Razzismo: Qual è la Forma che ha Assunto nella Società Odierna?

Gli ultimi fatti di cronaca, hanno accesso un dibattito sempre più ardito sul tema del razzismo. Ecco che forma che ha oggi e com'è stato trattato al cinema

Negli ultimi tempi si sta sentendo spesso parlare di razzismo.

In effetti, a causa degli eventi che hanno coinvolto George Floyd, l'ex atleta americano assassinato da un agente di polizia, il tema sul razzismo è ritornato fortemente alla ribalta.

Ma cos'è il razzismo?

L'enciclopedia Treccani da la seguente definizione di razzismo: "Concezione fondata sul presupposto che esistano razze umane biologicamente e storicamente superiori ad altre razze". Certo, leggendolo in questo modo, il concetto sembra ricordare alcuni anni bui per l'umanità e parlarne ora nel 2020 sembra quasi assurdo. Tuttavia, il razzismo oggi è più forte che mai.

Perché è presente e com'è possibile sconfiggerlo?

Ecco tutto ciò che occorre sapere.

Razzismo Oggi: un Problema Comune

Qual è il motivo per il quale il razzismo oggi è così presente? 

Sei single? Cerchi una nuova relazione? Trova la persona giusta su Lovepedia, il sito di chat e incontri 100% gratis più visitato in Italia.

razzismo oggi

La risposta è semplice e quasi scontata: alla base del razzismo c'è l'odio.

L'odio verso le altre persone, spinto da ragioni immotivate che spesso derivano da insoddisfazioni personali.

In altre parole, è possibile vedere il razzismo come una sorta di sfogo per le proprie prospettive mai realizzate, che possono portare ad episodi di razzismo. Si tratta di un modo, totalmente errato, di sfogare le propre frustrazioni su chi ci sembra diverso da noi.

Un'altro elemento è dettato dalla paura: ciò che non c'è noto ed è diverso da noi ci spaventa, e ci porta ad alzare delle barriere.

Infine c'è l'ignoranza. Sembra quasi un paradosso che nel ventunesimo secolo l'ignoranza dilagante propaghi e diffonda tale sentimento d'odio, proprio come avveniva con il razzismo scientifico nel Far West, un secolo fa. Eppure, triste a dirsi è così.

È importante riconoscere questo problema quindi, difatti, identificarlo e comprenderlo è il primo passo verso l'accettazione.

E in Italia, in che modo è presente il razzismo? 

Razzismo in Italia: è Presente?

Il razzismo in Italia è presente. 

Non è infatti raro vedere cittadini italiani scagliarsi contro immigrati ed altre persone straniere, addossandogli la colpa di tutti i problemi della penisola. Ancor più grave poi, è vedere come politici importanti, che dovrebbero essere un punto di riferimento per i cittadini, basino la propria campagna elettorale calunniando coloro che hanno un colore della pelle diverso.

L'odio propagato, spesso sfocia anche in episodi di razzismo nello sport, in manifestazioni seguite in tutta la nazione. Si pensi ad esempio a quante volte sono stati inneggiati cori offensivi verso calciatori dalla pelle nera. È importante ricordare che alcune tifoserie non hanno criticato solo sportivi provenienti da altri paesi, ma anche italiani a tutti gli effetti, come nel caso di Mario Balotelli che nel corso di una partita contro il Verona, scaraventò fuori il pallone e fermò il gioco per le continue offese ricevute.

Tuttavia, sembra che questo problema sia legato alle vecchie generazioni. Il dilagante problema, ha come effetto anche quello di sensibilizzare i giovani. Dal momento che la tematica è attuale e presente anche nel nostro paese, non sono pochi gli insegnanti che cercano di far comprendere ai propri alunni la futilità del razzismo. Per farlo, molti leggono Il razzismo spiegato a mia figlia, un meraviglioso libro di Tahar Ben Jalloun che riesce a far chiarezza in modo semplice su questo tema negativa, identificando anche i modi per abbatterlo totalmente. La speranza quindi, è quella che le nuove generazioni possano essere migliori. Anche se sembra essere un'utopia riuscire ad eliminare completamente il fenomeno, un grande miglioramento può essere quello di isolarlo, invitando coloro che manifestano atteggiamenti razzisti a cambiare visione, senza assecondarli.

