento del parto, il massimo di 8-10Kg circa".

Cosa Non Mangiare in Gravidanza

Sappiamo bene che ogni donna è diversa, così come gli stili di vita, anche le gravidanze hanno decorsi soggettivi, per questo non è possibile stabilire tabelle di marcia standard che siano adattabili a tutte le situazioni e in generale, questo vale per ogni dieta.

cosa non mangiare in gravidanza

Quello che possiamo invece considerare è che ci sono delle regole generali che possono essere seguite da chiunque e che richiedono solo un po’ di attenzione.

La dieta in gravidanza dovrà tenere conto di alcuni specifici fabbisogni che, in questo periodo, aumentano e vanno soddisfatti.

Stai pensando alle famose voglie? In realtà non ci riferivamo a quelle nello specifico, anche se più avanti affronteremo anche l'argomento.

I fabbisogni sono relativi a vitamine come l’acido folico che, nei primi tre mesi, è indispensabile per prevenire l’insorgenza della spina bifida nel bambino. La dose raccomandata per un donna in stato di gravidanza è di almeno 0,4 mcg/die.

Dal momento che l’acido folico è presente solo in alcune categorie di alimenti come, ad esempio, frutta e verdura, cereali, lenticchie e spinaci, se ne consiglia l’uso in quantità. Spesso, l’acido folico, viene assunto in gravidanza anche in forma di integratore alimentare per garantire alla futura mamma e al bambino, il raggiungimento del dosaggio minimo consigliato.

Calcio e fosforo invece sono alla base della formazione delle ossa e indispensabili alla formazione dello scheletro del bambino. Anche questi vanno assunti con regolarità mantenendo nella dieta la presenza di formaggi freschi, latticini e yogurt.

Un discorso a parte va fatto per i cibi da evitare. Cosa non mangiare in gravidanza i primi mesi, ma anche quelli successivi?

Vediamo insieme una breve lista e le ragioni del confinamento di questi alimenti tra quelli vietati o sconsigliati: 

Tutti questi sacrifici verranno ripagati a termine gravidanza quando potrai riprendere immediatamente il consumo di tutti i cibi a cui hai rinunciato. 

Cosa Mangiare in Gravidanza 

Tornando alla dieta nel suo complesso, è giusto specificare che, il corretto comportamento alimentare è variabile in funzione del periodo di gestazione. La gravidanza si divide, come noto, in tre periodi corrispondenti a tre trimestri. 

cosa mangiare in gravidanza

Dal punto di vista dei problemi legati all’alimentazione, i trimestri più complessi sono il primo e l’ultimo.

Vediamo insieme le ragioni.

Dieta in Gravidanza – Primo Trimestre

Ci siamo, finalmente è arrivato il momento di parlare delle famose "voglie" ovvero degli attacchi compulsivi di fame in cui sembra che la mente non riesca a distogliersi dal pensiero di un determinato tipo di alimento, ma sappi che possono essere controllate o quantomeno limitate.

Nei primi tre mesi molte donne soffrono di nausea. Questa condizione molto spiacevole e fastidiosa potrebbe avere un impatto negativo anche sulle buone intenzioni legate alla dieta che hai deciso di intraprendere.

La quantità complessiva di calorie dovrebbe rimanere invariata cercando di non cedere al desidero di glucidi (pane e pasta) preferendo comunque alimenti integrali.

Ma come resistere a questi attacchi?

Tenendo a portata di mano alimenti poco calorici e permessi come la frutta (quella meno calorica) o delle gallette di riso.

In questo periodo è bene cercare di tenersi impegnate: uscire, fare delle passeggiate e sbrigare tutte quelle commissioni che di solito rinvii.

Più tempo trascorreri fuori casa, minore sarà il rischio di correre a cercare del cibo.

Dieta in Gravidanza- Secondo Trimestre

Decisamente il periodo più bello della gravidanza. Le nausee saranno scomparse e, probabilmente, anche gli attacchi di fame compulsiva. La pancia inizierà a spuntare ma i tuoi vecchi abiti saranno ancora indossabili senza problemi. 

Giunti a questa tappa, il percorso del bambino, è ad un punto cruciale nello sviluppo dei tessuti e pertanto è richiesto un aumento della quota proteica assunta giornalmente. Ricordiamo che esistono differenza tra le proteine vegetali e quelle animali, queste ultime infatti sono maggiormente ricche di aminoacidi che sappiamo essere fondamentali nello sviluppo del feto.

Anche il fabbisogno di calcio aumenta e se non apportiamo la giusta dose, la formazione del bambino potrebbe sottrarre risorse alla mamma indebolendo il sistema scheletrico.

Quindi spazio al consumo di legumi, latticini ma anche frutta secca.