Razzismo in America: un Problema Radicato

Se in Italia ci sono episodi di razzismo, ma costituiscono un problema che si può ancora tenere sotto controllo, in America la situazione è completamente diversa. Il summenzionato caso di George Floyd è solo la punta dell'iceberg. Anno dopo anno, sono davvero tanti i cittadini con la pelle nera che vengono uccisi o imprigionati senza alcun motivo valido.

Il fenomeno del razzismo è abbondante in particolar modo negli stati sud degli USA, dove storicamente le persone di colore sono sempre state trattate come schiavi e non come esseri umani. Non a caso, anche gli uomini di legge di origine afro-americana non possono certo dormire sonni tranquilli nel sud degli Stati Uniti d'America.

A questa mentalità contorta si aggrappano anche alcuni politici appartenenti all'attuale partito Repubblicano. Lo stesso presidente Donald Trump in alcuni tweet si esprime in modo diretto contro le persone di colore, definendole banditi e gangster. Il problema negli USA possiede radici molto profonde, che sfociano anche in manifestazioni violente organizzate da società che dovrebbero essere definite terroristiche, come il Ku Klux Klan. Per gli Stati Uniti d'America quindi, eliminare il problema è una prospettiva lontana. Ad ogni modo, la soluzione può essere quello di contenerlo, fermando sul nascere eventuali fenomeni d'odio razziale ed ottenendo la maggioranza a livello politico e sociale di coloro che sono a favore di equità e giustizia.

Il razzismo nel mondo USA è molto forte quindi, ma ci sono alcuni paesi ai quali gli Stati Uniti possono ispirarsi per arginare il problema. Ad esempio, alcune nazioni del Nord Europa come la Svezia da anni favoriscono l'integrazione di ogni individuo. Il sistema svedese permette a chiunque di poter godere di un buon lavoro e costruirsi una carriera puntando sulle proprie abilità, senza discriminazioni. Avere come punto di riferimento questo modello, può essere un buon punto di partenza per combattere il razzismo, sia per gli Stati Uniti che per l'Italia.

Frasi sul Razzismo: Quando l'Intelligenza è la Migliore Arma

Ci sono alcune frasi contro al razzismo che possono abbattere questo fenomeno e sensibilizzare gli altri.

frasi sul razzismo

Difatti, molti pensatori del passato, ma anche delle epoche presenti, si sono espressi per contrastare il razzismo. Ad esempio, Nelson Mandela, personaggio che si è battuto con coraggio contro il razzismo durante gli episodi di Apartheid in Sudafrica disse:"Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l'amore, per il cuore umano, è più naturale dell'odio". Una frase meravigliosa, che fa interrogare ognuno di noi in merito alla natura umana ed al fatto che dobbiamo sempre imparare ad amare.

Un altra farse emozionante in merito a questa tematica l'ha espressa il già citato scrittore Tahar Ben Jalloun. Il poeta marocchino ha dichiarato il suo pensiero in questo modo:"Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo". Tale aforisma fa pensare alla tematica dell'integrazione, un aspetto fondamentale se si vuole combattere ed eliminare il razzismo e la xenofobia.

Infine, un'ulteriore frase che si può utilizzare anche sui propri canali social per dire no al razzismo l'ha detta Ryszard Kapucinski, giornalista e scrittore polacco. Riguardo alla xenofobia, il saggista ha dichiarato:"La xenofobia è la malattia di gente spaventata, afflitta da complessi di inferiorità e dal timore di vedersi riflessa nello specchio della cultura altrui". Una grande verità che evidenzia come la cultura in generale e l'istruzione, unita all'intelligenza, sono grandi armi per fermare il razzismo.

Film sul Razzismo: Quali Sono le Pellicole da Vedere?

La settima arte ha sempre sfornato grandi opere che parlano di razzismo e lo affrontano in modo diretto.

film sul razzismo

Qualcuno potrebbe pensare che film che trattano di questa tematica possano essere noiosi o particolarmente pesanti. Tuttavia, ci sono pellicole emozionanti che possono essere viste con piacere da qualsiasi genere di pubblico. In particolare, i ragazzi dovrebbero guardare questi film e cogliere il messaggio contenuto al loro interno.