A partire da questo trimestre anche le vitamine diventano fondamentali per l’organismo di mamma e bambino. Frutta e verdura a volontà, con le raccomandazione di sempre sull’igiene e la disinfezione.

Dieta in Gravidanza- Terzo Trimestre

Ecco il momento più complesso dal punto di vista dell’aumento del peso. In questo trimestre il bambino aumentA il peso in modo considerevole e le mamme, oltre a sentirsi decisamente appesantite, potrebbero iniziare ad accumulare liquidi.

É la fase più delicata per la ritenzione idrica. Probabilmente si avvertirà l’ aumento del senso di fame che, se assecondato, sarà il responsabile dei chili di troppo che poi faticherai a smaltire dopo il parto.

Dal punto di vista della dieta, valgono tutte le raccomandazione del secondo trimestre, con il controllo sull’assunzione dei glucidi (pane, pasta, etc).

Ma attenzione, niente cibi confezionati e merendine: sono questi infatti i cibi da non mangiare in gravidanza per non ingrassare.

Limita il più possibile l’assunzione di zuccheri anche perché l’aumento del peso ti impedirà gradualmente di svolgere tutta una serie di attività facendoti diventare un po’ più sedentaria.

Dunque, nel terzo trimestre, la dieta potrebbe tranquillamente comprendere tutti gli alimenti ricchi di proteine, scegliendo preferibilmente carni bianche e proteine vegetali. Frutta e verdura a volontà, le vitamine A e D sono maggiormente richieste in relazione al fabbisogno di calcio e fosforo.

Gli ortaggi sono anche un ottimo rimedio per controllare gli attacchi di fame e rispondono alla domanda, cosa mangiare in gravidanza per non ingrassare troppo

Latticini e yogurt non devono mancare per garantire il giusto apporto di calcio e mantenere in salute il microbiota intestinale.

Il consiglio è quello di mangiare spesso durante il giorno (4 o 5 volte) facendo piccoli spuntini per non sovraccaricare la digestione che potrebbe essere più lunga del solito. Preferire alimenti integrali, ricchi di fibre, che aiutano a prevenire la stipsi, frequente in molte donne incinte. Preferire lo yogurt come fonte di calcio che mantiene l’equilibrio della flora intestinale e bere molta acqua.

Prendersi cura di se stesse è un gesto naturale che passa prima di tutto da una dieta sana ed equilibrata.

Concordi?

113 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.

FrancyOFrancy

Fino a 2 anni fa eLo in KraviDanza, puLtloPPo lu bimb nUn iè nat pecche c'ho gikat tutt l'ann a fa cazzate ..ho sces la panZ eMMhò ci Liplovo a meTTeLmi in FoMMa mejo dePPlima 😂 😂 😂
Ma che problemi devo vedere in una donna gravida? 😳
Ma non esistono i ginecologi? 😜
Lo deve dire un giornale OnneLAin come si deve sorreggere una donna incinta? 😝
Bho, forse si 😂 😂 😂
01
timidocurioso

timidocurioso

39 anni, Potenza (Italy)

.. credo che molto sia cambiato dopo gli anni ottanta..
..mia madre e la sua ..
.. lavoravano in campagna..
..fino a qualche giorno prima del parto..
..per questo non si privavano di nulla..
..i chili in più erano per cultura..
.. garanzia per la salute del bimbo in arrivo..
..le mancanze alimentari..
..spiegavano nella tradizione contadina..
..le mancanze fisiche e psichiche..
01
Ce_viemu

Ce_viemu

61 anni, Genova (Italy)

che stupidaggini, neanche fosse una malattia
10
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Sebbene sia a relativa dieta, per questioni di ciccia, non credo che, possa dare contributi a questo articolo.

Saluti avvoltoieschi.
34

Rapunzel63

L'evento più grandioso per una donna, la gravidanza.
Anche se io personalmente l'ho vissuta con molte problematiche e difficoltà per la salute, rifarei tutto daccapo 10, 100, 1000 volte!
Ovviamente ci vuole attenzione e misura in tutto anche nell'alimentazione.
32

Ani79

Yesaaaa Credo sia sano e consapevolmente responsabili seguire una dieta in gravidanza....ovviamente fscendosi affiancare da dietologi e/o nutrizionisti esperti...
Saper gestire gli attacchi di fame....ma nn solo in gravidanza !!!! 😓☹😅
Holaaaa
Baci stellari
A££€gry e Incinte fuori peso e soppesati ???
Eh?🤐😱🤪
A*
44

marchesa0

argomento perfetto per questo periodo...mi tocca molto da vicino 😍 😍 😍 e mi rende felice 😍
612
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Prima di tutto manca lei. Poi se le cose vanno bene si può formare la famiglia compreso i figli. Se manca pure la prospettiva del lavoro. Visto gli ultimi anni come garantiamo ai nostri figli una vita serena
11