Quali sono alcune di queste pellicole?

Questi erano solo alcuni di film che è possibile vedere per apprendere di più sul razzismo e sconfiggerlo definitivamente. In ultima analisi, si ricorda che anche il cinema è cultura e guardare questi ed altri lungometraggi che parlano di questa tematica è una cosa che chiunque dovrebbe fare.

Qual è il tuo pensiero in merito l'argomento?

68 commenti

Per commentare questo articolo effettua l'accesso oppure registrati.
5
Gino_Filo

Gino_Filo

63 anni, Torino (Italy)

Razzista è un bianco che non finge di sopravvalutare i negri. Gli altri casi sono marginali. Un nigeriano che malmena un bianco non è razzista: sta giustamente esternando il suo malcontento. Questa è la mentalità corrente e siete pregati di confermarvi.
12
ilcapitanoamore

ilcapitanoamore

41 anni, Pesaro e Urbino (Italy)

Chi fomenta l'odio manifestando in ogni momento e non si preoccupa che siamo tutti uguali. Siamo persone umane.
62
KlocksterSuburbyte

KlocksterSuburbyte

30 anni, Milano (Italy)

Che 2 palle... Ma onestamente,,, Ancora col problema del colore della pelle dopo quanti anni che ci si fa la guerra fra poveri in nome di buffonate create ad hoc dai mass media?
Nel tempo si va avanti, non si torna indietro ad una mentalità occidentale perdente già da quando è nata....
Tutti a fomentare le cause dei nostri problemi lamentandosi degli stessi... Se il prossimo leader come salvini, decide di discriminare in base al q.i., gettando in mare tutti i +coglioni che popolano sto stato sai quanto ci vuole x eliminare il problema alla radice?
E con tutto il bene... non diventi criminale se nasci nero... diventi criminale se nasci povero...
41
speranzosa2

speranzosa2

54 anni, Torino (Italy)

Quella di finire che siamo razzisti visto che noi nel nostro paese non abbiamo più diritti
45
Cuoreditenebra71

Cuoreditenebra71

49 anni, Treviso (Italy)

Razzismo, debito, e guerra, sono le tre parole magiche che la
finanza apolide utilizza come un cavallo di troia per sovvertire
la democrazia e soggiogare i popoli.
Piano criminale che andrà a compimento grazie alla connivenza
di politici, giornalisti e persone comuni, legate tra loro da un
unico denominatore: una disfunzione dell'insula anteriore.
Detto in parole povere, tutta gente che non capisce un cazzo.
312
zagubena

zagubena

50 anni, Roma (Italy)

L'Italia ha una storia d'immigrazione molto recente, rispetto agli altri paesi europei. Gli italiani sn camuffati perbenisti, a parole accolgono tutto, quando vai a stringere accolgono sto caxxo. Me lo ricordo il lontano 94 qdo nn sapevano nemmeno dove stesse il paese mio, seppur adesso fa parte dell'EU. Gli italiani sn camuffati perbenisti e, latenti razzisti, rispetto agli altri paesi europei storicamente accusati di razzismo. Paesi dove qdo entri e cominci a far parte di quella società, effettivamente fai parte di quella società. Invece L'Italia accoglie tutti per poi lasciarli nella merda ed invisibilità totale. Infatti, la maggior parte degli immigrati è di passaggio, nn vuole restare in Italia. Chi sa perchè.
214
blackhole57

blackhole57

63 anni, Milano (Italy)

Dico solo questo,(perquanto riguarda gli italiani), a due euro allora reclutano immigrati neri e questo gli và bene, per riconoscergli i diritti diventano tutti xenofobi e intolleranti verso gli stessi. Non mi riconosco in questo genere di umanità. La paura del diverso è sempre la solita vecchia storia, esiste tra nord e sud (e viceversa)....rimane una visione distorta e limitata del genere umano che deve ancora fare molta strada per evolversi culturalmente.
14
timidocurioso

timidocurioso

40 anni, Potenza (Italy)

..sono razzista..
..odio i neri..
..ma non le nere..
..odio i gialli..
..ma non le gialle..
..i rossi..
..ma non le rosse..
..i biondi..
..ma non le bionde..
..e comunque..
..porto sempre il cappuccio..
14
Mustaine2

Mustaine2

48 anni, Roma (Italy)

Il razzismo non può essere sradicato all'interno di una società umana...perché l'essere umano in genere è sempre propenso all'odio, salvo naturalmente qualche eccezione.
Ci sono alcune società che in genere sono più tolleranti di altre, non solo per una presunta "cultura" più diffusa ma anche per il grado di benessere che le caratterizza. Quando l'economia di un paese è in difficoltà, puntualmente il malcontento sfocia in atti violenza e intolleranza: la necessità "storica" di prendersela con qualcuno.
In periodo di globalizzazione, le guerre sono limitate alle zone "povere"...etniche o tribali (a parte quelle scatenate dall'economia "militare" e "petrolifera").
Gli Stati Uniti sono il miglior esempio di una società, sebbene multietnica e con una storia di pochi secoli, basata sulla violenza e sulla paura: la condizione migliore per la vendita di armi.
Se anche ci fosse un'integrazione totale...alla fine, comunque, si finirebbe per odiare il vicino di casa (se già non è così).
Una società/popolo che non lotta più per la propria sopravvivenza o per il predominio territoriale, si combatte per l'egoistica affermazione di se stessi, del proprio benessere e dell'incessante ricerca di migliorare la propria posizione sociale.
Buona giornata
55
any1979

any1979

41 anni, Foggia (Italy)

Finalmente nuovamenteun magazine di mio gradimento e che nn tratti il lockdown!
Sul razzismo posso dire che é sinonimo di cattiveria di stupiditá e chiusura mentale
Peró ad onore del vero penso sia un "peccato" di cui tutti prima o poi ci siamo macchiati.
56
Foxbat51

Foxbat51

69 anni, Pordenone (Italy)

Razzismo, in Italia esiste anche oggi (2020) certi lo mascherano con campanilismo, ma sotto sotto....
Regno Unito, col passato coloniale è tutt'oggi razzista: non ho mai visto uno studente di Oxford o Cambridge di pelle nera.
Germania, un episodio di razzismo fu perpetrato da Angela Merkel e tutti i media glissarono sul razzismo attuato. La Merkel disse si all'ingresso in Germania a clandestini siriani. Così facendo, scremava le varie nazionalità e scegliendo solo siriani, sapeva che risolvevano almeno TRE requisiti: 1-erano profughi di guerra; 2-la maggioranza degli adulti era laureata; 3-Quasi tutti sapevano già l'inglese....
Cara Lovepedia, se rispondessi al Vostro quesito: "Qual è il tuo pensiero in merito l'argomento?" sarei querelabile!
18
5
dimipunk

dimipunk

45 anni, Trieste (Italy)

Sentivamo il bisogno della marchetta alla vulgata dominante.

Per salvaguardare la salute del mio apparato digerente, ho letto solo titolo e titoletto e, ho saltato il resto.

Buon divertimento, con la diarrea della fogna mediatica.
510
Ante_pavelic88

Ante_pavelic88

45 anni, Sondrio (Italy)

Andate a cagare!

Il caso Floyd è tutta una montatura, guardate il filmato, alle spalle c'è un distributore di benzina e si vedono chiaramente i prezzi:

Gasolio 1,89 il gallone.

In Minnesota il prezzo medio negli ultimi mesi è stato di 2,80$ quello è un prezzo di parecchi anni fa, quindi il filmato è di parecchi anni fa.

La furia iconoclasta dei globalisti è solamente agli inizi. Presto tacceranno di razzismo e intolleranza qualsiasi testimonianza del nostro passato. E allora sarà chiaro che questi criminali puntano a recidere ogni radice e spezzare una volta per tutte lo spirito umano.

Alla luce di tutto ciò che sta accadendo, le conferme sulla non casualità del virus sono sempre più forti: serviva qualcosa che fermasse in primis le masse non allineate, e che in un secondo momento portasse a termine il piano definitivo del #deepstate , ovvero il caos totale.

Sì, il disegno è quello. Le radici ci rendono unici. Eliminarle è il sistema più veloce per dirti che sei identico a qualsiasi altro cittadino nel mondo cioè uno zombie. Siamo in piena svolta storica. Vanno fermati. Ma lo troviamo il coraggio per farlo?
417